La lettera di una donna: “Troppi disservizi al CUP”

  • Pubblicato: Mercoledì, 17 Aprile 2019 17:46
  • Scritto da Lola Molinari

Pubblichiamo per intero la lettera di una lettrice che ha avuto dei problemi con il dispensatore dei numeri al CUP.
“Scrivo per segnalare un grave disservizio del CUP della sede di Viale Alfieri.
Nella mattinata di sabato scorso 13 aprile, mi sono recata al CUP di Viale Alfieri per prenotare prelievi ed analisi previsti dal libretto di gravidanza.
Entrando nell'atrio del CUP, dal totem che dispensa i numeri per l’attesa degli sportelli, ho preso il biglietto per l'attesa "normale" che mi assegnava il numero 77 S.
Subito dopo, rendendomi conto che il totem dava la possibilità alle donne in gravidanza di usufruire di una corsia preferenziale, ho preso un nuovo numero di “attesa con priorità” (il n.004 SP).
Ho invece consegnato il numero 77 S alla persona entrata dopo di me, che accedeva al CUP senza priorità. Sono stata in sala d'attesa per un’ora, vedendo scorrere tutti i numeri senza essere chiamata.
Quando è arrivato il turno del numero 77 S, mi sono avvicinata allo sportello per spiegare all'operatrice che io - che avrei dovuto godere di una corsia preferenziale - ero arrivata addirittura prima della signora che lo sportello si apprestava a servire.
Senza nemmeno guardarmi, l’operatrice ha detto che il sistema mi avrebbe chiamata a tempo debito.
Ho allora fatto presente che - forse - qualcosa nel sistema non andava perché, ribadivo, io con la precedenza sarei stata chiamata in coda alle persone che erano arrivate dopo di me.
A quel punto l’operatrice CUP mi ha detto di rivolgermi al Punto Informazioni, perché il CUP non ci poteva fare nulla.
Interpellato, il personale del Punto Informazioni mi ha esplicitamente detto che si sapeva da tempo che il sistema aveva problemi e non prendeva inconsiderazione le priorità.
Basita, ho chiesto allora come mai non lo segnalassero con un cartello. Risposta: "non si possono mettere cartelli" e “vada a fare reclamo all’URP”.
Da qui è partito un rimpallo tra cooperativa CUP e Punto Informazioni, con il refrain comune del “noi non ci possiamo fare nulla”.
E nessuno, ma davvero nessuno, ha pensato di risolvere il problema informatico con un po' di buon senso: sono stata in piedi davanti agli sportelli del CUP per più di venti minuti e nessuna tra le operatrici ha voluto servirmi, pur essendo chiara l’assurdità della situazione.
In particolare, devo mio malgrado denunciare la totale mancanza di professionalità e cortesia delle operatrici CUP, che, con tono scortese, quando veniva chiamato il numero 97 senza priorità (20 numeri dopo quello corrispondente al mio arrivo) ancora mi dicevano che non era il mio turno e avrei dovuto aspettare. Ma aspettare cosa?
Ho chiesto chi fosse il responsabile sia della cooperativa che gestisce il CUP che del Punto Informazioni dell'Ospedale, ma mi è stato risposto che il sabato i responsabili non ci sono.
Alla fine, dopo aver stazionato più di mezz’ora in piedi davanti agli sportelli CUP, chiedendo con insistenza e addirittura “per pietà” di essere servita, c'è stato il guizzo di umanità di un’operatrice che mi ha servita senza che ancora fosse uscito il fantomatico numero con priorità 004SP. E chissà se sarebbe mai uscito!
Comunque, in breve:
- i responsabili e i dipendenti paiono essere pienamente informati che il sistema di chiamata con priorità dedicato alle donne in gravidanza non funziona da tempo;
- nessun avviso è dato all'utenza, in questo caso rappresentata da categoria particolarmente fragile e che si trova, per qualche mese, a dover frequentare assiduamente l'ambiente ospedaliero ed il CUP;
- la soluzione di buon senso che per prima viene alla mente, cioè l'avviso a mezzo cartello sul distributore dei biglietti, apparentemente non è percorribile perché, come mi è stato detto, non si possono mettere cartelli;
- evidentemente né il personale dell’Ufficio Informazioni dell’Ospedale né il personale della cooperativa che gestisce il CUP ha ricevuto istruzioni e disposizioni per ovviare al NOTO problema informatico;
- a questa mancanza non suppliscono nemmeno la professionalità e la cortesia, totalmente assenti, del personale CUP;
- l'unica soluzione è l'iniziativa privata della gestante che deve pregare o imporsi per essere servita.
Una situazione spiacevole, spossante, sicuramente inadatta per una donna in stato interessante.
Chiedo, dunque, all’Ufficio Relazioni con il Pubblico dell’Ospedale di voler cortesemente riscontrare questa mia, indicando le soluzioni che verranno prese nell'immediatezza per evitare che altre gestanti si trovino nella mia condizione.
A tal fine, indirizzo la presente anche ad alcuni giornali locali perché, se i cartelli non sono ammessi in Ospedale, è  tuttavia indispensabile che l’utenza sappia che nei fatti presso il CUP non esiste alcuna corsia preferenziale per le donne in gravidanza dal momento che il sistema informatico non funziona e che se si prende il numero dedicato alle priorità non si verrà mai chiamati allo Sportello CUP.

Cordiali saluti,
Lola Molinari”

  

 

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie