Discover the charm of Livorno: Piazza Cavour

Sembra quasi superfluo parlare di Piazza Cavour. Tutti i livornesi la conoscono, sanno dov’è, può essere un punto di riferimento se qualche straniero ti chiede un’informazione su una determinata via del centro.

 

 

Piazza Cavour “è il centro”. Se ci si dà un appuntamento si dice: “vediamoci in Piazza Cavour!”, e così, senza equivoci, sai che la persona che devi incontrare la trovi sicuramente. Non c’è dubbio che le vecchie generazioni, i nonni soprattutto, ricordano bene com’era la piazza ottant’anni fa: diversa, molto diversa.

E forse i giovani di oggi non ne conoscono la storia, la nascita, e che prima del 1862 si chiamava “Piazza del Casone” e che… ma andiamo per ordine.
Proprio così, prima del 1862 si chiamava Piazza del Casone, perché fu aperta subito dopo la demolizione della caserma vicina che proprio Casone faceva di nome. E si è chiamata anche Piazza San Leopoldo. A quei tempi – ve la descrivo come se “leggessi” una foto dell’epoca – c’era il “Palazzo Rosso”, per via di quei mattoni che rivestivano la facciata, costruito dall’architetto Innocenzo Gragnani; un palazzo di tre piani con colonne di tre stili diversi, dorico, ionico e corinzio, con torre ottagonale. Davanti al Palazzo Rosso si trova un palazzo edificato da Giovanni Battista Picchianti, dentro al quale vi era un fiorente laboratorio per la lavorazione del corallo, di un certo Carlo Santoponte. Allora questa attività era molto fiorente a Livorno. La piazza era il capolinea del tram elettrico che portava in varie direzioni, c’era la Tesoreria Comunale, un ufficio postale e il Caffè Il Folletto. Vi era poi il Caffè Bardi, ritrovo per artisti e letterati; e ogni volta che sento parlare di certi veri “caffè letterari”, mi chiedo se non sia più davvero possibile ricreare tali ambienti dove l’arte e la cultura potrebbero avere spinte e stimoli nuovi per una città che non ha perso, a mio parere, la voglia di creare. Allora sfilavano le carrozze pubbliche, quelle signorili, i carretti con le mercanzie, il carretto per la raccolta della spazzatura e la gente passeggiava senza l’assordante rumore delle marmitte respirando aria pulita invece del monossido di carbonio.

 

 

L’idea della nascita di Piazza Cavour venne fuori da un’esigenza ben precisa: dopo la costruzione della Piazza del Voltone infatti, che copriva un tratto del Fosso Reale, era necessario un rinnovamento urbanistico, e si pensò ad unire la Città Medicea alla Città Leopoldina, perciò per primo fu abbattuto il ponte del Casone che conduceva nella piazza omonima, e dall’area della Porta al Casone – costruita nel 1628 e demolita intorno al 1830 – fu costruito un ponte in modo che la piazza di fronte si raddoppiasse. Era il 1862.
E qui sento l’esigenza di farvi respirare l’atmosfera dell’epoca attraverso una descrizione della vita in piazza fatta da Gastone Razzaguta in Livorno nostra: “D’estate, dopo una giornata calda e di lavoro, si poteva sedere in una comoda poltrona di vimini al grande Caffè e centellinare piano una bibita refrigerante. Gli ombrelloni colorati a uno a uno venivano chiusi, un’aria fresca alitava sul viso come una lieve carezza e distendendoci comodamente ci s’abbandonava a quella voluttà innocente col cuore rasserenato. Intanto sul mare il cielo assumeva colori vivaci e cangianti e nella piazza centrata dal monumento a un pensoso Cavour incappottato pesantemente, l’andirivieni era festoso e continuo.”

 

 

Quando si entra nel XX secolo e ormai il tram trainato dai cavalli è stato sostituito da quello elettrico, anche l’illuminazione cambia: gli uomini addetti all’accensione dei lampioni a gas non servono più. I lampioni moderni elettrici vengono infatti accesi da una centrale. Di carrozze se ne vedono ancora molte in giro per la piazza e per la città, ma sono già entrate in funzione le auto-taxi, guardate con grande diffidenza dai vetturini che percespiscono un cambiamento negativo per il loro lavoro.
Nel 1885, un grande industriale di nome Corridi, chiese la realizzazione di una “ferrovia a cavalli”, la cui tratta doveva essere proprio dalla Piazza Cavour fino al suo stabilimento che si trovava in Collinaia. Questa “pretesa” naturalmente non venne accolta, ma venne invece creato un servizio pubblico, gli omnibus, da Piazza Cavour alla stazione. Un’esigenza ben precisa, visto che ormai con la ferrovia molte erano le persone che si recavano alla stazione e avevano bisogno di un mezzo che li trasportasse lì e poi tornare verso il centro. Naturalmente i vetturini privati, ancora una volta, non videro di buon’occhio questo servizio e ne furono danneggiati notevolmente. Il prezzo del biglietto per una corsa degli omnibus era di 15 centesimi.
Quando Camillo Benso conte di Cavour morì, ci fu una commissione che decise di dedicargli una statua. Si doveva trovare il denaro, ma non fu così difficile: alcune persone contribuirono personalmente, i rimanenti soldi furono trovati eseguendo tredici “tombole” pubbliche, in Piazza Mazzini, durante i giorni festivi. L’opera fu affidata a Vincenzo Cerri (1833-1903). La base della statua è opera dell’architetto Arturo Conti e vi si possono leggere scolpite queste parole: A Camillo Benso conte di Cavour i Livornesi nel 1871. Le aquile sono di Giovanni Puntoni (1837-1902). L’inaugurazione avvenne il 4 giugno del 1871.
La statua di Cavour, alta 4,36 metri (9,50 metri l’intero monumento), era circondata ai quattro lati da lampioni elettrici a quattro luci e “protetta” da una balaustra in ferro e costò 112.000 lire.

La zona in cui si trova Piazza Cavour era uno dei baluardi della città fortificata. Il baluardo (o Bastione) era un sistema difensivo molto efficace che serviva a proteggere le parti delle fortificazioni più esposte agli attacchi e agli assedi.
Furono venduti i terreni sui quali vi erano le fortificazioni, nel 1827, nella zona compresa fra la chiesa di San Benedetto e Borgo Cappuccini, e fu Luigi de Cambray Digny a progettare il collegamento tra la città e i sobborghi fuori dal Fosso Reale. Nel 1828 Cambray Digny presentò i disegni del progetto che prevedevano una nuova porta vicino al Bastione del Casone e una piazza esterna al nuovo varco, con una serie di strade simmetriche.
Il progetto fu realizzato subito, e alla fine dei lavori, fu innalzata anche una chiesa, quella dei Santi Pietro e Paolo.
Il Palazzo Uzielli, il Palazzo Santoponte e il Palazzo Gragnani fanno bella mostra di sé in questa importante piazza. Il Palazzo Uzielli fu progettato da Riccardo Calocchieri, il secondo da Giovan Battista Picchianti.
Alcuni anni fa il monumento a Cavour fu danneggiato in maniera deplorevole: deturpato e mutilato, le teste delle aquile decapitate. Ma risanato in tutte le sue parti e restaurato, ripulito dalle ignobili scritte dai “pennarellisti” che non hanno alcun rispetto per l’arte e la cultura, è stato riconsegnato ai cittadini in tutta la sua bellezza. Già nel 2000 ci vollero 81 milioni di lire per restaurare il monumento: un restauro vanificato poi da altri vandali che pare non vogliono capire che quei soldi vengono fuori anche dalle loro tasche o da quelle dei loro genitori.
Una nota curiosa riguarda infine proprio l’autore della statua di Cavour: lo scultore, Vincenzo Cerri, che aveva rappresentato Cavour secondo l’iconografia dell’epoca, cioè in abito borghese, in piedi, pensoso, con una mano in tasca e l’altra che regge una carta semiarrotolata, pare che, a detta della moglie, ogni volta che si trovava a passare dalla piazza evitasse di guardare la statua. Il motivo è che il Cerri non era molto soddisfatto del suo lavoro. Sue altre opere come il monumento al Vescovo Gavi e quello a Gustavo Corridi.

  

  

 

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie