Cronaca

Adesso ha un nome l’uomo ritrovato nelle acque dell’Isola di Capraia 21 anni fa

  • Pubblicato: Giovedì, 14 Marzo 2019 17:07
  • Scritto da Comunicato Questura di Livorno

(Foto isoladicapraia.it)

Il 18/7/1998 venne rinvenuto in mare aperto, a nord-ovest dell’Isola di Capraia, un cadavere di sesso maschile, in acqua da alcuni giorni, e quindi con evidenti fenomeni di alterazione a causa dell’esposizione al sole ed all’immersione in acqua. Si presentava completamente nudo, tranne una fede, portata all’anulare, con l’incisione interna, un orologio marca Casio ed una scarpa nr. 47 con un simbolo stilizzato rosso sulla suola, che si appurò all’epoca trattarsi del marchio del fabbricante svizzero di scarpe da barca Vogel.
L’esame autoptico, eseguito dopo il rinvenimento nell’Istituto di Medicina Legale dell’Università di Pisa, confermò la morte per annegamento, senza rilevare alcuna altra anomalia, quali lesioni o traumi. Anche gli esami tossicologici eseguiti all’epoca non dettero luogo a ipotesi delittuose di altra natura.
Ogni possibile tentativo di identificazione del cadavere o ricerca dei suoi familiari, condotte con i mezzi dell’epoca, non dettero alcun esito. Anche la partecipazione per due volte alla nota trasmissione televisiva “Chi l’ha visto”, da parte degli investigatori che seguivano il caso, non permise un esito positivo alla vicenda.
Dopo qualche mese il corpo venne sepolto presso il locale Cimitero dei Lupi.
Il Commissario di PS r.s. (in pensione) Ilario Sartori, che aveva seguito l’intera vicenda, aveva promesso, già all’epoca, che avrebbe fatto di tutto per dare un nome al defunto e, soprattutto, per rintracciare la famiglia, che, forse, lo pensava ancora vivo e che non aveva alcuna contezza della sua tragica fine. Nel giugno 2016, nell’andare in pensione, aveva ricordato tale vicenda, ribadendo il suo impegno a trovare una soluzione al caso.
Nelle scorse settimane lo stesso Sartori, mentre stava effettuando alcune ricerche su internet, riprovava per l’ennesima volta a trovare traccia di uno scomparso compatibile con il cadavere di Capraia, ripartendo dal sito della citata trasmissione televisiva.
Allargando le ricerche con parole chiave in lingua inglese, sono apparsi alcuni siti, mai prima visitati, realizzati da pochi anni ed alimentati dagli organi di polizia delle rispettive nazioni. Sono stati trovati così dei veri propri album fotografici, contenenti centinaia di foto e profili di persone scomparse in tutta Europa, che Sartori ha iniziato a visionare, per trovare qualche riscontro.
Giunto al settore relativo alla Croazia, l’attenzione è stata attratta dalla foto di un uomo, con un particolare fisico che gli ha subito ricordato il cadavere di Capraia: la pronunciata fossetta sul mento. Più osservava la foto e più gli sembrava che lo scomparso croato assomigliasse alla lontana immagine di quel corpo bruciato dal sole. Altro elemento di grande importanza è stata la rilevazione della data di scomparsa, che corrispondeva proprio agli inizi del mese di luglio del 1998.
La concreta possibilità quindi di poter dare un nome a quel corpo si faceva quindi molto vicina: forse era proprio Zlatko Brajko, nato il 12/5/1964, cittadino croato, scomparso da Bol, sull’isola di Brac sulla costa Dalmata.
Veniva poi trovata un’altra notizia collegabile alla vicenda. Digitando il nome e cognome del croato, appariva sul video una intervista, nella quale il giovane riferiva di avere acquistato una barca per il trasporto dei turisti nelle varie isole dalmate. Proprio questo ultimo punto confermava ulteriormente l’ipotesi di corrispondenza tra il Brajko ed il cadavere, che, come già detto, calzava una scarpa utilizzata proprio da marinai o velisti.
Alla luce di quanto acquisito, il Sartori informava l’Ufficio di Frontiera Marittima di Livorno circa le sue sensazioni di essere ormai vicini ad una svolta risolutiva del caso.
Il personale del citato Ufficio, ora guidata dal Vice Questore Dr. Alberigo Martino, contattava la competente Direzione Centrale della Polizia Criminale, per informare l’Interpol e, conseguentemente, la polizia croata, al fine di verificare i dati raccolti. Veniva così reperita l’impronta di un polpastrello dello scomparso Brajko, trasmessa alla Direzione Centrale della Polizia Scientifica, che provvedeva a verificarne la corrispondenza con le impronte di tutte le dita del cadavere, a suo tempo rilevate dal personale del Gabinetto Provinciale della Polizia Scientifica di Livorno: il responso confermava l’ipotesi di corrispondenza con l’attribuzione di certezza alla identità tra il cadavere e lo scomparso croato.
Relativamente alla presenza del nome Caterina e della data incise all’interno della fede, la stessa Interpol, nel trasmettere l’impronta del Brajko, ha riferito che effettivamente era sposato nella data indicata e proprio con “Caterina”, una cittadina italiana.
In proposito si ritiene di poter riferire le ulteriori seguenti notizie:
i familiari sono stati ufficialmente avvertiti;
gli stessi, appena loro possibile, raggiungeranno Livorno, per le necessarie formalità legate alla restituzione della fede e dell’orologio, nonché per avere ogni possibile notizia direttamente da chi all’epoca aveva operato;
lo scomparso ha lasciato anche alcune sorelle a Bol. Le notizie da loro fornite, in via ufficiosa, confermano che il Brajko, all’epoca della scomparsa, aveva inviato loro alcune lettere, che risultavano spedite dalla Sardegna, in cui preannunciava la volontà di recarsi in Africa per non meglio precisati motivi umanitari. Soprattutto nei primi anni dalla scomparsa, tale notizia era stata ritenuta attendibile, motivo per il quale lo hanno sempre pensato, soprattutto nei primi anni dopo la scomparsa, sempre in vita;
nei giorni scorsi è stato pubblicato, in Croazia, il necrologio in memoria del Brajko.
Per il personale della Polmare, e per Sartori, rimane la soddisfazione di avere dato certezze alla famiglia, che, fino ai giorni scorsi, per oltre venti anni, non aveva più avuto alcuna notizia sul congiunto.

  

 

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie