Attualità

Inaugurazione Distretto Toscana Corpo Italiano di San Lazzaro

  • Pubblicato: Martedì, 17 Ottobre 2017 09:55
  • Scritto da Cortex

21 Ottobre 2017 ore 9 - Santuario di Montenero. “Tolleranza, Umiltà, Misericordia e Carità”, sono questi i valori che caratterizzano l’attività del Corpo Italiano di San Lazzaro e della sezione Toscana che si è costituita a Livorno.

E il giorno 21 ottobre prossimo vedrà la presentazione nella nostra città con un convegno presso il Santuario di Montenero alla presenza del Vescovo e delle autorità cittadine con l’organizzazione del convegno “Ruolo delle Istituzioni e del volontariato nella difesa del patrimonio artistico e culturali in emergenze di protezione civile” con il patrocinio di Ministero dei Beni Culturali, Provincia Livorno, Diocesi di Livorno, Fondazione Livorno, Ordine degli Architetti di Livorno e la partecipazione del Comune di Livorno.
IL PROGRAMMA E L’INFORMATIVA DEL CORPO INTERNAZIONALE
Ore 9,00
Santuario di Montenero - Santa Messa celebrata da S.E. Mons. Simone Giusti Vescovo di Livorno
Ore 10,00 Sala San Giovanni Gualberto Santuario di Montenero
Partecipazione di S.E. Mons. Simone Giusti Vescovo di Livorno
- Saluto del Responsabile del Distretto della Toscana Mons. Placido Salvatore Bevinetto
- Presentazione del Corpo Ten. Gen. CSLI Antonio VIRGILI VICE PRESIDENTE INTERNAZIONALE ​COMANDANTE DEL CSLI EUROPA
PREFETTO DEL CAVALIERATO D'ONORE IN ITALIA
- Saluto ed intervento dell'Assessore Andrea Morini Comune di Livorno
- Saluto della autorità, del rappresentante Fondazione Livorno e dell'Ordine degli Architetti
- Rappresentante della Provincia di Livorno Protezione Civile "Ruolo della Provincia nella protezione dei beni culturali nelle emergenze di protezione civile"
- Vigili del Fuoco Comando di Livorno "Ruolo dei Vigili del Fuoco nella difesa dei beni culturali nelle emergenze"
- Mons. Donato Mollica Rettore della Chiesa Cattedrale e Responabile beni culturali della Diocesi di Livorno "la catalogazione dei beni nella Diocesi"
- Presidente Federazione Nazionale Associazioni di Volontariato Cooper "Ruolo dei Volontari di protezione civile nelle difesa dei beni in emergenza e percorso formativo"
Modera il convegno Fabio Cecconi Vice Resp.le del Gruppo Toscana
Durante l'evento si raccoglieranno adesioni per nuovi volontari
Chi siamo
Il gruppo di Livorno del Corpo Italiano di San Lazzaro è una articolazione locale del Corpo Nazionale della Lazarus Union Italia rappresentanza nazionale del Corps Saint Lazarus International.
Il gruppo di Livorno è una Associazione di Volontariato che rientra nelle attività di protezione civile ma con una specializzazione specifica negli interventi per la protezione dei beni artistici e culturali nelle emergenze di protezione ed in tempo ordinario e per assicurare un servizio di prevenzione in occasione di eventi ad alto afflusso di partecipazione organizzati dalla Diocesi e dalle Parrocchie per assicurare un servizio di sicurezza coordinato e riconosciuto.
Il gruppo non sovrapporrà la propria attività alle già operative e presenti Associazioni storiche di protezione civile locali ma si caratterizza per una attività specifica per la protezione dei beni artistici che anche il nostro patrimonio locale offre e che necessità di una funzione di controllo per la fruibilità ai visitatori e turisti.
La Lazarus Union Italia è stata costituita nel 2009, quale ramo diretto della organizzazione internazionale.
Ha sede centrale italiana in Napoli, ed il Comandante e responsabile nazionale, nominato dalla Sede internazionale del CSLI, è il Magg. Gen. CSLI Antonio Virgili, eletto anche Vice Presidente internazionale nel 2014.
La Lazarus Union è una organizzazione internazionale, indipendente, di volontariato, soccorso umanitario e protezione civile, con sede centrale legale a Vienna. E' registrata presso le Autorità della Repubblica Austriaca sia quale organizzazione di volontariato che di intervento in caso di catastrofe n° registrazione ZVR-Zahl: 023914681.
Il Corpo Italiano, quindi, non è una associazione autonoma e separata rispetto alla Lazarus Union, ma è parte integrante della organizzazione internazionale.
Dove siamo
La veloce e considerevole espansione internazionale del CSLI ha richiesto una migliore organizzazione di coordinamento ed una struttura riprogettata per poter tenere assieme oltre 21.000 membri sparsi in circa 80 Paesi dei vari continenti.
Lazarus Union e le Nazioni Unite
La Lazarus Union dal 2013 ha lo status di Organizzazione Non Governativa – ONG (Cod.: 632158) riconosciuta dalle Nazioni Unite (ONU). Dal 2014 l'ONU ha rilasciato lo Status Consultivo Speciale all'Unione presso il Consiglio Economico e Sociale (ECOSOC).
Attualmente vi sono rappresentanti della Lazarus Union presso le sedi di New York, Ginevra e Vienna delle Nazioni Unite.
Il Corpo Italiano
Il Corpo Italiano, oltre a rappresentare l'ONG in Italia ed a fornire ai propri operatori certificazioni ILA, svolge numerosi progetti internazionali promossi dalle Nazioni Unite e dalla Fondazione delle Nazioni Unite, oltre ad aver reso propri alcuni obiettivi dei "Development Goals" dell'ONU. Nel proprio piccolo, il Corpo Italiano porta ai giovani ed agli interessati di ogni età alcuni progetti delle Nazioni Unite e si fa promotore pratico e collegamento diretto, quale ONG riconosciuta dalle NU.
La sezione locale LIVORNO
La sede del gruppo si trova presso il complesso della Parrocchia de “La Madonna” in Livorno. E’ articolato in un responsabile del gruppo e Vice Responsabile nominato dalla sede nazionale.
Il gruppo svolge le attività previste dalle finalità associative ed in particolare :
Protezione Civile
volontari per la difesa beni artistici e culturali
prevenzione e soccorso eventi di massa
Il gruppo locale è una Associazione di Volontariato con iscrizione in corso nel registro previsto per normativa compreso il registro associazione di protezione civile.
Alla guida della sezione locale nominato Don Placido Bevinetto e come vice Fabio Cecconi.
Come partecipare
La Lazarus Union Italia svolge numerose attività in ambito nazionale ed internazionale, il che ha portato ad una differenziazione tra i tipi di membership all'interno dell'organizzazione stessa.
Vi sono tre modi di partecipare alle attività della Lazarus Union Italia:
Come Volontario della Lazarus Union
Come Operatore del Corpo Italiano di San Lazzaro
Come Socio sostenitore
Come Volontario e Socio della Lazarus Union (Corps Saint Lazarus Internazional) si entra a far parte di una famiglia internazionale che conta oltre 20.000 soci nel mondo e che operano a livello mondiale per rendere il mondo un posto migliore.
CHI PUÒ ISCRIVERSI
Adesioni ordinarie
Le iscrizioni sono aperte a tutti, donne e uomini, che abbiano compiuto il 11° anno di età. Non bisogna avere carichi pendenti sul proprio casellario giudiziale ed essere fortemente motivati alle attività di volontariato e rivedersi negli scopi e nei principi (Tolleranza, Umiltà, Misericordia e Carità) della Lazarus Union.
L'appartenenza alla Lazarus Union, in qualità di volontario, non prevede alcuna retribuzione o compenso.
Adesioni Operatore del Corpo Italiano
Come Operatore del Nucleo Operativo del Corpo Italiano di San Lazzaro si è inquadrati principalmente all'interno delle attività pratiche e sul campo nei settori della protezione civile, del soccorso e del volontariato in generale.
Le iscrizioni sono aperte a tutti, donne ed uomini, che abbiano compiuto il 16° anno di età. Non bisogna avere carichi pendenti sul proprio casellario giudiziale ed essere fortemente motivati alle attività di volontariato e rivedersi negli scopi e nei principi del CSLI.
Info
Lazarus Union http://www.lazarus-union.org/Corpo Italiano di San Lazzaro nazionale http://www.csli-italia.org/Locale www.csli-toscana.it
e mail info@csli-toscana.itpec@pec.csli-toscana.it

Fabio Cecconi

  

 

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie