Cronaca

Contrasto allo spaccio: fermato e pronto al rimpatrio cittadino tunisino

  • Pubblicato: Venerdì, 20 Gennaio 2023 11:47
  • Scritto da Cortex

È accaduto la sera del 18 gennaio. Durante il servizio straordinario di controllo svolto dalle volanti unitamente a 3 pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine Toscana, una delle pattuglie del Reparto Prevenzione crimine, transitando in Piazza Mazzini, all'altezza del Chiosco "Jhonny Paranza", zona notoriamente frequentato da spacciatori e tossicodipendenti, notava quattro soggetti nordafricani, a piedi, sostare con fare sospetto nella parte retrostante del baracchino.

Appena arrestata l'auto di servizio, prima ancora che gli operatori scendessero dalla vettura, al fine di eludere un eventuale controllo da parte degli agenti, due di questi iniziavano improvvisamente a correre. Prontamente gli operatori, nel tentativo di bloccare i fuggitivi, si mettevano all'inseguimento a piedi.

Nello specifico, uno di questi, mentre superava i giardini di Piazza Mazzini veniva notato lanciare un involucro di colore bianco, per poi subito dopo attraversare, senza osservare se sopraggiungessero veicoli, via Gaetano D'Alesio e continuare la sua corsa in direzione Scali Adriano Novi Lena. Subito dopo svoltava all'altezza della pizzeria "Decimo Porto" e si immetteva in via delle Navi facendo perdere così le proprie tracce.

Nel frattempo, venivano diramate le descrizioni del soggetto in questione alle altre auto sul territorio: nordafricano, età 30 anni, corporatura snella, carnagione olivastra, alto circa 175 cm, capelli rasati ai lati, indossante jeans e giubbotto di colore nero, scarpe da ginnastica.

Pochi minuti dopo, durante le fasi di ricerca, percorrendo via Verdi, all'altezza del civico 165, questa pattuglia notava un soggetto corrispondente a quello datosi poco prima alla fuga che al passaggio degli agenti cercava di nascondersi tra le auto in sosta. Appena scoperto, riprendeva la sua corsa in direzione via delle Navi per poi svoltare in Borgo dei Cappuccini. Qui continuava la sua fuga lungo il marciapiede fino a quando, non accortosi di alcune bici legate ad un palo, li colpiva cadendo rovinosamente a terra.

Alla richiesta di un valido documento di riconoscimento, la persona non esibiva il permesso o la carta di soggiorno (od altro titolo che comprovasse l'avvenuta richiesta di regolarizzazione), dichiarando di essere al momento sprovvisto di qualsiasi documento valido di identificazione.

Si autoidentificava come un tunisino del 1991. La perquisizione personale sul posto dava esito negativo. Tuttavia, veniva trovato in possesso di denaro in contante per euro 90, che custodiva singolarmente all'interno delle varie tasche del jeans indossato e ritenuto ricavato dello spaccio di sostanze stupefacenti.

Durante le fasi del controllo venivano ripercorse a ritroso le vie di fuga del soggetto, quindi una volante dell’UPGSP si portava in Piazza Mazzini, all'altezza del Chiosco "Jhonny Paranza" ove il soggetto aveva iniziato la fuga ed era stato visto lanciare qualcosa dalla mano destra. Qui, a terra, in prossimità del baracchino veniva recuperato un imballo in plastica trasparente, contenente all'interno nr. 4 involucri in cellophane dl colore bianco termosaldati, contenenti all'interno sostanza in polvere di colore bianco, verosimilmente all'aspetto cocaina.
Quindi il fermato veniva fotosegnalato dalla polizia scientifica, denunciato per i reati di

"detenzione illecita ai fini di spaccio dl sostanze stupefacenti", "resistenza a pubblico ufficiale.", e "immigrazione clandestina per violazione dell'ordine del questore".
Piantonato nella notte e in mattinata da una volante in attesa di ottenere un posto in uno dei centri di rimpatrio a livello nazionale.
Ottenuto il via per il Centro di Roma e adottato il provvedimento di espulsione        nella serata di ieri una pattuglia lo ha consegnato al Centro Rimpatri di Roma.
Per il complesso dell’operazione sono state impiegate 8 volanti tra la serata del fermo e quella di ieri.

La sera del 18 gennaio, durante il servizio straordinario di controllo svolto dalle volanti   unitamente a 3 pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine Toscana, servizio  volto alla prevenzione e alla repressione dei reati predatori, nonché dei reati connessi allo spaccio e consumo di sostanze stupefacenti, una delle pattuglie del Reparto Prevenzione crimine, transitando in Piazza Mazzini, all'altezza del Chiosco "Jhonny Paranza", zona notoriamente frequentato da spacciatori e tossicodipendenti, notava quattro soggetti nordafricani, a piedi, sostare con fare sospetto nella parte retrostante del baracchino.

Appena arrestata l'auto di servizio, prima ancora che gli operatori scendessero dalla vettura, al fine di eludere un eventuale controllo da parte degli agenti, due di questi iniziavano improvvisamente a correre. Prontamente gli operatori, nel tentativo di bloccare i fuggitivi, si mettevano all'inseguimento a piedi.

Nello specifico, uno di questi, mentre superava i giardini di Piazza Mazzini veniva notato lanciare un involucro di colore bianco, per poi subito dopo attraversare, senza osservare se sopraggiungessero veicoli, via Gaetano D'Alesio e continuare la sua corsa in direzione Scali Adriano Novi Lena. Subito dopo svoltava all'altezza della pizzeria "Decimo Porto" e si immetteva in via delle Navi facendo perdere così le proprie tracce.

Nel frattempo, venivano diramate le descrizioni del soggetto in questione alle altre auto sul territorio: nordafricano, età 30 anni, corporatura snella, carnagione olivastra, alto circa 175 cm, capelli rasati ai lati, indossante jeans e giubbotto di colore nero, scarpe da ginnastica.

Pochi minuti dopo, durante le fasi di ricerca, percorrendo via Verdi, all'altezza del civico 165, questa pattuglia notava un soggetto corrispondente a quello datosi poco prima alla fuga che al passaggio degli agenti cercava di nascondersi tra le auto in sosta. Appena scoperto, riprendeva la sua corsa in direzione via delle Navi per poi svoltare in Borgo dei Cappuccini. Qui continuava la sua fuga lungo il marciapiede fino a quando, non accortosi di alcune bici legate ad un palo, li colpiva cadendo rovinosamente a terra.

 

Alla richiesta di un valido documento di riconoscimento, la persona non esibiva il permesso o la carta di soggiorno (od altro titolo che comprovasse l'avvenuta richiesta di regolarizzazione), dichiarando di essere al momento sprovvisto di qualsiasi documento valido di identificazione.

Si autoidentificava come un tunisino del 1991. La perquisizione personale sul posto dava esito negativo. Tuttavia, veniva trovato in possesso di denaro in contante per euro 90, che custodiva singolarmente all'interno delle varie tasche del jeans indossato e ritenuto ricavato dello spaccio di sostanze stupefacenti.

Durante le fasi del controllo venivano ripercorse a ritroso le vie di fuga del soggetto, quindi una volante dell’UPGSP si portava in Piazza Mazzini, all'altezza del Chiosco "Jhonny Paranza" ove il soggetto aveva iniziato la fuga ed era stato visto lanciare qualcosa dalla mano destra. Qui, a terra, in prossimità del baracchino veniva recuperato un imballo in plastica trasparente, contenente all'interno nr. 4 involucri in cellophane dl colore bianco termosaldati, contenenti all'interno sostanza in polvere di colore bianco, verosimilmente all'aspetto cocaina.
Quindi il fermato veniva fotosegnalato dalla polizia scientifica, denunciato per i reati di

"detenzione illecita ai fini di spaccio dl sostanze stupefacenti", "resistenza a pubblico ufficiale.", e "immigrazione clandestina per violazione dell'ordine del questore".
Piantonato nella notte e in mattinata da una volante in attesa di ottenere un posto in uno dei centri di rimpatrio a livello nazionale.
Ottenuto il via per il Centro di Roma e adottato il provvedimento di espulsione        nella serata di ieri una pattuglia lo ha consegnato al Centro Rimpatri di Roma.
Per il complesso dell’operazione sono state impiegate 8 volanti tra la serata del fermo e quella di ieri.

 

  

  

 

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie