Attualità

La rassegna TAC del Centro Artistico Il Grattacielo

  • Pubblicato: Martedì, 11 Febbraio 2020 17:41
  • Scritto da Cortex

Presentata oggi 11 febbraio in Comune dall'assessore alla cultura Simone Lenzi e dalla direttrice del Centro Artistico Il Grattacielo Eleonora Zacchi, la quarta edizione della rassegna Teatro Al Centro, patrocinata dal Comune di Livorno.
“L'offerta culturale di Livorno” ha affermato l'assessore Lenzi “ è importante per una città di 150 mila abitanti. Lo dimostra anche Il Centro Artistico Il Grattacielo che ha registrato una grande crescita negli ultimi tempi. L'Amministrazione Comunale ha la funzione di facilitatore rispetto a questo fervore di iniziative. Il primo spettacolo della rassegna è dedicato a Modigliani e l'evento della grande mostra ha fatto da innesco alla creatività diffusa dando vita a moltissimi eventi collaterali. “ ha proseguito l'Assessore “Il compito dell'Amministrazione Comunale è di dare il la o segnare l'indirizzo verso cui bisogna procedere e fare in modo che le manifestazioni formino un sistema e si sostengano vicendevolmente. E' questa la grande scommessa.” ha concluso l'Assessore “Il talento a Livorno non manca, ma deve assumere la forza dell'unione. L'energia della città deve trovare un indirizzo che abbia valore collettivo”.
La direttrice del Centro Artistico Il Grattacielo, Eleonora Zacchi, ha avuto parole di ringraziamento verso l'Amministrazione Comunale ed ha illustrato il programma della rassegna TAC, dando spazio al primo spettacolo dedicato a Modigliani rappresentato il giorno prima del termine della mostra “Non potevamo non salutare il grande artista livornese” ha detto Eleonora Zacchi “lo abbiamo fatto con uno spettacolo di varietà, orginale e divertente”.
Di seguito il programma dei cinque spettacoli della rassegna e di un seminario tenuto da Antonio Salines, attore teatrale e cinematografico, regista e direttore artistico del Teatro Belli di Roma.
Di seguito l'elenco degli spettacoli della rassegna che avranno tutti inizio alle 21,15.
Sabato 15 febbraio ore 21,15 - Il primo spettacolo in programma è dedicato ad Amedeo Modigliani e si intitola “Modì, Paris, Folies! L'indecente Dedo” di e con Eleonora Zacchi con Riccardo De Francesca, Luca Salemmi, Sandro Andreini, Chiara Marchetti, Daniela Salucci, Andrea Faccioli, Giulia Nazzarri. Regia Eleonora Zacchi
Con lo spettacolo “Modì Paris Folies! L’indecente Dedo” si vuole immergere lo spettatore nelle atmosfere di inizio secolo, ripercorrere le suggestioni di quei luoghi e di quel periodo. Partendo nel dare alcune pennellate di suoni e colori della Livorno dei primi del 900, si arriverà a Parigi con i suoi caratteristici caffè che hanno ospitato i maggiori scambi di idee e pensieri e segnato lo sviluppo artistico di tutto il XX secolo fino ad oggi. “La funzione dell’arte è di combattere contro le imposizioni”. Così diceva Modigliani e così lo spettacolo “Modì Paris Follies”, esce dagli schemi e si arricchisce di suoni e ritmi del varietà, dell'avanspettacolo e della commedia. E' un modo originale con il quale raccontare i luoghi, le atmosfere e le suggestioni che hanno a suo modo ognuno influito su quello che è stato il carattere e l'animo del grande artista. Una serie di quadri con i quali in modo ironico e brillante narrare dei passaggi salienti della vita di Dedo- Modì. La musica è il sottofondo necessario con il quale dare colore e carattere al susseguirsi incalzante ed estroso della vicenda.
Mercoledì 19 e giovedì 20 febbraio dalle 20 alle 23- seminario di Antonio Salines dal titolo “Shakespeare nostro contemporaneo”.
Il seminario si svolgerà facendo recitare a tutti i partecipanti i personaggi di Shakespeare, che interpreterà Antonio Salines la sera dello spettacolo (21 febbraio). Da Riccardo III a Enrico V, passando per Macbeth e il malvagio Aron del Tito Andronico, Salines mostrerà agli allievi come passare da un personaggio all'altro  trovando la chiave di ciascuno attraverso una recitazione essenziale e incisiva.
Sabato 21 febbraio ore 21,15
“Cattivi e Cattivissimi nel teatro shakespeariano” di Luigi Lunari, produzione Teatro Belli di Roma
Per una sera, saranno i personaggi di Shakespeare i protagonisti “cattivi e cattivissimi” che prenderanno vita in scena.
A dare voce a questa galleria, ideata da Luigi Lunari, che ha anche curato i testi di raccordo e presentazione tra un monologo e l’altro, sarà un grande attore che il pubblico ben conosce: Antonio Salines.
I cattivi in Shakespeare: non solo quelli classici, quali il deforme e sanguinario Riccardo III, il traditore Macbeth e la sua consorte o Enrico V ma anche i cattivi oltre ogni limite come il malvagio Aron del Tito Andronico, e quelli che si rivelano nefasti per parenti ed amici, quale ad esempio Amleto, che con la sua onesta passione causa la morte di tutti coloro che lo attorniano.
Antonio Salines è bravissimo nel passare da un personaggio all'altro, trovando la chiave di ciascuno attraverso una recitazione essenziale e incisiva. Una galleria di ritratti rivisti con l'occhio moderno di Luigi Lunari che ne ha curato con sapienza la traduzione e l'adattamento.
Venerdì 6 marzo ore 21,15
LA FINE DEL MONDO
Concerto per Charles Aznavour di Roberto Russo, diretto e interpretato da Gianni De Feo, al pianoforte Giovanni Monti
La musica e le canzoni di Charles Aznavour, tra quelle più celebri e le meno note, interpretate da Gianni De Feo e rivisitate al pianoforte dagli originali arrangiamenti di Giovanni Monti, si intrecciano abilmente con la trama drammaturgica quasi a formarne un unico corpo in un racconto di Roberto Russo, dal graffiante stile surreale e grottesco. Un mondo al rovescio che evoca una Francia immersa nelle calde atmosfere vintage, come a evocare un romanzo di Daniel Pennac, dove fanno da contrappunto le vicende di Monsieur Equilibre, protagonista del racconto, smarrito in un freddo mondo contemporaneo che sembra prossimo alla sua estinzione.
La fine del mondo, concerto per Charles Aznavour è un’Allegoria teatrale sul potere imprevedibile ed “eversivo” dell'amore.
Sabato 21 marzo ore 21,15
Fame mia quasi una biografia di ANNAGAIA MARCHIORO e con ANNAGAIA MARCHIORO in collaborazione con GABRIELE SCOTTI, allestimento scenico di MARIA SPAZZI, costumi ERIKA CARRETTA, regia di SERENA SINIGAGLIA. Liberamente ispirato a “Biografia della Fame” di Amelie Nothomb (Voland edizioni) vincitore del premio “L’Alba che verrà” 2016 e del Premio “Giovani Realtà del Teatro” 2015 dell'Accademia d'Arte Drammatica Nico Pepe di Udine.
“Fame mia”, quasi una biografia è uno spettacolo comico e poetico che racconta la storia di una donna che ha tanta fame, così tanta fame da smettere di mangiare. Liberamente ispirato ad un romanzo di Amélie Nothomb, a cui deve la più profonda ispirazione e l’ironia tagliente, lo spettacolo ne sfoca i contorni, fino a trasformarlo in una storia molto Italiana, la storia dell’attrice che la interpreta.
Siamo a Venezia, nel pieno degli anni ‘80, e come l’acqua dei canali scorre il racconto, dove Veneziano e italiano si alternano, passandosi la staffetta linguistica e segnando l’identità dei personaggi che affollano la memoria della protagonista. Tutta l’Italia si affaccia alla tavola di questo racconto: un’insegnante pugliese, la migliore amica napoletana. Non potrebbe che essere così, dato che in Italia si parla solo di cibo. È una storia di disturbi alimentari, ma non parla di disturbi alimentari. La leggerezza, l’ironia, la levità con cui ogni disgrazia è affrontata sono la chiave di accesso di questo testo. Senza mai prendersi troppo sul serio, senza enfasi e alcuna retorica, con la semplicità e la schiettezza dei migliori racconti biografici.
Venerdì 3 aprile ore 21,15
VIVA LA VIDA!
Frida Kahlo e Chavela Vargas di Valeria Moretti, con Francesca Bianco ed Eleonora Tosto, alla chitarra Matteo Bottini, video Caterina Botti, regia Carlo Emilio Lerici, produzione Teatro Belli.
Lo spettacolo si apre con la voce di Frida Kahlo che descrive l'amore della sua vita, il pittore Diego Rivera. Una registrazione rarissima, forse l'unica registrazione audio esistente dell'artista, che la Fonoteca Nacional del Messico ha recuperato e digitalizzato nel gennaio 2019 e che ha deciso di rendere pubblico nel giugno scorso.
Un immaginario racconto/dialogo tra Frida Kahlo e Chavela Vargas, in un viaggio poetico e visionario che, intrecciando musica e teatro, conduce nella vita di due delle figure più carismatiche della cultura messicana.
Francesca Bianco, che dà voce alla pittrice, ed Eleonora Tosto al canto, che interpreta le canzoni di Chavela Vargas, accompagnate alla chitarra da Matteo Bottini, si alternano in uno scambio di emozioni e suggestioni oniriche.
Per informazioni e prenotazione spettacoli telefonare al Centro Artistico Il Grattacielo, via del Platano 6, al numero 0586/890093 o scrivere a segreteria@centroartisticoilgrattacielo.it

  

 

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie