Attualità

Un progetto per “vedere” Livorno

  • Pubblicato: Mercoledì, 09 Gennaio 2019 17:16
  • Scritto da Cortex

Invitare a “vedere” Livorno attraverso la documentazione e la narrazione di particolari artistici, storici, architettonici che non sempre si è soliti osservare ma che una volta documentati, restituiscono un’immagine inedita di una città “minore” e tuttavia non meno identitaria. Una ricerca quindi conoscitiva del “particolare” che non solo indurrà a guardare con altri occhi la città, valorizzandola, ma insegnerà ad essere sempre più curiosi ed attenti.  
Sono questi gli obiettivi del progetto “La mia città, particolare” proposto dalla sezione Giovani dell’associazione Amici dei Musei e dei Monumenti Livornesi rivolto a tutti gli studenti delle scuole superiori cittadine , ma anche universitari, perché imparino a soffermarsi su quei “particolari” che possono essere documentati con linguaggi espressivi diversi. Gli elaborati saranno esposti al pubblico al Cisternino di Città (dal 19 al 23 marzo) dove , tra l’altro, saranno anche rappresentati “teatralmente” e premiati (23 marzo).
“Il progetto La mia città, particolare, risponde pienamente alle finalità del bando Cisternino per i Giovani e per il Bene Comune cui fa riferimento”  dichiara la vicesindaco Stella Sorgente. “Lo scorso anno lanciamo questa manifestazione d’interesse perché i giovani avanzassero proposte su alcuni filoni tematici , come in questo caso cultura e arte, e perché lo stesso Cisternino diventasse un laboratorio di confronto e condivisione di idee e progetti. Così è stato: il Cisternino con i numerosi progetti che ci sono pervenuti va sempre più delineandosi come un laboratorio in continua evoluzione dove i giovani hanno la possibilità di estrinsecare la loro creatività, e confrontarsi su temi e beni comuni “.
Ma vediamo nel dettaglio che cosa prevede il progetto.
I destinatari, come detto, sono  gli studenti delle Scuole Superiori di Livorno e Universitari. Sarà possibile partecipare sia individualmente che formando gruppi di lavoro.
Gli strumenti. Chi parteciperà sarà libero di scegliere la serie di “particolari” da documentare (cancelli, porte e battenti, cortili, edicole votive, lapidi, colonne, campanili, scogli, muretti, moli, balaustre, ecc.) usando il linguaggio espressivo che preferisce (fotografia, disegno, pittura). Ogni immagine dovrà avere alcune indicazioni: dove si trova, quale lo stile e il tempo a cui appartiene, ecc.. Ogni ricerca dovrà anche essere accompagnata - e sarà parte integrante del progetto – dalla stesura di un breve testo che possa trasmettere al pubblico l’interesse del tema, le emozioni e le scoperte fatte lavorando, curiosità, ricordi, l’uso o il disuso, o altro. Il testo, con l’aiuto di Ambra Passetti e Mattia Lombardi (entrambi iscritti alla sezione Giovani dell’Associazione Amici dei Musei e dei Monumenti Cittadini) appassionati di teatro e fotografia , sarà poi “messo in scena” e raccontato brevemente dagli stessi autori.
I lavori dovranno essere originali e a cura dei partecipanti. Qualunque lavoro non originale sarà scartato. Gli elaborati grafici dovranno avere un formato A4 o A3 Le fotografie potranno avere i seguenti formati: 1:1, 3:2, 16:9. Le risoluzioni dovranno essere tali da avere una stampa di almeno 30 cm per il lato corto ed essere inoltrate in formato JPG. I testi non dovranno essere più lunghi di 2 pagine e inoltrati in formato PDF. Sta agli autori la scelta del carattere ma la grandezza non dovrà essere inferiore a 13pt.
Una giuria che sarà composta da un rappresentante del Comune di Livorno, dalla Presidente degli Amici dei Musei e dalla referente della Sezione Giovani degli Amici dei Musei, da Ambra Passetti e Mattia Lombardi, esaminerà i lavori che verranno inoltrati, decidendone l’esposizione al pubblico al Cisternino di Città per una settimana. Settimana che si concluderà con un pomeriggio, a cui tutti saranno inviati a partecipare, per assistere alla “rappresentazione teatrale” dei lavori e alla premiazione dei primi tre classificati.
I tempi 
Entro il 28 febbraio, i progetti dovranno essere inoltrati per posta elettronica al seguente indirizzo mail: lamiacittaparticolare@gmail.com.
Entro il 5 Marzo verrà comunicato ai partecipanti, i cui lavori saranno stati accettati, di consegnarli - nel formato cartaceo richiesto - alla Sezione Giovani degli Amici dei Musei Livornesi (Piazza Manin 8) il martedì mattina dalle 10.00 alle 12.30 oppure in altro giorno e orario telefonando al n.347/8909246.
15 Marzo termine improrogabile per la consegna degli elaborati cartacei (sempre alla Sezione Giovani degli Amici dei Musei, Piazza Manin 8) , che verranno montati su gli appositi 10 grandi pannelli in dotazione al Cisternino.
Dal 19 al 23 Marzo: esposizione al pubblico nei locali del Cisternino.
l 23 Marzo – alle ore 16.30- rappresentazione teatrale al Cisternino e premiazione dei primi tre classificati.
I premi, messi a disposizione dall’Associazione Amici dei Musei e dei Monumenti Livornesi, consistono: I premio € 100; II premio € 80; III premio € 50.

  

 

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie