Livorno quando era la capitale del basket: era il 1978

  • Pubblicato: Mercoledì, 14 Ottobre 2015 15:57
  • Scritto da Augusto il risi'atore

Grazie al Palasport dei 5.000 inaugurato da due anni (le poltroncine che verranno collocate in seguito ne ridurranno la capienza a poco più di 4.000) Livorno provò a programmare l'ascesa dalla serie B alla A2 nella stagione 1977/78.

 

 

Nel girone B della poule promozione, dietro alla promossa Sarilà Rimini con 20 punti, rimasero a contendersi la seconda piazza utile per salire di categoria Pallacanestro Livorno e Rodrigo Chieti appaiate a 18... Ricordate il pezzo della scorsa settimana sulla nascita della grande rivalità cittadina e sul biscotto che ha impedito la promozione diretta ai biancoazzurri guidati da Pasini? Fu quindi necessario lo spareggio, sede stabilita Roma, al Flaminio, la data è il 24 aprile. La tifoseria livornese si mobilitò il basket aveva attecchito anche tra i tifosi del calcio, il palasport era sempre stracolmo. Venne organizzato per la prima volta nella storia della pallacanestro italiana un treno speciale per i tifosi al seguito. Durante la settimana il coach Pasini chiese ai tifosi di indossare qualcosa di amaranto o biancoazzurro per distinguersi e far capire di essere livornese. Quanto poco conosceva i tifosi della PL…
Il treno si mise in marcia con enormi speranze. È la primavera del '78, quella del rapimento di Aldo Moro del 16 marzo, in quel giorno ancora nelle mani delle Brigate Rosse (fu poi ritrovato il 9 maggio). Potete immaginare la tensione che c'era nella capitale, si poteva tagliare a fette. Migliaia di tifosi si misero comunque in marcia. Mi ricordo che ci sembrava di partire alla conquista del mondo ma quando arrivammo alla stazione Ostiense, praticamente diventammo quasi invisibili nel flusso dei passeggeri. La muraglia umana si riformò fuori dal Flaminio tre ore prima dell'inizio ed appena aprirono i cancelli metà palasport fu riempito in pochi minuti. Canti, sventolii di bandiere, dimostrazioni incredibili di affetto accompagnarono il riscaldamento della squadra. Nella metà palasport avversario nessuno sugli spalti. A pochi minuti dall'inizio fecero la sua apparizione circa 200 tifosi teatini, abbondantemente soverchiati dal tifo labronico. Ma l'impresa sportiva non riuscì, il Rodrigo Chieti del grande Mark Campanaro vinse per 85 a 80. Voglio ricordare i nostri: Filoni, Diana, Lestini, Scocchera, Grasselli, Panerai, Aspidi, Creati, Stefanini, Vatteroni. A fine partita scattò la (deprecabile) rabbia dei tifosi amaranto, il campo con gli avversari in festa venne fatto oggetto di lanci di oggetti di ogni genere, anche bottiglie di vetro. Partì immediatamente l'intervento delle ingenti forze dell'ordine, che salirono dal basso verso l'alto coi manganelli legati ai polsi e cominciarono a randellare chiunque avesse la sfortuna di trovarsi sul loro cammino. Per fortuna il Flaminio ha anche le uscite dall'alto così personalmente riuscii a mettermi al riparo, ma fuori dal Palasport fu comunque guerriglia. Fuggi fuggi generale, pattuglie intente a fermare i tifosi in fuga, momenti di panico. Ricordo come fosse adesso che un mio amico, grande e grosso come una montagna, adesso affermato operatore sanitario, al tempo remo di grande potenza del Palio, che, urtato leggermente da una pattuglia della Polizia, si girò e a due mani “sbatacchiò” il cofano dell'auto, facendo ballare tutti i poliziotti all'interno, che immediatamente uscirono e coi mitra tronchetto cercarono di riportare l'ordine. In qualche modo riuscimmo ad arrivare alla Stazione per quello che si apprestava a divenire un viaggio allucinante. Qualche furbastro tirò il freno del treno, così che iniziarono le perquisizioni all'interno delle carrozze e degli scompartimenti, il treno partì con grandissimo ritardo. Giornata sportivamente tragica, ma le premesse per tornare tra i grandi erano gettate, sarebbero occorsi altri due campionati per coronare il sogno della promozione e stimolare l'allora sonnecchiante Libertas, erede della grande Fargas dei tempi di Rajkovic ed Allen, a fare altrettanto il campionato seguente. Magari ne parleremo in futuro.

Augusto il risi'atore

  

 

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie