Cronaca

Arrestato livornese allo stadio Picchi per minacce, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale

  • Pubblicato: Lunedì, 14 Novembre 2022 12:05
  • Scritto da Cortex

Prima si rifiuta di pagare il biglietto per la partita, poi lo paga e lo strappa sul viso ai poliziotti. Arrestato livornese del ’95 per reati di minacce, resistenza e lesioni a P.U. e denunciato in stato di libertà all'A.G. per il reato di oltraggio a P.U.
Nel pomeriggio di ieri, 13 novembre, nell’ambito dei servizi predisposti in occasione dell’incontro di calcio Livorno-Ostia, venivano predisposti come al solito i servizi di controllo e filtraggio anche presso il settore della Curva Nord, noto per essere occupato dalla tifoseria locale soprattutto da parte di quella organizzata.
Il personale della Questura, come altri componenti del contingente, compresa una squadra del reparto Mobile della Polizia di Stato, si dislocava a ridosso degli "stewards", che effettuavano il controllo dei titoli di accesso nei confronti degli spettatori, che, si ribadisce, avevano già passato lo step del controllo biglietti.
Tale attività si stava svolgendo con il massimo ordine, dovuto alla sinergia operativa delle forze in campo ed alla contestuale massima collaborazione e comprensione da parte degli spettatori.
Ad un certo punto un operatore di polizia, nel procedere ai controlli degli spettatori che gli si presentavano davanti, fermava un giovane, alto circa m. 1,70, corporatura normale, con abiti di colore nero e un cappellino anch’esso nero, per sottoporlo alle dovute verifiche preliminari.
Da subito il giovane si mostrava insofferente mostrando il suo stato con le seguenti espressioni verbali: "Tanto non c'ho niente. Voglio entrare dentro. Non mi dovete rompere!" e tentando di destreggiarsi con il chiaro intento di eludere il controllo.
Considerato che l'incontro di calcio avrebbe avuto inizio alle 15.30, e quindi non imminente, e vista la situazione che si stava creando, si cercava di fargli comprendere che con un po’ di collaborazione in poco tempo il controllo si sarebbe concluso.
Ma il giovane si rivolgeva loro con espressioni offensive con toni di voce molto alterati, in un momento particolarmente affollato di persone che cercavano di accedere allo stadio.
A quel punto, vista la poca collaborazione, veniva chiesto al giovane l’esibizione del titolo di accesso che veniva rifiutato continuando con espressioni di offese nei confronti dei poliziotti, pretendendo a dura voce l’ingresso pur essendo completamente privo del biglietto.
Tale pretesa veniva sentita anche da altri ultras che si avvicinavano agli operatori di polizia.
A questo punto, i poliziotti invitavano il giovane ad uscire dall'area dell'impianto sportivo e ritornare qualora si fosse munito di biglietto.
Ma l'invito non solo veniva disatteso, ma continuava ad inveire a viva voce frasi ed epiteti oltraggiosi all'indirizzo delle forze dell'ordine.
Il soggetto veniva così invitato all'esterno del settore dedicato al filtraggio, al quale si opponeva, dapprima passivamente, ma poi mettendo in atto spintoni nei confronti dei poliziotti minacciando di creare turbative all'ordine pubblico tramite l'azione di altri ultras della Curva Nord.
Si riusciva comunque a riaccompagnarlo fuori dalla zona del prefiltraggio.
Poco dopo il giovane si ripresentava all'ingresso del prefiltraggio e mostrava il biglietto allo steward adibito a quel servizio e passato il controllo si dirigeva all'interno.
Una volta dentro si portava velocemente verso il responsabile del settore e gli scagliava contro il biglietto proferendo ad alta voce parole ed insulti di vario genere. A quel punto il giovane veniva fermato mentre il biglietto caduto a terra veniva recuperato.
Riaccompagnato verso le transenne, gli veniva chiesta l'esibizione immediata di un documento d'identità, che in un primo momento rifiutava. Raccolto il biglietto e confrontato con la carta d'identità, si accertava che il biglietto riportava il medesimo nominativo di colui che poco prima si era allontanato dallo stadio e veniva sequestrato.
Il livornese veniva condotto in Questura per essere sottoposto ai rilievi fotodattiloscopici da parte del personale del locale Gabinetto Provinciale di Polizia Scientifica.
Inoltre, si procedeva alla visione dei filmati riprodotti dal sistema di videosorveglianza funzionante presso lo stadio comunale e venivano estratte le immagini dei fatti accaduti. In base alle immagini veniva quindi tratto in arresto per i reati di minacce, resistenza e lesioni a P.U. e denunciato in stato di libertà all'A.G. per il reato di oltraggio a P.U.
Su disposizione del PM veniva portato al suo domicilio, agli arresti domiciliari in attesa dell'udienza direttissima.

  

  

 

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie