Attualità

Livorno avrà 900 nuovi alberi

  • Pubblicato: Martedì, 27 Ottobre 2020 12:35
  • Scritto da Cortex

Prende il via l’intervento di forestazione del Comune di Livorno grazie al sostegno di Unicoop Tirreno.
Partito il progetto di forestazione che vede protagonista il Comune di Livorno. Saranno piantumati 900 nuovi alberi grazie all’iniziativa di Unicoop Tirreno “Un nuovo socio, un nuovo albero”, che rientra in Mosaico Verde, la campagna nazionale ideata e promossa da AzzeroCO2 e Legambiente con lo scopo di riqualificare il territorio italiano e tutelare i boschi esistenti.
Un progetto che andrà a vantaggio del verde urbano, del contrasto ai cambiamenti climatici e della qualità dell’aria, con l’ulteriore finalità di ridurre le isole di calore restituendo respiro alla città e migliorando la fruibilità di queste aree da parte dei residenti.
La realizzazione di isole verdi, inoltre, permette di creare habitat particolarmente apprezzati dalla piccola mammo-fauna e dall'aviofauna che vi trovano rifugio e cibo.


Pubblicità

 

        



L’intervento di piantumazione interessa tre aree localizzate nella zona Sud di Livorno di cui due nel quartiere Ardenza – La Rosa ed una nel quartiere La Leccia destinate ad oggi a parchi pubblici. Il progetto prevede la messa a dimora di specie arboree e arbustive autoctone che potranno integrarsi al meglio con le condizioni climatiche del luogo tra le quali: il leccio, l’orniello, l’acero campestre e la roverella.
In particolare, nel parco BMX (compreso tra via dell'Ardenza, via Tommasi, via Bat-Yam e via degli Scarronzoni) l'area destinata all'intervento è di 2.700 m² e in quest'area saranno piantati circa 450 esemplari tra alberi e arbusti.
Nel parco Bikonacki-Muratori (compreso tra via Bikonacki, via Romagnosi, via Muratori e via Machiavelli) saranno messi a dimora 170 alberi e 55 arbusti, mentre alla Leccia, nel parco del Rio Felciaio saranno posti alberi e arbusti per un totale di 225 piante.
Attenzione è stata posta, nella scelta delle essenze, anche agli aspetti funzionali della tipologia di verde che si andrà a creare, delle esigenze manutentive delle singole specie e del potenziale allergenico delle specie, evitando quelle caratterizzate da elevata allergenicità.
“Un nuovo socio un nuovo albero” - attraverso cui è stato reso possibile l’intervento di Livorno - è l’iniziativa lanciata da Unicoop Tirreno che dal 26 febbraio al 31 dicembre 2020 si è impegnata per ogni nuovo socio tra i 18 e i 30 anni a piantare un giovane albero e che prevede per gli stessi anche 30 euro in buoni da spendere in prodotti della linea bio ed ecologica ViviVerde Coop.
Il progetto fa parte della campagna Mosaico Verde nata nel 2018 con lo scopo di facilitare l’incontro tra le necessità degli enti locali di recuperare aree verdi e la volontà delle aziende di investire risorse nella creazione o tutela di boschi permanenti, come misura di Responsabilità Sociale d’Impresa. Mosaico Verde ha un obiettivo ambizioso: piantare 300.000 nuovi alberi e tutelare 30.000 ettari di boschi esistenti su tutto il territorio nazionale.
"Al centro della pandemia e in questo nostro Terzo Millennio le città devono trasformarsi da dissipatrici a produttrici di risorse, da inquinanti e pericolose a luoghi salubri e favorevoli alla convivenza - dichiara Silvia Viviani, Assessora all’Urbanistica e Verde Urbano del Comune di Livorno-. La messa dimora degli alberi è un'azione fondamentale per questi obiettivi e anche un segno di fiducia nel futuro. Abbiamo scelto di incrementare la presenza degli alberi in città a partire dai parchi che sono i luoghi pubblici nei quali ci siamo ritrovati dopo il lockdown e dove abbiamo cercato ristoro, svago, la possibilità di fare attività all'aperto. Abbiamo scelto tipi di piante che dureranno nel tempo, che bene si possono contestualizzare e che incrementano la biodiversità fornendo un giusto habitat alle specie animali che vi troveranno sede. Ringraziamo Unicoop Tirreno che aderendo all'iniziativa e aumentando il verde urbano aiuta la nostra città a ottenere un miglior microclima, un più bel paesaggio e una maggiore sicurezza nella difesa dei suoli".
"I cambiamenti climatici in atto impongono agli amministratori pubblici di mettere a punto una vera e propria strategia del verde, finalizzata da un lato a ridurre le emissioni di CO2 e dall'altro a rendere le città più vivibili e più resistenti al caldo intenso – dichiara Giovanna Cepparello, Assessora all’Ambiente del Comune di Livorno-. Le piantumazioni di alberi sono un cardine fondamentale di questa strategia di mitigazione e di adattamento, e devono diventare una pratica consolidata nella nostra città. È anche una questione di responsabilità verso le generazioni future!”


Pubblicità

       



“Il 26 febbraio 2020 Unicoop Tirreno ha compiuto 75 anni: un compleanno importante celebrato con questa iniziativa sociale rivolta ai più giovani. L’ambiente, uno dei temi su cui la Cooperativa è maggiormente impegnata da sempre; i giovani, a cui la Cooperativa è destinata, perché il suo patrimonio etico, economico, di competenze deve restare a disposizione della comunità anche domani. Ecco che, in occasione di un evento tanto importante, abbiamo scelto una campagna che è anche un atto di cura per il nostro pianeta” - Massimo Favilli, Direttore soci e comunicazione Unicoop Tirreno.
“La riqualificazione del verde urbano è la nuova frontiera della lotta ai cambiamenti climatici – dichiara Sandro Scollato, Amministratore Delegato di AzzeroCO2 - Siamo convinti che la fruibilità e il mantenimento delle aree verdi possano portare benefici concreti alle comunità locali ed offrire loro occasioni di incontro e di condivisione di idee sulla protezione dell’ambiente in cui vivono.”

  

  

 

  

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie