Attualità

Amici del gatto di Cecina ONLUS: l'intervista

  • Pubblicato: Mercoledì, 02 Marzo 2016 15:33
  • Scritto da Sergio C.

D.: Susanna, qual è il suo ruolo all’interno di questa associazione? E in quanti siete ad occuparvene?
R.: Sono una nuova volontaria del gattile di Cecina dove, per 3 giorni la settimana, mi occupo dei bisogni materiali dei gatti presso il rifugio in via del Paduletto a Cecina.

 

 

In tutto siamo 6 volontari: Oretta (la presidente) che insieme a Patrizia, Tiziana e Cristina sono le veterane del gattile, da qualche mese ci siamo aggiunti io e mio marito Ivano.

Oltre che alla cura dei gatti io e mio marito ci dedichiamo a far conoscere l’associazione in modo che sempre più persone possano avvicinarsi al nostro mondo, possano vedere come curiamo e assistiamo gli animali, si sensibilizzino alle adozioni non solo dei cuccioli, ma anche dei gatti adulti, con la speranza che possano aiutarci con donazioni di vario genere e anche che qualcuno metta disposizione un po’ del proprio tempo libero per darci una mano.
D.: Quanti gatti avete al momento “ospiti”?
R.: Al rifugio abbiamo al momento circa 50 gatti, per lo più liberi ma che trovano riparo, cucce e pasti sempre a disposizione, altri sono sistemati in casette di legno (infermerie) per il tempo necessario per le cure e le convalescenze. Abbiamo un’area recintata che utilizziamo nei casi in cui gli animali debbano riabituarsi alla vita comune e all’aperto. Oltre ai gatti ospiti al rifugio ci occupiamo di alcune colonie feline regolarmente censite sparse sul territorio dei comuni di Cecina e Bibbona per altri circa 150 gatti. Provvediamo a nutrirli, a fornir loro ripari e, in caso siano bisognosi di cure, li trasferiamo al rifugio per seguirli meglio.
D.: Ci spieghi meglio come funziona il gattile se qualcuno ha intenzione di sostenervi.
R.: Il gattile va avanti esclusivamente grazie al lavoro e alla dedizione dei pochi volontari precedentemente citati che mettano a disposizione, tutti a titolo assolutamente gratuito, il proprio tempo, il proprio amore e anche le proprie risorse economiche. Siamo presenti in Via del Paduletto a Cecina con una o due persone tutte le mattine dalle 9,00 alle 12,00 mentre altre di noi si recano presso le colonie, portano i gatti dal veterinario quando ce n’è bisogno. Riceviamo qualche contributo dalle Istituzioni comunali, ma sono assolutamente insufficienti ad affrontare le spese che dobbiamo sostenere. Qualche persona di buon cuore viene al gattile per donarci un po’ di cibo e oggettistica varia. Purtroppo abbiamo bisogno anche di denaro: riceviamo sporadicamente qualche piccolo contributo, qualcosa ci viene dalla destinazione del 5 per mille che cercheremo in tutti i modi di incentivare in quanto non costa niente al contribuente, ma per noi è una fonte importante. Sul nostro sito web abbiamo una pagina “donazioni” e speriamo che qualcuno ci voglia sostenere anche con poco. Vogliamo sottolineare che la nostra associazione è una ONLUS e i contributi sono detraibili dalle tasse. Al momento, purtroppo, non abbiamo nessuna previsione di nuovi aiuti!
D.: Vi avvalete anche dell’apporto di veterinari, immagino. Esercitano per l’amore degli animali abbandonati oppure ci sono anche queste spese?
R.: Le spese per i medicinali e le cure veterinarie purtroppo costituiscano una grossa voce nel nostro bilancio. I professionisti a cui ci rivolgiamo collaborano praticandoci prezzi inferiori ai normali listini, ma per noi è sempre tanto. Dobbiamo far sterilizzare tutti i nuovi arrivi (solo per questo tipo di prestazione il costo sarebbe a carico della Asl ma non sempre, per svariati motivi, ce ne avvaliamo) provvediamo a tutte le vaccinazioni, alla somministrazione di antiparassitari, spesso recuperiamo animali in bruttissime condizioni, feriti, denutriti, con infezioni e patologie gravi, durature e impegnative a livello economico. Noi facciamo il possibile per non far loro mancare nulla anche se non è facile. Mentre per il cibo ci aiutiamo con qualche raccolta alimentare e con avanzi delle mense scolastiche, la spesa veterinaria ha bisogno di denaro e per questo abbiamo una pagina web “donazioni” dove speriamo poter ricevere qualche contributo volontario.
D.: A parte il vostro sito www.gattiledicecina.it dove possiamo trovare notizie della vostra associazione, inviate anche delle newsletter per i contatti con chi ama questi amici a quattro zampe?
R.: Per quanto riguarda le notizie della nostra associazione fino ad ora non erano molto divulgate, erano affidate quasi esclusivamente al “passaparola”; purtroppo non ci sono mai state le risorse da spendere su questo fronte e nessuno che avesse la possibilità di gestire questo aspetto. I nostri volontari sono sempre stati pochi e impegnati a tempo pieno per i bisogni urgenti dei nostri mici. Io e mio marito Ivano stiamo in questo senso cercando di dare un contributo nuovo. Da poco è nato il nostro sito web (www.gattiledicecina.it) abbiamo una pagina Facebook (Ass. Amici del Gatto ONLUS Cecina) dove cerchiamo di dare notizie attuali sulle nostra attività e sugli eventi, siamo presenti anche su YouTube con i video del gattile. Facciamo volantinaggio, è sorta una collaborazione con una webradio locale, “Radio 675”, che dimostrandosi molto sensibile all’argomento diffonde il nostro appello più volte il giorno. La nostra intenzione è ampliare i nostri contatti, abbiamo cominciato da poco, ma siamo risoluti nel farlo.
D.: Faccia un appello, sensibilizziamo più persone possibili…
R.: L’appello che rivolgo a tutti è che i nostri amici animali ci danno tanto, ci fanno compagnia, ci sono fedeli, soffrono e gioiscono con noi, non ci chiedono nulla, ci amano incondizionatamente: ricambiamo il loro amore, non li maltrattiamo e non li abbandoniamo! Facciamo tutti qualcosa per quelli che sono meno fortunati e spesso vittime della cattiveria umana. Se ognuno di noi desse anche un piccolissimo aiuto si otterrebbe un risultato grande e il nostro cuore se ne arricchirebbe! Non si può essere insensibili a degli occhi tristi che ci guardano e che ci dicono: ho bisogno di te, aiutami!
D.: Quali sono i progetti per il futuro del gattile? Avete intenzione di ingrandirvi?
R.: I nostri progetti sono quelli di accogliere, assistere, prenderci cura ancora di più e ancora meglio dei gatti abbandonati e accogliere tutti quelli che hanno bisogno di noi. Speriamo di poterlo fare, di diventare più grandi. Noi ce la mettiamo tutta, ma le nostre risorse sono poche, aiutateci!
D.: Noi della Redazione di 57100livorno.it vi ringraziamo per quello che fate, e avrete il nostro sostegno on line. Ci regali un suo pensiero…
R.: Io per mio conto e a nome di tutti i volontari dell’associazione rivolgo un ringraziamento particolare alla redazione di “57100Livorno.it” per la sensibilità dimostrata nell’accogliere il nostro appello di aiuto. È grazie alle persone come voi se possiamo andare avanti nella nostra missione. Con piacere scopriamo che ci sono persone di buon cuore e Voi ne siete la dimostrazione.  Un ringraziamento particolare da parte di Oretta, Patrizia, Tiziana, Cristina, Susanna, Ivano e circa 200 mici.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

 

Il Meteo oggi!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  

 

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie