Attualità

Intervista a Emilio Soldatini, Responsabile Territoriale della FILCA – CISL TOSCANA

  • Pubblicato: Sabato, 20 Febbraio 2021 08:57
  • Scritto da Alessandro Guerrieri

Il settore dei lavoratori nel settore delle costruzioni è seguito attentamente, e con grande professionalità, nella provincia di Livorno dalla FILCA CISL TOSCANA; nello specifico il territorio labronico è seguito dal Responsabile Territoriale, Emilio Soldatini. È lui che ci guida, con la sua professionalità, a conoscere meglio questa importante categoria.
Quali sono i campi di azione della categoria che lei rappresenta?
“Come molti dei lettori sapranno, la FILCA CISL TOSCANA, Territorio di Livorno, è la categoria che segue il settore delle costruzioni in generale. Oltre alla edilizia per così dire tradizionale, comprende, infatti, anche i lavoratori nel settore del Legno, Lapidei, Laterizi e Cementerie. Di fatto tutti le attività, e conseguentemente gli addetti, che ruotano intorno alla realizzazione di abitazioni ed infrastrutture.”
Quanti sono gli iscritti alla categoria?
“Allora, se parliamo su base regionale, gli iscritti sono circa 17.000, mentre se limitiamo l'analisi alla sola provincia di Livorno i tesserati sono 1400 circa. Un buon risultato, tenendo conto della situazione di crisi che, dal 2008, per una serie molteplice di motivi, blocco degli investimenti pubblici in primis, ha investito il settore. Anzi, va detto che nell'ultimo anno il numero degli iscritti, per quanto riguarda la provincia di Livorno, è addirittura aumentato.”
Questo nonostante l'emergenza sanitaria
“Trattandosi di un settore in grave crisi, le problematiche dovute all'emergenza Coronavirus non hanno influito più di tanto, anzi i numeri ci dicono che nell'ultimo semestre dello scorso anno c'è stata una crescita che le previsioni dicono dovrebbe continuare anche nel 2021, anche per il previsto sblocco degli investimenti pubblici.”
Qual è la struttura della vostra categoria?
“Come si può evincere facilmente dalla denominazione della Categorie, la nostra struttura è regionalizzata; ciò comporta che vi sia un unico Legale Rappresentante, nella persona del Segretario Generale Regionale, Simona Riccio. Ci sono poi dei Responsabili Territoriali, che seguono una o più province. Questo, per esemplificare, è il mio incarico, seguo infatti due province, quella di Livorno ed anche quella di Pisa.
In cosa consiste la vostra attività?
“Chiaramente, trattandosi di edilizia ed attività connesse, le nostre attività si sviluppano prevalentemente sui cantieri. Il settore infatti è formato, per la maggior parte da micro aziende, un particolare che rende assolutamente necessario essere più presenti possibile sul territorio e raggiungere il maggior numero di lavoratori, offrendo loro tutele a 360 gradi. Noi lo facciamo, non solo essendo presenti sui luoghi di lavoro, ma anche tramite i servizi degli Enti bilaterali, dei nostri CAAF e del patronato.”
Quali sono i prossimi obiettivi che la vostra categoria si è prefissa?
“Per il prossimo futuro, tra i nostri obiettivi c'è innanzitutto il perfezionamento delle funzioni degli Enti Bilaterali; infatti, la FILCA TOSCANA è in prima linea per cercare di portare avanti una politica di regionalizzazione degli Enti in modo da garantire una maggiore efficienza, attraverso una riduzione dei costi ed una omogeneizzazione dei servizi. Gli Enti Bilaterali ovvero Cassa edile, Scuola Edile e CPT (Comitato Paritetico Territoriale) si occupano infatti di fornire, rispettivamente, tutele contrattuali, formazione e prevenzione per la sicurezza sui luoghi di lavoro. Non solo, altro tema importante per la Categoria è la sicurezza sui luoghi di lavoro con il rafforzamento della figura degli RLST (Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Territoriali). La FILCA TOSCANA è stata, infatti, tra i principali promotori della costituzione dell'Associazione Regionale, poiché siamo convinti che avere RLST con un coordinamento regionale possa garantire una copertura più capillare ed omogenea su tutto il Territorio toscano per informare e prevenire.
Infine, ma certamente non ultimo come importanza, c'è il tema della legalità. Da tempo stiamo chiedendo il potenziamento di uno strumento fondamentale per il controllo della regolarità, il DURC (Documento Unico di Regolarità Contributiva), con la possibilità di incrociare i dati tra INPS, INAIL e Cassa Edile. Questo permetterebbe di poter individuare la presenza di maestranze irregolari sui luoghi di lavoro, i cosiddetti lavoratori al nero o grigio, per grigio si intende quei lavoratori che vengono regolarizzati, ma per i quali vengono dichiarate meno ore di lavoro. A tal proposito con la Regione Toscana è stato sottoscritto un "Protocollo d'intesa per la qualità del lavoro e la valorizzazione della buona impresa negli appalti di lavori, forniture e servizi”. Per concludere, un altro cavallo di battaglia della FILCA è rappresentato, sicuramente, l'istituzione della patente a punti per l'esercizio di impresa nel settore edile, La patente a punti è uno strumento teso a favorire le aziende che investono in prevenzione e sicurezza; consiste in un punteggio iniziale, inserito in un apposito riquadro del DURC, che attesta l’idoneità a svolgere l’attività edilizia, di cui le Amministrazioni giudicatrici devono tener conto nell’affidamento di lavori o incarichi.”

  

  

 

 

  

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie