Attualità

L’Adsp e il Rotary: prove di intesa sul sociale, la cultura e i giovani

  • Pubblicato: Giovedì, 11 Gennaio 2018 14:01
  • Scritto da Autorità Portuale Livorno


Il Rotary finanzierà anche alcuni interventi per la valorizzazione del Museo delle Imbarcazioni Storiche che presto ospiterà anche il Gozzo “Teresa” di Gino Falanga.

Una collaborazione strategica di tre anni per la realizzazione di attività, opere di carattere culturale e didattico finalizzate a favorire l’integrazione tra il porto e la città. E un impegno condiviso: fornire un contributo sostanziale al recupero dell’identità storica del porto di Livorno. Quello firmato stamani, nella Sala Riunioni di Palazzo Rosciano, tra Autorità di Sistema Portuale e il Rotary è qualcosa di più che non un semplice protocollo di intesa, ma una cooperazione concreta che comincerà a produrre i suoi effetti già dal giorno successivo dalla firma, tanto che il Rotary Club Livorno, costola locale del Rotary International, si impegnerà a finanziare interventi strutturali finalizzati alla valorizzazione del Museo delle Imbarcazioni Storiche, il polo museale marittimo ricavato all’interno dell’ex magazzino collettame delle ferrovie, situato nei pressi della stazione marittima, che oggi ospita al suo interno due natanti, il rimorchiatore Marzocco e Navicello Pilade e che a breve accoglierà anche il mitico Gozzo Teresa, simbolo del palio marinaro appartenuto a Gino Falanga De Martino, pezzo di storia del mondo remiero, deceduto l’anno scorso. La barca in procinto di essere donata all’Authority dalla famiglia De Martino troverà una idonea sistemazione presso il Museo delle Imbarcazioni Storiche a partire dal prossimo 19 maggio, in occasione della celebrazione della Giornata Europea del Mare. E sarà sugli interventi di allestimento del Museo che il Rotary e l’Adsp si attiveranno fin da subito per rendere operativa una collaborazione che – d’altronde – concederà ai contraenti ampi spazi di manovra con riferimento a interventi che saranno di volta in volta definiti nell’ambito di un quadro generale di azioni mirate. La Convenzione è stata firmata dal presidente dell’Adsp, Stefano Corsini, e da ben tre presidenti del Rotary, l’attuale numero uno dell’organizzazione, Giorgio Odello, e i futuri due presidenti: Fabio Matteucci (che subentrerà al predecessore da luglio 2018) e Luciano Barsotti (2019-2020). “È la prima volta che in modo strutturato si sviluppa una collaborazione tra un service club come il nostro e una realtà della economia cittadina importante e significativa come quella dell’Autorità di Sistema Portuale - ha sottolineato Odello – crediamo in questo progetto e lavoreremo insieme per promuovere con impegno e continuità il Sociale, la Cultura ed i Giovani”. Di un passo importante ha parlato anche l’avvocato Barsotti: “Questo progetto triennale, nel quale crediamo con convinzione - ha detto - è il segno dell’evoluzione del Rotary nell’approccio alla promozione e valorizzazione dell’identità culturale del nostro territorio”, mentre Matteucci nel suo intervento ha ringraziato l’Authority “per l’opportunità dataci”: “Siamo orgogliosi di aver intrapreso questa iniziativa, e siamo ancora più orgogliosi di poter contribuire a migliorare la visibilità di Livorno assieme alle istituzioni”, ha dichiarato. A margine del briefing con la Stampa, chiamata a partecipare alla firma della convenzione, i vertici dell’Adsp hanno comunicato che tra gennaio e giugno il Livorno Port Center lancerà una serie di appuntamenti tematici che spaziano dalla storia alla cultura portuale in genere, passando per temi come l’urbanistica, l’ambiente, la programmazione strategica. Più o meno un giovedì al mese, in orario pomeridiano: gli incontri sono dedicati all’approfondimento di tematiche attuali relative al mondo portuale nelle sue diverse dimensioni, ma anche a percorsi nel passato, sempre con un’attenzione particolare rivolta al presente.

  

  

 

 

 

  

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie