Cronaca

Guardia di Finanza, individuati 20 “furbetti” evasori

  • Pubblicato: Martedì, 12 Marzo 2019 10:27
  • Scritto da Comunicato GdF Livorno

Giorni impegnativi per le Fiamme Gialle labroniche ai fini della tutela delle imprese della provincia, per individuare frodatori fiscali e truffatori di risorse pubbliche ma anche trafficanti che generano concorrenza sleale sui mercati, provocano danni all’Erario e minano la tranquillità del territorio. Diverse, infatti, le attività condotte dalle donne e dagli uomini in forza al Comando Provinciale della Guardia di Finanza e ai reparti dipendenti dal locale Gruppo, dalla Compagnia di Piombino a quella di Portoferraio, dalla Tenenza di Cecina alla 1a e alla 2a Compagnia (porto), fino al Nucleo di Polizia Economica e Finanziaria di Livorno.
A partire dall’operazione che ha visto protagonista “in negativo” un senegalese 67enne che, fino all’intervento dei finanzieri, aveva percepito un assegno sociale di 465 euro, pur non avendone il diritto. Tant’è vero che aveva dichiarato redditi pari a “zero” e la fittizia residenza in Italia. 10 mila gli euro illecitamente ricevuti negli ultimi 2 anni e mezzo. Immediatamente avviata la procedura per il recupero e la sospensione delle erogazioni in itinere da parte dell’Inps.
Dagli assegni sociali alle indennità di disoccupazione. Le Fiamme Gialle hanno sanzionato un muratore polacco, 33enne, per aver chiesto e ricevuto 8.000 euro nel 2017 pur essendo stato licenziato per giustificati motivi. Anche lui, in realtà, non era residente in Italia.
5 anni “senza pagare le tasse”. Era il modus operandi illecito di un rappresentante di commercio, 45enne, livornese. Dal 2013 al 2017 ha “introitato” oltre 156 mila euro: uno stipendio di 2.600 euro in pratica, ma “al nero”.
Analogo stipendio, sommerso, non di 2.600 ma di circa la metà, 1.300 euro, sempre “esentasse”, era quello di un altro livornese 51enne. Intermediario nel commercio di carni fresche e congelate, in 5 anni ha nascosto al fisco oltre 82.000 euro di incassi.
Scoperta anche un’autoscuola che aveva rinnovato 8 mila patenti per la guida di macchine autocarri e pullman, ma solo per 200 di queste con l’emissione di ricevute fiscali. In media una su 40 in 5 anni, occultando al fisco redditi per 160 mila euro, con un’IVA evasa per 35.000 euro.
Evasore totale per quattro anni, dal 2014 al 2017, un procacciatore d’affari di nazionalità thailandese, 29enne. La GdF ha constatato redditi non dichiarati al fisco per oltre 230mila euro e un’IVA evasa per più di 35mila euro.
Proseguono, infine, i controlli nei confronti di colf e badanti. 11 le attività concluse dalle Fiamme Gialle a Rosignano Marittimo, Castagneto Carducci e sull’Isola d’Elba con il recupero a tassazione di redditi per oltre 380mila euro.
Dall’evasione fiscale a quella contributiva. Stavolta di un’officina meccanica gestita da un 56enne, anche lui livornese, che durante l’accesso della GdF impiegava nelle riparazioni un uomo senza averlo assunto con regolare contratto di lavoro.
Analoga realtà in un ristorante livornese in cui 4 persone sono state trovate intente a svolgere attività di “aiuto cucina”. Alla titolare, una donna di 63 anni, è stata comminata una sanzione di 6.000 euro.
Per la sicurezza prodotti invece due gli esercizi commerciali sanzionati perché rivendevano merce priva dei requisiti minimi di etichettatura, in particolare confezioni di bastoncini per l’igiene auricolare non recanti le previste diciture. Più di 20mila gli articoli sequestrati a un 60enne residente a San Vincenzo e a un cinese di Campiglia Marittima.
Dopo il maxi-sequestro dei 644 kg di cocaina in porto, diverse le operazioni antidroga contro il minuto spaccio in città, tra le quali quella nei confronti di 2 ragazzi 23enni residenti a Livorno, arrestati. Avevano cercato di “farla franca” con, in tasca, un etto di hashish, ma il “fiuto” dei cani delle Fiamme Gialle li ha fatti individuare sul bordo di una strada dell’area portuale industriale. Sequestrato lo stupefacente che portavano indosso; altro lo avevano nascosto in una baracca, tra la vegetazione, e a casa, per un totale di mezzo chilo di cannabis.

  

 

 

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie