Cronaca

GdF: “Stop stinks” e il traffico illecito di rifiuti

  • Pubblicato: Venerdì, 05 Agosto 2022 10:13
  • Scritto da Cortex

Rifiuti e fisco: ricostruita evasione “da consenso” per le migliaia di sversamenti di liquami domestici nella rete fognaria pubblica livornese, scoperti a fine 2020.
Incassati 150 euro senza fattura per la pulizia e lo svuotamento di ogni pozzo nero da parte di una società multiservizi. occultati redditi per 1 milione di euro.
Furono ben 7.000 gli svuotamenti di fognature, pozzi neri e fosse settiche di abitazioni residenziali e impianti industriali cui seguirono altrettanti incredibili sversamenti in un tombino della rete fognaria pubblica livornese, in particolare intorno a Castiglioncello, la c.d. “perla del Tirreno”. Gravi condotte, quelle scoperte un anno e mezzo fa dalla Guardia di Finanza di Livorno, su delega della Dda della Procura della Repubblica di Firenze, cui si aggiunge ora il recupero a tassazione dei redditi “occultati” al fisco, 1 milione di euro, con 230 mila euro di IVA evasa constatata. È quanto ricostruito, in particolare, dalle Fiamme Gialle della Tenenza di Castiglioncello, a conclusione della nota indagine “Stop stinks”, coordinata dalla medesima Dda, in materia di traffico illecito di rifiuti.

L’inchiesta definita con patteggiamento.

L’inchiesta “Stop stinks” ora è stata definita su richiesta degli imputati in sede di processo innanzi al GUP con il patteggiamento della pena: 1 anno e 2 mesi di reclusione con sospensione condizionale della pena e la non menzione della condanna nel certificato del casellario per gli imputati, con pena pecuniaria di oltre 36.000 € per la srl multiservizi. L’attività è stata quindi approfondita dai finanzieri anche dal punto di vista fiscale, con una verifica per il recupero dell’evasione realizzata dalla società.

Cosa emerse dalle indagini.

Le investigazioni evidenziarono che la srl multiservizi, attiva anche nel corso del primo lockdown per la pandemia, eludeva la normale procedura di smaltimento dei liquami, considerati rifiuti speciali non pericolosi, sversandoli direttamente nella rete fognaria pubblica anziché conferendoli presso idonee strutture. Ometteva, inoltre, sia la redazione dei formulari previsti per la movimentazione e la gestione di questa tipologia di rifiuti, sia la predisposizione della documentazione contabile comprovante le attività di svuotamento e pulizia delle fosse settiche e dei pozzi neri nei villini e negli impianti industriali di Rosignano e Castiglioncello, nella provincia a sud di Livorno.

È così che otteneva un importante risparmio sui costi, generando però una significativa evasione fiscale.

L’evasione “da consenso”.

Tutto ciò era reso possibile grazie al tacito consenso di parte della clientela, che – attratta dal prezzo applicato (circa 150 euro per ogni autospurgo che non veniva fatturato), inferiore del 20-30% rispetto a quello medio del mercato – al termine dell’intervento manutentivo dava il proprio assenso a non ricevere il documento fiscale, concretizzando così i termini di una deplorevole e perniciosa “evasione da consenso”.

Nei confronti della società le Fiamme Gialle quindi – all’esito delle attività investigative e ottenuto il nulla osta dell’Autorità giudiziaria per l’utilizzo ai fini fiscali degli elementi probatori acquisiti nel corso delle indagini nonché al termine dell’analisi della documentazione fiscale di riferimento - hanno ricostruito gli oltre 7.000 interventi di svuotamento e pulizia di fosse settiche e pozzi neri non fatturati nell’arco di cinque anni, da cui è derivata una base imponibile sottratta a tassazione ai fini dell’IRES di oltre 1.000.000 di Euro nonché un’IVA evasa di oltre 230.000 Euro.

Dalla salvaguardia dell’ambiente alla tutela della vocazione produttiva e industriale dell’area di Rosignano e delle filiere locali.

Il servizio è stato caratterizzato da trasversalità d’intervento in materia di polizia (prima) giudiziaria, (poi) finanziaria ed economica, stante l’azione di salvaguardia dell’ambiente assicurata, nella fattispecie, sul territorio toscano sia d’iniziativa, sia su delega della Dda di Firenze, cui è stata associata l’attività repressiva di una grave forma di evasione fiscale cosiddetta “da consenso”.

Il tutto s’inquadra nelle linee strategiche della Guardia di Finanza per la tutela del libero funzionamento dei mercati e della concorrenza tra imprese, con riferimento, in questo caso, alla difesa della vocazione produttiva e industriale dell’area di Rosignano e delle filiere locali.

  

  

 

 

 


NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie