Cronaca

Bando pubblico per i 18 alloggi sociali di viale Petrarca

  • Pubblicato: Domenica, 10 Febbraio 2019 11:17
  • Scritto da Cortex

Apre lunedì 11 febbraio il bando pubblico per accedere all’assegnazione in locazione dei 18 alloggi di edilizia residenziale sociale privata (alloggi sociali) del complesso immobiliare situato tra via Petrarca e via Ferraris. Si tratta degli alloggi che verranno assegnati a canone sostenibile sulla base della convezione stipulata tra Comune di Livorno ed Esselunga spa.
Le domande per accedere al bando dovranno pervenire al Comune di Livorno entro il 12 aprile 2019.
“Questa è la prova che quando il processo di integrazione tra pubblico e privato viene ben governato, i benefici per la collettività si moltiplicano - sottolinea il sindaco Filippo Nogarin - Grazie a questa operazione imprenditoriale saremo infatti in grado di valorizzare un’area attualmente degradata della nostra città. Stiamo incassando importanti investimenti nel settore della cultura. E ora saremo anche in grado di dare un alloggio di qualità a 18 famiglie che vivono situazioni di difficoltà economica”.
I requisiti per accedere al Bando
a) possesso della cittadinanza  italiana  o  di  uno  Stato  aderente  all’Unione  Possono accedere al presente Bando, in condizioni di parità con i cittadini italiani e comunitari anche:  i cittadini stranieri, non aderenti all’Unione Europea, titolari di carta di soggiorno o di permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo;
i cittadini stranieri in possesso di permesso di soggiorno almeno biennale e che esercitino una regolare attività di lavoro subordinato o di lavoro autonomo;
b) residenza anagrafica o attività lavorativa stabile ed esclusiva o principale sul territorio del Comune di Livorno da almeno 5 anni per il periodo immediatamente precedente alla data di pubblicazione del presente Bando;
c) avere un valore I.S.E.E. (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) del nucleo familiare determinato con i criteri di cui al regolamento adottato con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 5 dicembre 2013, n.159, non superiore ad € 35.000,00 e non inferiore € 13.000,00;
d) assenza di titolarità di diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione su alloggio adeguato alle esigenze del nucleo familiare sul territorio della Provincia di Livorno (è fatto salvo il caso in cui la vendita dell’alloggio posseduto sia perfezionata prima della sottoscrizione del contratto di locazione).
Possono comunque partecipare al Bando i titolari di proprietà assegnate in sede di separazione giudiziale al coniuge; in questo caso il Comune procederà all'ammissione della domanda in base alla documentata indisponibilità  della  proprietà. Possono inoltre partecipare al Bando i titolari pro quota dei sopra richiamati diritti reali.
e) assenza di precedente assegnazione in proprietà in regime di edilizia convenzionata e/o realizzato con contributo pubblico o finanziamento agevolato in qualunque forma concesso dallo Stato, Regione o altro ente pubblico ad un componente del nucleo familiare, di alloggio adeguato alle esigenze del nucleo familiare;
f) non essere stato sfrattato da alloggi ERP per morosità negli ultimi 5 anni;
g) non aver occupato abusivamente alloggi ERP negli ultimi 5 anni.
Ulteriori precisazioni in merito ai requisiti di partecipazione ed all'attestazione ISEE sono riportate nel Bando che da lunedì 11 febbraio sarà pubblicato sulla rete civica comunale. E' inoltre prevista una quota di riserva per le giovani coppie e per i nuclei familiari con almeno un componente invalido o portatore di handicap.
Come presentare la domanda
Le domande per la partecipazione al Bando devono essere compilate unicamente sui moduli appositamente predisposti da Comune di Livorno. I moduli di domanda sono distribuiti dal Comune di Livorno presso l’Ufficio Programmazione e Servizi per il Fabbisogno Abitativo (Ufficio Casa), via Pollastrini n. 1, e presso l'Ufficio Relazioni con il Pubblico URP, nei giorni e nell’orario di apertura al pubblico. Il modulo è inoltre scaricabile dal sito della Rete Civica www.comune.livorno.it.
Le domande devono essere presentate con queste modalità:
Consegna a mano presso l’Ufficio Programmazione e Servizi per il Fabbisogno Abitativo del Comune di Livorno,  tel.0586-820419-820410, email: assegnazionierp@comune.livorno.it - ubicato in Via Pollastrini, 1 – Piano secondo . Orario dell’ufficio: lunedì e venerdì dalle ore 9.00 alle ore 13.00; martedì e giovedì dalle ore 15.30 alle ore 17.30                          
b) Spedizione  con raccomandata postale A.R. indirizzata a: Comune di Livorno, Ufficio Programmazione e Servizi per il Fabbisogno Abitativo – Via Pollastrini, 1 – 57123 – Livorno(LI). In questo caso per il rispetto dei termini di presentazione di cui sopra fa fede il timbro apposto dall'ufficio postale accettante al momento della spedizione del plico.
c)Invio tramite PEC alla casella di Posta Elettronica Certificata del Comune di Livorno: comune.livorno@postacert.toscana.it  In questo caso per il rispetto dei termini di presentazione di cui sopra fa fede l'orario di spedizione del file.
Gli alloggi
I 18 alloggi concessi in locazione risultano tutti composti da ingresso/sala, cucina abitabile, ripostiglio, bagno con finestra, disimpegno, 1 camera matrimoniale e 1 camera singola, terrazza esterna o patio al piano terra, posto auto pertinenziale esterno a raso, riscaldamento centralizzato, ascensore, classe energetica A. Gli alloggi sono dichiarati accessibili e privi di barriere architettoniche. Gli alloggi sono concessi in locazione per un canone mensile iniziale di 340 euro oltre  IVA di legge, ad oggi con aliquota applicabile del 10%, spese di registrazione del contratto di legge e oneri accessori, ad oggi stimati in via preliminare in quota mensile in acconto di 80 euro (da conguagliare al termine dell’esercizio e da aggiornare a consuntivo in relazione ai consumi idrici/riscaldamento ecc).  
I contratti di locazione avranno una durata minima di tre anni e saranno rinnovati a norma di legge (art.2 commi 3 e 5 Legge 431/1998) fino ad un massimo di quindici anni contrattuali. Al termine della durata del vincolo locativo, gli alloggi potranno essere assegnati in proprietà esclusivamente quale “prima casa” a un prezzo di cessione convenzionato con diritto di prelazione da parte dei conduttori degli alloggi.

  

 

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie