Cronaca

Guardia di Finanza: contrasto all’evasione nel settore immobiliare

Irregolarità emerse a carico di 445 soggetti: 235 seconde case dichiarate come prime, 209 affitti in nero anche mediante fittizi contratti di “comodato d’uso”, compravendite con valori dichiarati difformi rispetto agli effettivi. Tra le false residenze una villa a castiglioncello di sedici vani e relative pertinenze.
I finanzieri del Comando Provinciale di Livorno hanno concluso una specifica progettualità, con il coordinamento e l’indirizzo del sovraordinato Comando Regionale Toscana, finalizzata a contrastare l’evasione fiscale nel settore immobiliare: 445 sono state le irregolarità emerse a carico di altrettante persone fisiche/giuridiche.
Tre le direttrici sulla cui base sono state svolte le attività ispettive:
La prima è consistita nell’individuare eventuali “residenze fittizie”, anche ai fini del contrasto all’evasione dei tributi locali.
All’esito dei controlli svolti, è stata segnalata ai competenti Enti locali una base imponibile ai fini I.M.U. sottratta a tassazione, determinata mediante il valore catastale delle unità immobiliari, pari ad oltre 24 milioni di euro, da cui è derivata un’imposta evasa stimata in circa 1,1 milioni di euro, cui applicare interessi e sanzioni.
In tale ambito, presso gli uffici tributi di numerosi Comuni della provincia labronica, sono stati rilevati i nominativi dei cittadini che, sebbene “anagraficamente” ivi residenti, avevano espressamente richiesto che i bollettini di pagamento della tassa sui rifiuti o di altre imposte comunali fossero recapitati presso un indirizzo diverso da quello di dichiarata residenza.
Successivamente, tramite consultazione delle banche dati disponibili, oltre a riscontrare la congruità dei consumi delle relative utenze con l’uso dichiarato, si è proceduto a rilevare se l’indirizzo di domiciliazione fornito coincidesse con quello di residenza del coniuge o di altro prossimo congiunto nonché ad individuare il luogo di esercizio dell’attività lavorativa del soggetto e ad acquisire ogni ulteriore notizia di interesse (ad esempio, omessa richiesta di un medico di base nel distretto sanitario livornese), anche mediante l’effettuazione di mirati sopralluoghi ed interviste.
Rosignano Marittimo, Cecina, Castagneto Carducci, Bibbona, Sassetta, San Vincenzo, Suvereto, Portoferraio, Capoliveri, Rio, Marciana e Capraia Isola sono stati i Comuni presso i quali sono state complessivamente individuate 235 persone le quali, al fine di usufruire indebitamente delle agevolazioni in materia di tributi locali, avevano dichiarato di essere ivi residenti mentre, di fatto, sono risultate risiedere in altre località, unitamente ai propri congiunti.
Tra le “fittizie residenze” individuate, si segnala, a titolo esemplificativo, quella relativa ad una villa di pregio con sedici vani e relative pertinenze, sita nella frazione di Castiglioncello, del valore catastale di 450.000 euro ma dal valore di mercato di ben oltre un milione di euro, di fatto utilizzata esclusivamente dai proprietari nel solo periodo estivo.
Particolarmente prezioso, in tale contesto, è risultato essere stato il contributo fornito dagli uffici comunali interessati che, nella maggior parte dei casi, hanno già provveduto ad emettere i conseguenti avvisi di accertamento per il recupero dei tributi evasi, anche con riferimento alla tassa sulla raccolta e smaltimento dei rifiuti urbani che dovrà essere, conseguentemente, rideterminata.
La seconda direttrice su cui si sono incentrate le attività ispettive ha avuto la finalità di individuare unità immobiliari concesse in locazione, ancorché per brevi periodi, per le quali non fossero stati dichiarati, in tutto o in parte, i relativi canoni percepiti.
A tal fine, sempre presso i diversi Enti locali, sono stati richiesti ed acquisiti i dati relativi ai cittadini proprietari di più immobili sul territorio comunale.
Successivamente si è proceduto a verificare la reale destinazione degli appartamenti non risultanti “abitazioni principali”, mediante l’analisi dei dati concernenti i consumi delle relative utenze (acqua, gas, luce), al fine di riscontrarne la congruità rispetto all’uso dichiarato.
In molteplici casi sono stati effettuati anche mirati sopralluoghi presso le suddette unità abitative, invitando le persone ivi presenti a dichiarare a che titolo occupassero le stesse.
Presso i Comuni che avevano istituito apposite zone a traffico limitato ovvero zone di particolare rilievo urbano, sono stati richiesti i nominativi di coloro che, per la stagione estiva, avevano richiesto i pass di accesso per motivi di lavoro o di domicilio, in qualità di conduttori di unità immobiliari locate.
Tali soggetti sono stati destinatari di appositi questionari con cui sono stati invitati a fornire notizie in ordine al rapporto di lavoro ovvero alla locazione immobiliare, sulla base di quanto dagli stessi dichiarato a suo tempo per la richiesta dei pass.
In taluni casi si è proceduto alla diretta audizione degli interessati.
All’esito delle risposte fornite, tramite banche dati, è stata riscontrata la regolarità/effettività o meno del rapporto di lavoro ovvero l’avvenuta o meno registrazione dei contratti di locazione e dichiarazione dei relativi canoni, procedendo, se del caso, alle relative constatazioni.
Analoghe attività di controllo sono state avviate nei confronti di agenzie immobiliari di primaria importanza, nel corso delle quali sono stati rilevati i dati della clientela che aveva fruito dei servizi di mediazione connessi alle locazioni di unità abitative, suscettibili di successivi approfondimenti finalizzati a riscontrare la corretta dichiarazione dei canoni percepiti.
Si è, inoltre, proceduto al monitoraggio attento e sistematico dei molteplici siti internet che pubblicizzano offerte/richieste di locazioni immobiliari e alla successiva analisi dei dati acquisiti. Le diverse incongruenze emerse hanno reso necessari ulteriori approfondimenti che, in molti casi, sono consistiti in audizioni degli utilizzatori degli appartamenti individuati.
144 sono i proprietari di unità immobiliari (ubicate a Livorno, Rosignano Marittimo, Cecina, Castagneto Carducci, San Vincenzo, Campiglia Marittima, Piombino, Portoferraio, Campo nell’Elba, Capoliveri, Rio, Marciana e Marciana Marina), residenti nella provincia labronica, che pur avendo regolarmente percepito canoni di locazione per circa 1,7 milioni di euro, hanno omesso di dichiararli al Fisco, mentre per ulteriori 54 contribuenti residenti fuori dalla provincia di Livorno, resisi responsabili della medesima condotta, sono stati interessati i Reparti del Corpo competenti per territorio, per canoni non dichiarati, in quest’ultimo caso, di oltre 500.000 euro. Gli immobili complessivamente locati in nero sono stati 209.
Tra i casi sopra evidenziati, è stata riscontrata, inoltre, la fittizietà di contratti aventi solo formalmente la natura di “comodato d’uso”, mentre dagli usuari era stato corrisposto un canone di locazione in “nero” per complessivi 170.000 euro.
Le attività poste in essere ai fini del recupero delle imposte sui redditi per “affitti in nero” potranno avere riflessi, naturalmente, anche in ordine all’imposta di soggiorno, ove prevista.
La terza “direttrice” è consistita nell’individuare eventuali vendite immobiliari con corrispettivi maggiori rispetto a quelli dichiarati in sede di rogito notarile.
A tal fine, si è proceduto ad analizzate le compravendite immobiliari di maggior pregio, con riferimento ai corrispettivi dichiarati dalle parti, tenuto anche conto di realtà immobiliari analoghe nelle medesime zone (eventualmente attingendo ai dati di interesse dalle banche dati in uso al Corpo): sulla base di tali dati iniziali, sono state svolte interviste e/o più approfonditi controlli.
In tale ambito, a seguito di attività ispettive condotte nei confronti di aziende operanti nel comparto delle costruzioni di edifici e compravendite immobiliari, sono state rilevate vendite di immobili con emissione di fattura per importi inferiori a quelli effettivamente riscossi: in particolare, sono state constatate, complessivamente, imposte sul reddito evase per circa 900.000 euro e un’imposta sul valore aggiunto dovuta e non versata per circa 350.000 euro.
L’attività complessivamente svolta, avviata nel giugno 2016, a tutela delle entrate erariali e comunali, si pone a salvaguardia dei contribuenti onesti, rispettosi delle regole, al fine di assicurare perequazione nella distribuzione del carico tributario e garantire la libera concorrenza.
I Sindaci dei Comuni a vario titolo interessati dalla specifica progettualità non hanno mancato di esprimere ampia soddisfazione per le attività poste in essere dalla Guardia di Finanza, nel solco della proficua, realizzata sinergia e apprezzata, stretta collaborazione interistituzionale.

  

  

 

 

 

  

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie