Attualità

4° concorso fotografico nazionale “Fotografia e mondo del lavoro”

  • Pubblicato: Mercoledì, 24 Marzo 2021 16:06
  • Scritto da Cortex

Le foto selezionate saranno esposte nei Granai di Villa Mimbelli. Si intitola "Torneremo a viaggiare: il lavoro nel turismo fra tradizione e nuove forme di ospitalità" il 4° concorso fotografico nazionale "Fotografia e mondo del lavoro" promosso dalla Fondazione Carlo Laviosa e dal Comune di Livorno.
Dopo l'ultima edizione del tutto speciale dedicata al lavoro a Livorno nonostante il Covid, questa nuova riguarda il settore del turismo che definisce la nostra identità culturale, animato e tenuto vivo dal lavoro di tantissime persone qualificate, un capitale umano di valore che, prima del Covid, rappresentava quasi un quinto del totale delle attività economiche italiane.
Il concorso, rivolto a fotografi professionisti e amatoriali che abbiano compiuto il 18° anno di età, scadrà alla mezzanotte del 16 maggio e si avvarrà di una giuria di altissimo profilo presieduta da Letizia Battaglia.
Si concluderà con una mostra organizzata ai Granai di Villa Mimbelli di Livorno dal 20 giugno al 15 agosto 2021; nel giorno dellinaugurazione della mostra si svolgerà anche la premiazione dei vincitori.
A presentare l'importante iniziativa, a Palazzo Comunale, sono stati l'assessore alla Cultura Simone Lenzi, il consigliere della Fondazione Laviosa Piero Starita e Simona Manfredini, responsabile Organizzazione e Relazioni pubbliche della Fondazione Laviosa:

Questo concorso, arrivato alla quarta edizione - ha esordito l'assessore Lenzi - mette in relazione la vocazione della Fondazione Laviosa per il lavoro e la particolare attenzione per la fotografia. Il lavoro è sempre stato al centro della Fondazione e in queste edizioni si è visto declinare in modi diversi. Lo scorso anno il tema era il lavoro al tempo del Covid. Quest'anno, ora che iniziamo a vedere un barlume di speranza, che iniziamo a pensare che se ne uscirà, e il titolo stesso è all'insegna di questa speranza, il concorso pone attenzione verso un comparto che i costi della pandemia li ha pagati ancor più di altri settori. È ora il momento in cui bisogna iniziare a interrogarci sulle prospettive post pandemiche, bisogna iniziare a riflettere sul mondo che sarà, se rimarrà quello di prima o se sarà diverso. Ecco, il concorso rappresenta un momento di riflessione su questo tema.”
“Obiettivo fondamentale della Fondazione - ha ricordato Piero Starita, consigliere della Fondazione Laviosa - è portare la Fondazione dentro Livorno e portare Livorno dentro il mondo. Da qui l'auspicio che la partecipazione sia ampia in fatto di numeri e che arrivi anche da lontano.”
“La quarta edizione parla di turismo ma, alla luce di questa pandemia - ha osservato Starita - anche il turismo andrà un po' reinventato. Tornare a viaggiare, come dice il tema di questo concorso, è una grande speranza, è una di quelle cose che mancano per chi ha avuto la fortuna di non essere toccato dal virus nel corpo e negli affetti.”
Sulla volontà della Fondazione di raggiungere il maggior numero di fotografi si è espressa anche Simona Manfredini, responsabile Organizzazione e Relazioni pubbliche della Fondazione Laviosa che ha spiegato come per cercare di attirare fotografi da ogni parte d'Italia abbiamo puntato su una giuria con personalità di altissimo livello e aumentato l'ammontare dei premi.”

“Il turismo, punta di diamante per l'economia del nostro Paese - ha aggiunto Manfredini - versa in una crisi profondissima. Su di esso, in questi anni, si erano concentrate le migliori energie produttive e, nelle forme che riusciremo a dargli nel futuro, resterà un’industria fondamentale per l'Italia”.
IL CONCORSO IN DETTAGLIO
Ai partecipanti al 4°concorsoFotografia e mondo del lavoroè richiesta una testimonianza del lavoro nel turismo, che non escluda una visione di quel che non vorrebbero andasse perso del nostro modo di ospitare ed accogliere, o una suggestione critica o ironica, ma che comunque concentri lattenzione sul capitale umano essenziale a quella immensa risorsa produttiva del nostro Paese che è il turismo. Liscrizione ha il costo di 30,00 ( 25,00 per gli associati FIAF).
Per questa edizione è prevista una giuria di altissimo livello che vede come presidente Letizia Battaglia, fotografa di fama internazionale e cittadina onoraria di Livorno; Federica Berzioli, direttore de Il Fotografo; Giacomo Bretzel, fotografo professionista; Maddalena Fossati, direttore di Condè Nast Traveller; Giovanni Laviosa, presidente della Fondazione Carlo Laviosa; Simone Lenzi, assessore alla cultura del Comune di Livorno; Angelo Loy, regista documentarista e presidente della Fondazione Giuseppe Loy; Carlo Lucarelli, AFI EFI EFIAP, delegato regionale FIAF per la Toscana. La giuria è coordinata da Simona Manfredini (Fondazione Carlo Laviosa) e Alessandro Paron (TST Art Gallery).
Sono previsti premi in denaro: 1°premio assoluto (singola immagine o racconto fotografico) 4.000,00; 2° premio sezione immagine singola: 2.500,00; 2°premio sezione racconto fotografico: 2.500,00; 3°premio sezione immagine singola: 1.000,00; 3°premio sezione racconto fotografico: 1.000,00.
Come iscriversi. È necessario connettersi al sito https://fondazionelaviosa.com aprire la pagina del concorso fotografico dal titolo: Concorso 2021” e compilare il modulo di partecipazione in tutte le sue parti, inviando le foto all'indirizzo e-mail concorso2021@laviosa.com
Il concorso prenderà in considerazione sia foto singole che un progetto narrativo, ovvero un racconto per immagini. Non verranno accettate fotografie con la firma e/o segni identificativi riconoscibili di qualsiasi genere. Le fotografie dovranno essere frutto di un unico scatto e, nel caso del racconto, da una sequenza narrativa di scatti singoli; non è consentita la composizione fotografica tramite collage o programmi digitali. È ammesso il ritocco digitale limitato alle funzioni di riquadratura immagine, bilanciamento colore, esposizione, contrasto. Immagini non coerenti con il tema del concorso non verranno ammesse. Sono accettate sia foto in bianco e nero che a colori.
Ogni partecipante può inviare al massimo 3 foto singole o un racconto per immagini costituito da un minimo di 4 ed un massimo di 8 foto. Il formato dell'immagine deve essere di tipo JPG e profilo colore RGB. Ciascuna foto inviata alla mail concorso2021@laviosa.com dovrà avere la dimensione massima di 2500 pixel per lato lungo; non verranno ammessi altri formati. La dimensione dei file non deve essere maggiore di 1,5MByte. Il singolo file deve essere denominato da: nome, cognome e numero della foto (ad esempio nel caso dell'invio della 1°fotografia: mario rossi 1.jpg). Nel caso del racconto il numero della foto sarà indicativo della successione narrativa del progetto presentato. Le foto selezionate dovranno, successivamente, essere inviate nella dimensione massima di 45x30cm, pixel a 250 dpi, in formato JPG.
Per le informazioni dettagliate sul regolamento si consiglia di visitare il sito https://fondazionelaviosa.com
Il concorso è promosso in collaborazione gratuita con Fotoclub Nove, circolo affiliato FIAF 2283, e gode della Raccomandazione FIAF n°2021M01.

  

  

 

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie