Cronaca

Sostenibilità: l’illuminazione “Smart” per Livorno

Lunedì 18 marzo il workshop di presentazione del progetto creato da Comune di Livorno e ENEA, con la presenza del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Mattia Fantinati. Nogarin “Ridurremo del 50% il consumo energetico dei punti luce e avremo strumenti di autoregolazione per migliorare sicurezza, circolazione e decoro”.
Si terrà lunedì 18 marzo al Cisternino di Città il workshop organizzato da Comune di Livorno e ENEA per raccontare il progetto di riqualificazione Smart dell’illuminazione pubblica cittadina. Il progetto innovativo prevede l’installazione di smart services sui pali dell’illuminazione e i semafori stradali grazie ai quali saranno raccolte in tempo reale dati urbani su presenza e flussi di persone e veicoli, con conseguente autoregolazione in ottica di risparmio energetico e ottimizzazione della circolazione. Grazie al nuovo Servizio Integrato Pubblica Illuminazione Smart (SIPIS) saranno sostituite le lampade di 16mila punti luce con nuovi led a basso consumo, collegati a dispositivi di rilevazione in grado di ridurre o aumentare l’illuminazione in relazione alla presenza di persone o veicoli nel proprio raggio d’azione. Il SIPIS prevede anche novità sul fronte dei semafori, che saranno dotati di sensori in grado di registrare l’intensità del traffico e programmare tempi di regolazione intelligente in grado di ridurre i tempi di sosta e rendere più fluida la circolazione.
“Siamo molto fieri di questo progetto grazie al quale abbatteremo del 50% il consumo energetico della nostra illuminazione pubblica, assicurando un servizio persino più efficace in termini di sicurezza e decoro. Il mio pensiero va a riguardo a quei coraggiosi ragazzi di Fridays for future che domani saranno in piazza per invitare le istituzioni a darsi una mossa nel contrasto ai cambiamenti climatici. Noi, come Città di Livorno, lo stiamo già facendo e continueremo a credere che la strada dell’innovazione e della conversione a smart city, sia l’unica percorribile per raggiungere l’obiettivo della sostenibilità ambientale” così Filippo Nogarin, Sindaco di Livorno, a commento.
Il Comune di Livorno ha raggiunto le migliori condizioni di affidamento per il SIPIS grazie ad un’altra novità che rende unico questo progetto: il primo utilizzo in Italia dello strumento amministrativo del “dialogo competitivo”. Questa modalità di confronto con gli operatori economici interessati all’affidamento ha infatti consentito il massimo livello di conciliazione tra l’esperienza e la capacità innovativa del mondo imprenditoriale e la rispondenza ai bisogni dell’amministrazione comunale di realizzare un servizio pubblico complesso dal grande potenziale di lungo periodo.
“Invito le imprese e le amministrazioni pubbliche interessate all’innovazione in chiave di sostenibilità ambientale e sociale a prendere parte al workshop di lunedì - conclude il Sindaco -. Sarà per l’occasione con noi anche il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Mattia Fantinati, una presenza che rende testimonianza dell’attenzione che lo stesso Governo pone alla capacità della Città di Livorno di essere un esempio di come innovare in chiave pubblica a livello amministrativo e infrastrutturale”.
Il progetto SIPIS è parte del percorso ES-PA (Energia e Sostenibilità per la Pubblica Amministrazione) promosso da ENEA e rende Livorno il primo laboratorio urbano di applicazione di un processo integrato di rigenerazione in chiave smart city.
Il workshop di lunedì 18 marzo sarà l’occasione per condividere soluzioni tecnologiche e percorsi amministrativi innovativi per una gestione smart di città e territori.
Programma
9.00 Registrazione partecipanti
9.30 Apertura dei Lavori
Ing. Filippo Nogarin - Sindaco di Livorno
9.50 Il futuro della Pubblica Amministrazione Smart
On. Mattia Fantinati - Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri
Moderatore Dr.ssa Nicoletta Gozo
10.10 ENEA per l’innovazione dei processi gestionali delle infrastrutture strategiche
urbane: la Pubblica Illuminazione.
Ing. Mauro Annunziato – ENEA
10.30 Il Public Energy Living Lab (PELL) quale soluzione tecnologica smart per una
gestione efficiente ed efficace della illuminazione pubblica
Arch Laura Blaso – ENEA
10.50 La progettazione illuminotecnica nella riqualificazione smart della Pubblica
Illuminazione
Margherita Suss, GMS Studio Associato -CE AIDI
11.10 Gli smart services nella riqualificazione della Pubblica Illuminazione
Dr. Stefano Pizzuti
11.30 Pausa
11.50 Il dialogo competitivo quale procedura di gara d’appalto per la riqualificazione
smart della Pubblica Illuminazione
Dr. Antonio Bertelli – Comune di Livorno
12.10 Il Progetto di riqualificazione di Livorno
Ing. Silvano Bocci - ENGIE
12.30 Il finanziamento degli interventi di riqualificazione della Pubblica Illuminazione
Prof. Angelo Di Gregorio, CRIET – Università di Milano-Bicocca
12.50 Question Time
13.00 Conclusioni
Ing. Mauro Annunziato - ENEA
Ing. Luca Barsotti - Comune di Livorno
13.15 Chiusura dei lavori

  

 

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie