Attualità

Omaggio a Adolphe Sax e François Duquesnoy

  • Pubblicato: Martedì, 09 Luglio 2019 15:40
  • Scritto da Cortex

L'Associazione Accademia degli Avvalorati con questo progetto ha l'intenzione di valorizzare le figure di due grandi artisti fiamminghi l'inventore Adolphe Sax e lo scultore François Duquesnoy, esponente della Livorno Città Storica delle Nazioni. In particolar modo vi è l'intenzione di ricordare e valorizzare il rapporto tra Francois Duquesnoy e la Città di Livorno considerando che il suo corpo è stato sepolto sotto all'altare della Nazione Fiamminga nella Chiesa della Madonna a Livorno nel lontano 18 luglio 1643. L'Ass. Accademia degli Avvalorati sta già progettando un percorso di valorizzazione del grande scultore fiammingo.
Il prof. Fabrizio Dal Canto alla conferenza presso la Sala Consigliare della Provincia di Livorno illustrerà l'arte fiamminga del grande artista DUQUESNOY.
Antoine-Joseph Sax (1814-1894), detto Adolphe, è l'inventore del sassofono, strumento che presentò a Parigi nel 1846. Sax, membro di una famiglia franco-belga di costruttori di strumenti musicali in metallo, brevettò il suo sassofono come risultato del suo tentativo di migliorare il timbro del clarinetto basso. Sax inventò lo strumento già nel 1841 ma depositò il brevetto soltanto nel 1846. Sax partì dall’oficleide, uno strumento in ottone oggi caduto in disuso e rimpiazzato dalla tuba, sostituendo il bocchino a tazza in ottone con un bocchino ad ancia. Nel quale, cioè, non sono le vibrazioni delle labbra dello strumentista a trasmettersi alla colonna d’aria nel corpo dello strumento ma quelle di una sottile lamella di legno.
Duquesnoy ‹dükenu̯à›, François, detto Francesco Fiammingo. - Scultore (Bruxelles 1594 - Livorno 1643), figlio di Jérôme il Vecchio (m. 1641 circa), l'autore della fontana del Manneken-Pis a Bruxelles (la statua, perduta, è ora sostituita da una copia). Dal 1618 fu attivo a Roma dove rimase fino a poco tempo prima della morte avvenuta a Livorno il 18 luglio del 1643. Si affermò presto nell'ambiente artistico romano, divenendo una delle figure più in vista della corrente classicista. Collaboratore del Bernini nel 1627-28, nel 1629 riceveva la commissione per il gigantesco S. Andrea da porsi in uno dei quattro piloni che sorreggono la cupola di S. Pietro e per la sua opera più famosa, la S. Susanna in S. Maria di Loreto al Foro Traiano. Ma la fama del D. poggia anche su opere minori, quali i rilievi con putti che giocano (Roma, Pal. Doria), le tombe di A. Vryburch (1629) e di F. van den Eynde (1633-40), entrambe in S. Maria dell'Anima, anch'esse arricchite da figure di angioletti, che ne indicano non solo la maestria nel trattare il marmo ma anche quella compostezza classica antibarocca che fu il suo ideale artistico. Il fratello, Jérôme il Giovane (Bruxelles 1602 - Gand 1654), lavorò in Italia e in Spagna, oltre che a Bruxelles, nella chiesa di S. Gudula.
ORCHESTRA “SONORA JUNIOR SAX”    
Un orchestra di oltre 70 giovanissimi sassofonisti e un gruppo di giovani tutor  già concertisti esperti che li guida e si integra con loro in un coinvolgente solo - tutti  che spazia dai brani più ‘classici’ al repertorio popular  trattato con ironia e virtuosismo. LA SONORA JUNIOR SAX è formata da ragazzi dai 9 ai 23 anni tutti allievi ed ex allievi delle scuole medie ad indirizzo musicale. Il direttore dell’Orchestra è Domenico Luciano, i tutor (docenti) che li guidano sono: Domenico Luciano, Luigi Cioffi, Angela Colucci e Nicola De Giacomo. SI SONO DISTINTI AL CONCORSO MONDIALE (SUMMA CUM LAUDE 2016) SVOLTOSI A VIENNA.
LA SONORA E’ STATA LA PRIMA ORCHESTRA ITALIANA AD ESSERE STATA SELEZIONATA PER QUESTO CONCORSO ED IN TALE OCCASIONE SI SONO CLASSIFICATI AL PRIMO POSTO PRECEDENDO 25 ORCHESTRE PROVENIENTI DAI 5 CONTINENTI. I COMPONENTI DELL’ORCHESTRA TUTTI GIOVANI MUSICISTI CAMPANI PROVENIENTI DALLE CITTA’ DI AVELLINO, SALERNO, BENEVENTO E NAPOLI, HANNO RAPPRESENTATO L’ITALIA IN QUESTA MANIFESTAZIONE MONDIALE. Hanno avuto modo di confrontarsi con diverse realtà e di stringere rapporti con le orchestre degli altri paesi cercando di fare gemellaggi internazionali visti gli ottimi risultati raggiunti.
La SONORA JUNIOR SAX, si propone di attirare altri giovani verso il mondo della musica e attraverso la stessa, creare tra i ragazzi, rapporti, amicizie e ampliare le loro conoscenze culturali, aiutandoli nel loro particolare periodo formativo. Si è potuto sperimentare che l’approfondimento musicale e in particolare la partecipazione ad un’orchestra, ha molto aiutato i ragazzi all’autostima, alla corretta e sana competizione e al rispetto dell’altro, anche se meno dotato musicalmente, c’è sempre la disponibilità per l’ultimo arrivato; l’orchestra come strumento pedagogico. Gli incontri periodici per le esercitazioni, vengono attesi dai ragazzi come giorni di festa, sopportando anche qualche disagio e qualche precarietà. La dedizione e l’amore per la musica trasmesso dai maestri, ha creato nel gruppo, momenti di comunione che si protrae anche al di là degli incontri musicali. I ragazzi iniziano a creare piccoli gruppi musicali portando la propria esperienza all’interno dell’orchestra. I Sonora unici nella loro formazione, poiché formata da soli sassofoni e due percussionisti stanno riscuotendo un notevole successo di critica e di pubblico. Molti sono i palcoscenici che li hanno visti protagonisti tra cui:
Musikwerein di Vienna, Konzerthouse di Vienna, Muth di Vienna, Grosbenaw, Auditorium parco della musica di Roma, Teatro Bellini di Catania, Teatro Curci di Barletta, Teatro Giordano di Foggia, Teatro dell’Aquila di Fermo, Sala Verdi del Conservatorio di Milano a Fermo nell’ambito del XVIII e dal XX al XXII Stage Internazionale del Sassofono dove tra i protagonisti c’erano “i Maestri M. Mazzoni, , M. Marzi, M. Gerboni, L. Mlekusch, F. Martinez, Jerome Laran (con il quale hanno tenuto diversi concerti in Italia e presto li vedranno di scena in Francia) F. Mondelci (con il quale collaborano assiduamente ed hanno svolto una mini tournè tra la provincia di Avellino e Salerno riscuotendo un successo di critica e di pubblico incredibile facendo il tutto esaurito ad ogni concerto),al Museo di Capodimonte, al Teatro dei Piccoli per l’inaugurazione dello stesso, nella Chiesa di San Giovanni in Napoli. Si sono poi esibiti regolarmente dal V al X stage internazionale di saxofono e musica da camera (Serino Sax Festival) dove hanno collaborato con artisti quali Attilio Berni e Marco Vanni. Altre città che li hanno visti protagonisti sono state Amalfi, Cetara, Vietri sul Mare, Conversano (Ba) Salisburgo, Monaco di Baviera, Milano, Salerno, Certosa di Padula (SA), Sorrento (NA), Castellabate (SA). Non ultimo la collaborazione con il Giffoni Film Festival Experience che li ha visti protagonisti durante le ultime 2 edizioni e che ha patrocinato la nascita dei loro due  CD.  Gli obiettivi che l’associazione si prefigge spaziano dai più svariati ambiti. Attraverso lo studio della musica, quale “strumento” di socializzazione e aggregazione, si raggiungono importanti finalità quale anzitutto, la crescita culturale e personale dei ragazzi all’interno di un ambiente improntato ai valori della famiglia, del rispetto  verso gli altri e della sana competizione. I ragazzi che fanno parte dell’associazione provengono da diverse realtà sociali e insieme condividono le reciproche esperienze aiutandosi l’un l’altro nel raggiungere gli obiettivi prefissati. I ragazzi usufruiscono di tutte attività (prove, lezioni e viaggi per concerti) in maniera gratuita in quanto obiettivo determinante dell’associazione è quello di offrire un supporto a quelle famiglie particolarmente disagiate dando un’opportunità ai propri figli di crescere in un ambiente sano per diventare adulti responsabili e con sani principi. Inoltre, nel corso della formazione, in occasione dei concerti che vengono svolti in diverse città sia in Italia che all’estero, l’associazione offre l’opportunità ai ragazzi di conoscere e visitare i luoghi in cui si esibiscono attraverso visite guidate. Molte delle attività, in particolare i concerti, vengono svolte al fine di rendere un contributo sociale in ambienti bisognosi di aiuto quali: ospedali, centri per anziani, carceri, orfanotrofi (a tal proposito si sono esibiti a Montella (AV) per un concerto di beneficenza per la raccolta fondi a favore  della lotta alla SLA, Alla chiesa del Gesu’ Nuovo di Napoli per le famiglie bisognose del territorio con la presenza del Cardinale Sepe ed altre manifestazioni Nazionali tra cui la raccolta strumenti musicali per bambini disagiati) Hanno tenuto poi due concerti per l’UNICEF durante i quali si sono esibito con nomi d’eccezione del panorama mondiale del saxofono riscuotendo un gran consenso di critica e di pubblico.
Maestro LUCIANO DOMENICO
(Direttore d'orchestra della SONORA JUNIOR SAX)
si è diplomato con il massimo dei voti presso il conservatorio “D. Cimarosa” di Avellino nell’anno accademico 2001 sotto la guida del M° Marco Vanni; ha poi conseguito la laurea di II° livello strumentale A077 nell’anno accademico 2009, inoltre si è laureato presso il  conservatorio G.B.   Pergolesi di Fermo sotto la guida del M° Massimo Mazzoni al II° livello strumentale indirizzo solistico nel 2013. Con lo stesso maestro aveva svolto corsi di perfezionamento ed attualmente gli fa da assistente al corso internazionale di alto perfezionamento (viaggio con il sassofono nel novecento musicale). Si è poi perfezionato partecipando a diverse master class di perfezionamento dei maestri: Federico Mondelci, Mario Marzi, J. M. Londeix e C. Delange. Si è  esibito poi in diversi paesi europei quali: Russia, Germania, Francia, Bulgaria, Romania, Moldova, Croazia, Spagna, Austria ecc.  riscuotendo grande successo di pubblico e di critica proponendo in concerto composizioni originali, inedite ed arrangiamenti. In Italia ha suonato per i festival e i teatri più prestigiosi quali:  Ravello festival, Festival delle Nazioni a Città di Castello, Festival Dell’Aurora a Crotone, Festival delle ville Vesuviane Napoli, nell’ambito del XVIII, XIX, XX e XXI stage internazionale del sassofono tenuto a Fermo; si è poi esibito come solista presso il teatro Petruzzelli di Bari, teatro Garibaldi di Enna, teatro Reggio di Torino, teatro Rossini di Lugo, Teatro Manzoni di Pistoia, San Carlo di Napoli e Auditorium parco della musica di Roma. Dal 2015 è endorser della Légère una tra le più rinomate ed importanti ditte di Ance al mondo con sede in Canada e con la quale ha avviato una forte collaborazione; Ha all’attivo la partecipazione in numerosissimi concorsi nazionali ed internazionali, circa trenta di cui ne ha vinti ventisette e piazzandosi sempre ai primi posti negli altri.
OSPITI DEL CONCERTO
Maestro MARCO VANNI
Si è diplomato brillantemente in sassofono, e successivamente in flauto e jazz con il massimo dei voti, ed è docente di Sassofono presso il Conservatorio Statale “B. Marcello” di Venezia. Collabora con orchestre quali l’ Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, Orchestra della Toscana, Contemporartensemble, esibendosi in teatri prestigiosi come il Comunale di Firenze, Comunale di Bologna, Teatro Regio di Parma, Biennale di Venezia, Teatro di Lubjana, Festival Romaeuropa, sotto la guida di direttori di fama internazionale: Riccardo Muti, Luciano Berio, Vinko Globokar, Alessandro Pinzauti, Gorge Benjamin. Svolge inoltre una intensa attività cameristica con il quartetto di sassofoni The Saexophones, con il quale ha vinto tre concorsi internazionali: l’ Astor Piazzola di Castelfidardo, il G. Rospigliosi di Lamporecchio (FI), Città di Tortona (Premio Kaway). Con la stessa formazione ha inoltre inciso due CD : Saexotango
(Nuova Era) e Una Vita da Vivere (Videoradio). E’ membro del quintetto di sassofoni Steel Wind.Ha inoltre suonato in varie formazioni jazzistiche prendendo parte a varie manifestazioni e programmi su RAI 2, suonando insieme a musicisti come Mauro Grossi, Pietro Tomolo, Andrea Tofanelli etc.. Collabora in vari spettacoli teatrali con l’Associazione Internazionale di Teatro Guascone.
Maestro MASSIMO SIGNORINI     
Si diploma in fisarmonica al Conservatorio Statale di Musica Luigi Cherubini di Firenze con il massimo dei voti, lode e menzione d’onore. Si specializza nel repertorio da concerto con I. Battiston, S. Di Gesualdo, S. Hussong, T. Anzellotti, R. Galliano, H. Noth, J. Macerollo, F. S. Paz, M. Grossi, M. Gianmarco, G. Trovesi, A. Tacchi,  S. Zenni e M.A. Barcos. È molto attivo in qualità di fisarmonicista solista, spaziando da un repertorio per orchestra (D.D. Shostakovic, N. Rota, K. Weill, G. Grisey, G. Mahler, M. Tutino, A. Piazzolla, R. Galliano etc...) alle trascrizioni e adattamenti di musiche antiche, barocche e romantiche (G. Frescobaldi, C. Merulo, F. Couperin, J.S. Bach, D. Scarlatti, G.F. Haendel,  D. Cimarosa etc...) al repertorio contemporaneo di letteratura originale per fisarmonica (L. Berio, F. Bettinelli, F. Donatoni, G.G. Luporini, S. Gubaidulina, S. di Gesualdo, U. Rojko, I. Fedele, S. Sciarrino, A. Solbiati etc...) fino a spaziare alla world-music, jazz e musiche da film (A. Piazzolla, L. Fancelli, R. Galliano, N. Rota, E. Morricone, C. Corea, A. Ibrahim, K. Barron, etc...) ottenendo un diploma di laura in Jazz presso l’I.S.S.M. Pietro Mascagni di Livorno. Vince il primo premio al Concorso internazionale di Musica di Stresa (Vb), di Macerata Feltria (Mc) e di Castelfidardo (An). Fond l’Associazione Accademia degli Avvalorati di Livorno valorizzando le tradizioni musicali ed artistiche della Città di Livorno.

  

 

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie