De’, un se ne po’ più (uno sfogo in livornese)

Allora mi ‘iedo… ma quer bimbo marocchino lì deve ammazza’ quarcuno prima di anda’ in galera o ci pensiamo prima?

Un lo so, ma de’, aveva già rubato al Carolina, poi ha fregato una macchina e ha sbudellato mezza piazza Grande, poi ha rotto cinque barche, ha accesso i razzi di segnalazione… o allora? C’ha già la bellezza di sei denunce.

Gli si dà un paio di gollettoni per fallo sta bono o no? Anzi, niente gollettoni, perché io un son per la violenza, basta fermallo e mettello in galera, sennò quello lì tra un po’ da foo alla Fortezza, spacca tutti i lampioni di piazza della Repubbria, fa una rapina alle Poste e magari accortella anche quarcheduno. O bimbi su, un se ne po’ più di ‘ueste ‘ose, eh! Il marocchino ha quindicianni, boia, ha iniziato bene vai! Un c’hanno paura di nulla, un gliene frega nulla se li beccano, tanto poi lo sanno che dopo du’ minuti son fòri un’arta volta e possono riomincià a fa’ danni. De’, diobonino, ma fermateli. Ora è lì in una ‘asa-famiglia, ma lo dovete lega’ a un letto, sennò riscappa. Ma è possibile che un si riesce a fa’ un po’ di giustizia? È possibile che bisogna sempre ave’ paura di anda’ in giro per le strade e sta’ attenti che una macchina con un briao dentro un ti venga addosso? Facciamo un po’ di ‘ontrolli, via, noi siamo una città tollerante, però de’ ora ce ne sono troppi che ne ‘ombinano di tutti i ‘olori. E qui un si tratta mia più di esse razzisti, quelli che fanno queste ‘ose vanno rimandati a casa, sennò ortretutto ni dobbiamo paga’ ir vitto e l’alloggio in galera. In galera? Ma tanto un ci vanno.

Grazie per avermi ascortato, a me m’è piaciuto parla’ un poino in livornese, ormai senti solo parla’ cinese, arabo, ucraino e rumeno. O cosa abbiamo rifatto, le leggi livornine?

Gino