I Quattro Mori

Quando abbiamo parlato di Piazza Cavour pensavamo che c’era ben poco da scoprire o da dire su questa piazza che tutti i livornesi conoscono come il punto centrale per eccellenza della città.

Stessa cosa potrebbe valere per i Quattro Mori, il monumento che rappresenta Livorno, il monumento più conosciuto, forse il più significativo. E sicuramente non tutti i cittadini livornesi conoscono per intero la sua storia.

Potremmo iniziare dal dire che furono due schiavi del Bagno delle Galere di Livorno, Morgiano e Melioco, ad ispirare Pietro Tacca da Carrara (1557-1650), “celeberrimo fusore di bronzi e statuari”, per realizzare i mori, che furono posti alla base del monumento, ma solo la prima coppia, nel 1623: l’altra coppia fu aggiunta nel 1626, quando regnava Ferdinando II. C’è da dire che i due schiavi che si “prestarono” per fare da modelli, per la loro pazienza nell’assumere le posizioni volute dal Tacca, ottennero la grazia. Morgiano, il più giovane dei due mori, si trasferì a Firenze dopo aver messo su famiglia, e sembra che ogni tanto portasse la moglie ed i figli a Livorno per farsi ammirare da loro: non era da tutti, soprattutto se schiavi, o ex schiavi come nel caso di Morgiano, essere immortalati e scolpiti in bronzo da un talento come il Tacca.
La statua di Ferdinando I fu eseguita da Giovanni Bandini (1540-1599), detto dell’Opera, eretta per indicare al popolo le vittorie che la Marina militare toscana riportò sui Turchi e sui Barbereschi.
I cittadini rimasero colpiti da quell’enorme blocco di marmo e dall’imponenza del Granduca, così che lo chiamavano Ferdinando di Porto.

Alcuni critici giudicavano la statua del Granduca goffa, sgraziata e pesante, ma chi difendeva l’opera di Pietro Tacca diceva che la figura di Ferdinando, pur indossando una veste guerresca, che mostrava il petto chiuso da una corazza sulla quale vi è posta la Croce dell’Ordine di Santo Stefano, che aveva bracciali di ferro, i guantoni alla mani e schinieri metallici alle gambe, appare su quel piedistallo con atteggiamento solenne, con proporzioni ben calcolate.
I Quattro Mori hanno anche ispirato “rispetti” di cui ne riportiamo uno del Tigri e l’altro raccolto nella provincia di Lucca. “Alla marina, che c’è i Quattro Mori, veniteli a vede’ come son neri, son quattro ladroncelli rubacori”; “O luna, che fai lume a’ Quattro Mori, fai lume ai bastimenti e ai marinari, fai lume all’amor mio che va ‘n Algeri”.
I “rispetti”, per chi non lo sapesse, sono dei componimenti di intonazione sentimentale, di origine popolare, diffusi soprattutto in Toscana.
La statua di Ferdinando I fu posta sul basamento marmoreo nel 1612 e, come abbiamo detto, i mori furono aggiunti alla base qualche anno più tardi. Di Giovanni Bandini, lo scultore, si deve ricordare la statua di Ercole che uccide l’Idra alla Villa Medicea di Camugliano, i rilievi dei recinti del Coro di Santa Maria del Fiore in stile stiacciato (tecnica scultorea), una Giunone a Palazzo Vecchio a Firenze, le statue di Venere e dei mostri marini nei giardini di Palazzo Budini Gattai.
Il monumento dei Quattro Mori inizialmente fu collocato sulla destra uscendo da Via Grande, vicino all’imboccatura di Via Fiume (allora Via del Giardino), e lì vi rimase fino al 1888, poi, per ragioni estetiche e urbanistiche, fu spostato di venti metri, cioè nel punto dove si trova adesso. Quando fu smontato per il trasferimento, e riparati i danni causati dal tempo, vi furono aggiunte otto lastre, o specchi, di marmo rosa: specchi che non erano stati posti nel 1626 durante la realizzazione.
Si è detto che i mori furono aggiunti alla statua di Ferdinando I per mostrare le vittorie contro i corsali levantini, e questo doveva essere di monito per farli desistere da altri attacchi o da escursione piratesche. In realtà vi erano ancora pirati che si aggiravano nei pressi della Gorgona, e si spingevano verso il Fanale e il Molo nuovo, spaventando le donne che avevano i loro uomini in mare per pescare. Si legge una testimonianza di un uomo datata 8 aprile 1765: “Si vede in queste vicinanze un bastimento Corsale barberesco, che alle viste di questo Porto ha predato diversi piccoli Bastimenti, e fatti diversi stiavi”.
I livornesi allora si aspettavano che le autorità prendessero dei provvedimenti. Il tempo di preparare le difese e l’11 aprile del 1765 il popolo imbraccia le armi. Il Diarista dell’epoca così descrive: “Si fanno delle spedizioni di soldati per guardare questa Costa di Marina di Levante dai Corsari Barbereschi, cioè – al Lazzeretto di S. Jacopo, e i suoi contorni. Due cento Soldati con il Sig. Tenente Colonnello Serra, e altri Ufficiali. – All’Antignano 30 Soldati, comandati dal Sig. Waron. – Ai Cavalleggieri 34 Dragoni venuti da Pisa. – Ordinato ai Popoli di Maremma di star pronti colle loro armi ad ogni chiamata; alli Cavalleggieri, che vi si ritrovano, di battere la Marina notte e giorno”.
Ma i Quattro Mori, pur se capitanati da un superbo “Ferdinando di Porto”, da quel che si raccontava, non atterrivano più di tanto le scorrerie barberesche, tanto che il monumento rimase solo un simbolo totalmente innocuo.
Il Magri ci riferisce che la data del monumento risale al 1609, e questo dice: “In quest’anno si disdegna alla marina la statua di questo fortunatissimo Principe (Ferdinando I), che poi fu arricchita di altre 4 statue di bronzo, che stanno legati a’ suoi piedi, opera bellissima…”. Ma le date non tornano. Le ricerche del Bonaini ci dicono che Giovanni Bandini andò a Carrara nel 1595 per abbozzare la statua di Livorno, e che poi, via mare, fu trasportata a Livorno nel 1601. E nessun documento ci parla del monumento eretto nel 1609. Resta perciò la fonte più veritiera, che è quella che ci dice che il monumento fu innalzato il 24 aprile del 1612.
Leggiamo in una lettera del Tacca che le due granduchesse tutrici e reggenti durante la minorità di Ferdinando II, Cristina e Maddalena, gli avrebbero dato l’ordine, per volere di Cosimo II, di sostituire la statua di Ferdinando I con quella della Religione di Santo Stefano. Ma il Tacca non accettò tale incarico e si recò a Firenze per terminare i quattro mori.

I livornesi si sono sempre vantati dei Quattro Mori, e nel tempo non sono mancati i poeti vernacoli che per loro hanno usato un linguaggio di ammirazione e decantato ai forestieri le qualità.
Cic.: Che robba eh?
For.: Stupendo!
Cic.: È vattro mori! Lo vede Ferdinando? dia, parvero! Son der Tacca, di bronzo; che lavori! Qui ci doventa scemo ‘r forestiero! Eran pirati, dice, marfattori; Ma lui te l’arrembò da gran guerriero.
For.: A Livolno li prese oppure fuori?
Cic.: Questo ‘un lo potre’ di perché nun c’ero. Di là si vede tutt’e quattro nasi… Guardi le fasce! È tutto ben tappato…
For.: Ma uno e con la foglia, … stona quasi.
Cic.: Ni stonano e’ pucini, ber mi’ tato! Varsiasi monumento resta ‘asi! Quello ha la foglia, è segno che c’è nato!
(Davini, Livorno in vernacolo, 1892)

 

 

  

  

 

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie