Nedo il livornese: tvb ma nn fai x me

Non c’è dubbio, è cambiato il modo di comunicare, e siccome non sono né un nostalgico né un vecchio rimbambito, amo la tecnologia. Ma a tutto c’è un limite.

E uno di questi limiti è proprio comunicare attraverso i social per incontrarci, parlare, rompere un rapporto, fare le condoglianze e chi più ne ha più ne metta.
Ho saputo che un ragazzo ha lasciato la sua ragazza attraverso un messaggio sullo smartphone, su Whatsapp naturalmente, che è gratis. Il messaggio, come da titolo dell’articolo, diceva proprio così; tvb ma nn fai x me. Cioè, dico io, neanche la voglia di scrivere le parole per intero, e soprattutto non avere il coraggio di farlo dal vivo, di guardare la ragazza negli occhi, di beccarsi magari anche un bel ceffone, perché un ceffone virtuale esiste solo con un’emoticon, e non fa male.
Poi vedo che quando qualcuno lascia questo mondo per andarsene chissà dove lassù nel cielo, allora fioccano i Rip. Vuol dire, per chi non lo sapesse, riposa in pace. Un acronimo, insomma. Che poi tutto è partito dallo stesso acronimo inglese, che significa rest in peace. E come al solito scimmiottiamo. Ma dico io, fosse solo per una forma di rispetto, vuoi scrivere per intero quella benedetta frase o no?
I giovani, e ormai non più solo i giovani, ma anche adulti e over 60, sono drogati, dipendenti dallo smartphone, dai social, dai messaggini scritti o vocali, da Facebook, Instagram, Twitter, Whatsapp, e non ne possono più fare a meno. Non si parla più direttamente in faccia, non si corteggia più, non si annusa, non si sente il respiro, non si ama come si dovrebbe. Di chi è la colpa? Vai a saperlo. I giovani si sono ritrovati già con queste cose a disposizione e per loro è normale comunicare in questo modo, ma per noi che abbiamo una certa età non è così, sappiamo la differenza, dovremmo davvero insegnare ai nostri figli e nipoti che il modo di comunicare può essere più bello, più diretto.
Corteggiate ragazzi, fatevi sotto, sorridete, baciate, accarezzate per davvero, non con le faccine. E se dovete fare l’amore, fatelo col telefonino spento, perché correte il rischio di rispondere a un messaggino mentre magari siete sul punto più bello.

Nedo

 

Questo articolo è offerto da: