Cronaca

Quartiere Garibaldi: rinnovati i progetti

  • Pubblicato: Domenica, 10 Febbraio 2019 11:24
  • Scritto da Cortex

L’amministrazione presenta le iniziative 2019 “Garibaldi Top” e “Effetto Pop” insieme a Confesercenti, Sociolab, il CCN Antico Borgo Reale e il Comitato ViviGaribaldi.
L'amministrazione comunale ha stanziato ulteriori risorse per proseguire la riuscita esperienza dei progetti di sicurezza partecipata e animazione socio-culturale del quartiere Garibaldi. Con l’inizio del 2019 prenderanno così vita "Garibaldi Top", seguito del percorso “Sicurezza in Garibaldi”,  e “Effetto Pop”,  progetto in partenariato con il Comune di Rosignano Marittimo, finanziato dalla Regione Toscana. Le iniziative si inseriscono nel quadro degli interventi dell’amministrazione sul quartiere che riguardano anche le baracchine di Piazza Garibaldi. Per una di queste la giunta ha deciso il mantenimento nella disponibilità esclusiva del Comune per farne un presidio fisico utile ai progetti di rigenerazione urbana dell'area. 
GARIBALDI TOP. Con 16mila euro affidate a Confesercenti, il Comune assicura la possibilità di uno scorrimento della graduatoria dei progetti di animazione e spettacolo presentati per la call "Garibaldi Top" del maggio 2018. Tra le azioni previste a cura dei tre aggiudicatari - Arci Livorno, Riusofficina e OPS - una programmazione culturale negli spazi pubblici del quartiere tra aprile e luglio 2019.
EFFETTO POP. Progetto in partenariato con il Comune di Rosignano Marittimo, risultato vincitore di un bando di finanziamento regionale. Tramite un contributo di 10mila euro il progetto prevede un’attività di co-progettazione con le realtà attive nel quartiere finalizzata alla definizione di azioni che avranno una ricaduta collettiva per rispondere a tre obiettivi diversi: vivere il quartiere, per far tornare Piazza Garibaldi un punto di riferimento della socialità cittadina; creare una "piazza di tutti", per coinvolgere i cittadini di origine straniera nella socialità dell’area e migliorare ulteriormente le condizioni di sicurezza del quartiere.
“La situazione sicurezza nel quartiere Garibaldi è migliorata grazie ad un lavoro sinergico tra istituzioni, cittadini e commercianti, dove i progetti di rigenerazione urbana promossi dal Comune e dalla Regione insieme a Confesercenti, hanno avuto un ruolo decisivo, al pari dell’intensa attenzione che le forze dell’ordine hanno assicurato alla zona, per la quale ringrazio il Prefetto e il Questore - così Stella Sorgente, vicesindaca di Livorno, in conferenza stampa -.Questo percorso generativo doveva proseguire, dopo la conclusione del progetto del Centro Artistico il Grattacielo molto apprezzato nel quartiere, e ci siamo impegnati a riguardo trovando sempre sponda anche nell’assessore regionale Bugli che ringrazio. Era doveroso, perché sappiamo che, al primo disimpegno di uno qualsiasi di questi attori protagonisti sulla scena della rinascita di Garibaldi, si rischierebbe un ritorno ad un quadro degradato che dobbiamo lasciarci alle spalle”.
“Proprio come presidio civico abbiamo deciso di tenere nella disponibilità del Comune la baracchina numero 20 e di destinarla a sostegno di questi progetti di rigenerazione, come una sorta di portierato di quartiere” ha concluso Sorgente consegnando simbolicamente le chiavi a Daniela Carboncini del CCN Antico Borgo Reale.
“Voglio sottolineare in questo percorso l’apporto fornito dal CCN, nato in questi anni su nostra sollecitazione  - ha aggiunto Paola Baldari, assessore al commercio -. La nostra attenzione alla riqualificazione dell’area passa anche dalle baracchine e come giunta abbiamo deciso che serve una discontinuità. Passeremo alle concessioni su progetto, per dare maggiore garanzia di qualità d’offerta”.
Annalisa Coli, referente Confesercenti per “Garibaldi Top” ha precisato “Siamo contenti di questo prolungamento sul progetto. Il lavoro fatto in Garibaldi è un’eccellenza da preservare. Come associazione di categoria del commercio ne gioiamo perché è un scelta che va nella direzione di aiutare in modo indiretto le imprese del quartiere. Faccio presente che nel corso del 2018 solo in piazza sono state aperte due nuove attività, anche grazie al nuovo clima che si respira. Rimane comunque la necessità di allargare la prospettiva e di andare a scovare e mettere in pratica strumenti più direttamente funzionali a favorire l’apertura di nuove imprese, ragionando di sgravi, agevolazioni e servizi più efficienti”.
“Abbiamo visto nascere e crescere questo percorso - ha dichiarato Lorenza Soldani di Sociolab - e nonostante l’impossibilità da parte di un progetto di cambiare il quartiere, i benefici si sono visti e il primo evidente è una rete di soggetti propositivi che collaborano costantemente per trovare soluzioni”. “Con “Garibaldi Top” ridefiniremo in chiave più attuale i progetti ripescati dalla graduatoria di maggio: Arci Livorno, Riusofficina e OPS. Le prime iniziative si vedranno già dalla fine di marzo e copriranno anche il periodo estivo dove l’animazione del quartiere ha anche una funzione di presidio - ha precisato Soldani -. “Effetto Pop” prevede invece ideazione sul quartiere e co-progettazione con le realtà esistenti e per dare avvio al tutto abbiamo pensato ad una festa in piazza, occasione per celebrare la consegna delle chiavi della baracchina n.20. Data e orario saranno comunque pubblicate a breve sulla pagina facebook “Garibaldi Top”, come ogni altra notizia o evento su entrambi i progetti”.

  

 

 

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie