Cronaca

Ordinanza del sindaco: obbligo di manutenzione del verde

  • Pubblicato: Giovedì, 03 Settembre 2020 11:27
  • Scritto da Cortex

Per prevenire infestazioni ed evitare che rami o  fronde invadano o cadano su marciapiedi e strade.
I proprietari di terreni privati del territorio comunale hanno l’obbligo di provvedere, entro il 20 settembre, alla manutenzione delle aree a verde per prevenire infestazioni da topi, serpenti e insetti nocivi come zanzare e blatte. Devono inoltre potare alberi e siepi affinché le loro  fronde non invadano o cadano su marciapiedi e strade, con conseguenze civili e penali in caso di incidenti o allagamenti causa occlusione delle “bocche di lupo” della fognatura da ramaglie e vegetazione in abbandono.
A chi non ottempera entro il termine, dopo gli accertamenti la Polizia Municipale applicherà le sanzioni amministrative previste dalla normativa vigente, con l’obbligo dei proprietari di eseguire Ii lavori di manutenzione. In caso di inadempienza i lavori necessari verranno svolti d’ufficio dal Comune con spese a carico dei proprietari dei terreni.
È quanto prescrive, in estrema sintesi, l’ordinanza n. 359 emanata dal sindaco il 1 settembre, tesa tra l’altro a prevenire intasamenti causati da foglie e rami in caso di forti piogge.
Il sindaco ordina, nel dettaglio:
1. a tutti i proprietari dei terreni e/o ai titolari di diritti reali sugli stessi di provvedere alla manutenzione delle aree a verde privato al fine di prevenire il proliferare di agenti infestanti ed insetti nocivi;
2. a tutti i proprietari dei terreni e/o ai titolari di diritti reali sugli stessi confinanti con le strade del territorio comunale, di provvedere a:
• tagliare rami e piante che minacciano di invadere o cadere sulla sede stradale;
• potare le siepi e provvedere allo sfalcio della vegetazione che provocano restringimento della sede stradale e/o limitano la visibilità ai veicoli in transito;
• adottare tutte le precauzioni e gli accorgimenti atti ad evitare qualsiasi danneggiamento e/o pericolo della sicurezza e della corretta fruibilità delle strade confinanti con i propri fondi;
3. a tutti i proprietari dei terreni e/o ai titolari di diritti reali sugli stessi di procedere entro il 20 settembre 2020 alla conclusione delle operazioni di pulizia e sfalcio.
Come già ricordato dall’assessora all’Ambiente i privati devono fare la loro parte affiancando il Comune che in termini di prevenzione sta facendo molto.
In convenzione con il Consorzio di Bonifica Toscana Costa sta infatti portando avanti lavori tesi a prevenire il rischio idraulico e idrogeologico del reticolo minore e urbano. Nei giorni scorsi sono stati effettuati in particolare lavori di sfalcio e di pulizia delle fossette stradali di via Firenze). La convenzione tra il Consorzio e il Comune ha per oggetto più in generale, la pulizia di guadi che si trovano sul territorio comunale, anche a seguito di eventi di piena; la rimozione di detriti e foglie secche e di stecchi che si accumulano in prossimità delle luci di ponti e attraversamenti di proprietà comunale, interventi da effettuare sulle foci dei rii(rio Ardenza, rio Felciaio, Banditella,Giuncaiola) anche in urgenza durante eventi meteorologici, nonchè la manutenzione di alcuni fossi di scolo delle acque meteoriche a servizio di un tratto di via Firenze. Si tratta di interventi finalizzati al mantenimento della funzionalità idraulica dei corsi d'acqua e alla salubrità dei luoghi anche in funzione della gestione della costa.
Inoltre nell’ambito del programma trasfrontaliero ADAPT a cui il Comune ha aderito nel campo dei cambiamenti climatici  mediante la definizione di azioni pilota atte alla riduzione dei rischi e dei danni causati da alluvioni urbane, verrà effettuata la pulizia straordinaria delle caditoie di alcune vie della città che subiscono frequenti allagamenti, quali viale Mameli, viale Marconi, via Calzabigi, viale Alfieri e viale Carducci nel tratto del controviale tra via della Meridiana e il Cisternone.
Si tratta di interventi di manutenzione straordinaria, che si aggiungono a quelli che il Comune porta avanti nell’ambito dell’accordo quadro con la ditta incaricata della manutenzione ordinaria di griglie e caditoie.

  

  

 

  

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie