Attualità

Vigili del Fuoco, le iniziative della giornata del 4 dicembre in onore di Santa Barbara

  • Pubblicato: Mercoledì, 05 Dicembre 2018 11:26
  • Scritto da Cortex

In occasione della ricorrenza di S. Barbara, Patrona del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, sono state effettuate una serie di iniziative delle quali si riporta il programma:

Ore 08.30: Cerimonia di deposizione della corona di alloro ai Caduti (Sede del Comando – Via Campania 25) alla presenza di S.E. il Prefetto di Livorno, Dott. Gianfranco Tomao.
Ore 10.00 SS. Messa Presso La Cattedrale di Livorno, officiata da S.E. il Vescovo di Livorno Mons. Simone Giusti, con la partecipazione di Autorità Civili e Militari, personale di servizio, pensionati ed ospiti. La cerimonia è stata tenuta congiuntamente al personale dell’Accademia Navale e della Capitaneria di Porto di Livorno, essendo la Santa Barbara patrona, oltre che dei Vigili del Fuoco, anche della Marina Militare e del Corpo delle Capitanerie di Porto.
Ore 11.30 Sede del Comando VV.F. di Livorno (Via Campania 25) - Palestra:
alla presenza delle Autorità Civili e Militari, consegna delle benemerenze al personale che si è distinto in operazioni di soccorso, a quello collocato a riposo ed al personale che ha maturato 15 anni di anzianità nel Corpo.
MESSAGGIO PER LA SOLENNITÀ DI SANTA BARBARA DEL 4 DICEMBRE 2018
Sono onorato di ricevere presso questo Comando provinciale le Autorità civili, militari e religiose in occasione della festività di Santa Barbara. Desidero fare anzitutto gli auguri ai colleghi vigili del fuoco, in servizio e in quiescenza e a tutto il personale della Marina militare, qui rappresentato dall’Ammiraglio Ribuffo e dall’Ammiraglio Tarzia con i loro ufficiali. Insieme abbiamo appena finito di celebrare in Duomo la Messa officiata dal Vescovo Mons. Giusti che ringrazio in modo speciale per la disponibilità accordata, così come il nuovo cappellano Don Luca Giustarini che sostituisce Don Placido Bevinetto. Particolari ringraziamenti sono altresì rivolti al Prefetto di Livorno dott. Tomao, ai Sindaci, così come a tutte le altre Autorità qui presenti con i propri responsabili e i rappresentanti delle Amministrazioni e degli Enti, comprese le associazioni di volontariato, che operano per assicurare l’interesse pubblico di questo territorio. Rendo omaggio, altresì, ai gonfaloni dei Comuni di Livorno e Collesalvetti che danno onore a questa cerimonia. Festeggiare Santa Barbara con voi ci dà grande onore perché ci consente di essere insieme con le istituzioni che costantemente sono impegnate nel sistema di risposta dello Stato e in particolare in quello del pronto intervento a contatto dei cittadini per operare in situazioni problematiche e urgenti. Per questo vi ringrazio. Un saluto affettuoso va ai precedenti comandanti provinciali e a tutto il personale che qui ha prestato servizio e che oggi, in occasione di questa ricorrenza, ha ritenuto di essere nuovamente presente per esprimere il valore del senso di appartenenza al Corpo, valore che dura tutta la vita. Io, insieme agli altri vigili del fuoco dei ruoli operativi, tecnici, logistici e volontari , vi accogliamo nella sede istituzionale preposta alla gestione dei servizi di soccorso pubblico e della prevenzione incendi in ambito provinciale presso la quale si raccolgono le richieste di soccorso al numero “115” e dalla quale vengono coordinate le operazioni sul territorio. Ritrovarci tutti insieme, oggi, è segno di coesione di un Corpo che sullo spirito di squadra e sulla fiducia reciproca fonda lo strumento per affrontare le emergenze, senza dubbi e tentennamenti. Questa coesione si realizza certamente con la passione, ma ancora di più con la consapevolezza della conoscenza delle tecniche e delle strategie da utilizzare per affrontare queste situazioni, acquisita con la formazione, maturata con l’esperienza e esplicata con le dotazioni tecniche e operative a disposizione. Questo mettiamo a disposizione del Paese che riconosce i vigili del fuoco quale istituzione responsabile della direzione tecnica degli interventi di soccorso, operando all’interno di un sistema coordinato in cui tutti i soggetti competenti devono individuare, attraverso apposite pianificazioni, le risorse e le capacità da mettere a disposizione per garantire la tutela della popolazione e la preservazione dei beni. I nostri interventi spesso si svolgono con elevata esposizione al rischio. Ne siamo consapevoli, così come siamo coscienti che in quegli ambienti è necessario esprimere capacità pratica, intuizione, sensibilità, entusiasmo, voglia di essere soccorritore, sensazione di sentirsi concretamente “speranza” per chi si trova in pericolo. Tanti sono i colleghi che per questi principi hanno sacrificato la propria vita, anche di questo Comando. A loro, in questa giornata porgiamo il nostro deferente pensiero, sentendone sempre la presenza al nostro fianco. Permettetemi al proposito di ricordare i nomi dei colleghi caduti in servizio nell’ultimo anno: i vigili del fuoco permanenti Dario Ambiamonte e Giorgio Grammatico del comando di Catania, Cristiano Lucidi del comando di Ancona, nonché i vigili del fuoco volontari Pinuccio La Vigna del Comando di Milano e Giovanni Costa del corpo autonomo di Bolzano. Tanti sono pure i colleghi infortunati per causa di servizio, anche di questo Comando che oggi non possono essere presenti a questa cerimonia. A loro tutti testimonio la vicinanza del Corpo e auguro una pronta e rapida guarigione. Vorrei esprimere un pensiero anche per le nostre famiglie che partecipano e sostengono con pazienza e amore uno stile di vita per il quale non è mai possibile avere la conferma del luogo e dell’orario in cui si concluderà il turno di servizio, dovendo dare sempre disponibilità per fornire immediata risposta per le esigenze di soccorso di Livorno come del resto del Paese. Ricordo che così è accaduto a seguito del crollo del Ponte Morandi di Genova, come per i gravi incendi del Monte Serra, in provincia di Pisa, nonchè per la quasi quotidiana esigenza di inviare squadre o componenti operative di questo Comando in altre provincie o regioni. Elicotteristi, sommozzatori, nautici, soccorritori su corda e fluviali, cinofili, esperti di tecniche di topografia applicata al soccorso, di sala operativa, NBCR, operatori di mezzi speciali, operatori di droni ovvero addetti per ogni esigenza connessa ad assicurare la funzionalità del sistema di soccorso: sono solo alcune delle capacità che questo Comando esprime e che mette a disposizione del sistema di coordinamento del Corpo nazionale dei vigili del fuoco. Questo è il Comando di Livorno dove per la seconda volta ho l’onore di essere con voi per i festeggiamenti di Santa Barbara e presentare i risultati annuali conseguiti da questa “squadra” che il Dipartimento dei vigili del fuoco mi ha dato il prestigioso incarico di dirigere e con la quale opero per ottenere i migliori risultati:
5.700 interventi di soccorso, 1250 servizi di assistenza e vigilanza, 56 corsi di formazione esterna per addetti antincendio, oltre 400 controlli di sicurezza in attività a maggior rischio di incendio, 1.700 istanze di prevenzione incendi evase, 110 notizie di reato trasmesse alla Procura della Repubblica, 16 corsi di formazione interna, ma anche attività di diffusione della cultura della sicurezza nelle scuole, in progetti specifici anche organizzati con la Prefettura di Livorno per la quale va evidenziata la grande collaborazione con l’Associazione nazionale vigili del fuoco che ringrazio in modo speciale. Altrettanto degne di risalto sono state le attività espletate in convenzione, soprattutto grazie alle sinergie realizzate con la Direzione Marittima di Livorno e con l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale che hanno consentito di incrementare i servizi di pronto intervento e soccorso negli ambiti portuali di Livorno, Piombino, Portoferraio e Capraia Isola. Importanti sono state le sinergie con tutti i Sindaci del territorio e soprattutto quelli presso i cui Comuni sono presenti le sedi provinciali di Livorno, Piombino, Cecina, Portoferraio e Collesalvetti. Al riguardo vanno evidenziate le convenzioni per il potenziamento del servizio di soccorso realizzate con i comuni elbani per il presidio di Marina di Campo, con il comune di Rosignano Marittimo, con la regione Toscana per il presidio di Capraia Isola, nonchè con il Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano. Di assoluta importanza è la valenza della collaborazione operativa con la regione Toscana per il contrasto agli incendi boschivi, così come, più in generale per tutti gli interventi va evidenziata la grande sinergia con le forze dell’ordine, le polizie locali, i soccorsi sanitari e le associazioni di volontariato. Tanti sono i rischi di questo territorio, di tipo naturale e antropico, in quest’ultimo va compreso quello industriale e connesso alle grandi infrastrutture quali i porti e le vie di comunicazione. A questi deve andare la nostra massima attenzione, non solo per ridurre gli incidenti e gli incendi che determinano vittime e perdite economiche, ma per assicurare la maturazione di una vera e propria cultura della sicurezza basata sulla prevenzione incendi. Questa va coltivata e attuata attraverso una attenta azione sui giovani, sui lavoratori e sui professionisti, attraverso l’apporto determinante che possono dare tutte le istituzioni, compresi gli ordini professionali che, di fatto, assicurano il contatto con le imprese per la gestione delle problematiche tecniche attinenti alla valutazione e alla prevenzione dei rischi. Infine, consentitemi di dare un cenno anche all’attività dello storico Gruppo Sportivo Corrado Tomei che, grazie alle proprie sezioni dilettantistiche, amatoriali e agonistiche con atleti che si sono distinti per risultati, competitività e spirito sportivo, hanno dato lustro a questo Comando. Dal volley al judo, dal canottaggio alla pesistica, dal salvamento a nuoto allo sci e ad altre competizioni organizzate a livello nazionale: tanti sono stati i momenti in cui il nome dei vigili del fuoco ha ricevuto gratificazioni e riconoscimenti. A tutti gli appartenenti alle sezioni del Gruppo sportivo vada il mio apprezzamento.
Questo è il mio messaggio per questa giornata che sono certo di condividere con ciascun vigile del fuoco di questo Comando, permanente e volontario, operativo o logistico, in questo luogo come in tutti gli altri Comandi d’Italia.
A noi vigili del fuoco e alle nostre famiglie: siamo onorati di questa missione.
Alle Autorità presenti: grazie per essere qui con noi a condividere questo momento nella semplicità della nostra sede, consegnandoci la vostra testimonianza di affetto e di vicinanza.
Viva i Vigili del Fuoco!
Viva Santa Barbara!
Comandante Ing. Alessandro Paola

  

  

 

 

 

 

  

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie