Cronaca

Frode per riciclaggio e autoriciclaggio: 22 indagati

  • Pubblicato: Giovedì, 17 Settembre 2020 11:00
  • Scritto da Cortex

Commercio di pellet: fatture false per compensare l’Iva, 22 indagati per frode al fisco di cui 3 per riciclaggio e 2 per autoriciclaggio in criptovalute tra Cecina e Londra.
100 imprenditori coinvolti in un giro di documenti fasulli per 93 milioni di euro, con tre professionisti concorrenti in un “carosello” di società di comodo in 12 paesi europei.
Scattati primi sequestri di terreni e capannoni per oltre 6 milioni di euro.
Un modesto negozio di articoli ortopedici nella Maremma labronica, piccola Srl che, in pochi mesi, ha però visto “lievitare” i propri acquisti da 100.000 a 15.000.000 di euro. È nata da questa intuizione delle fiamme gialle della Tenenza di Cecina l’operazione CONFUSION, complessa indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Livorno che la Guardia di Finanza ha concluso nel commercio di legno combustibile. Un’inchiesta internazionale partita nel giugno 2018, con investigazioni sviluppate in due fasi:
la prima, in cui è stato scoperto e bloccato dai finanzieri un pernicioso sistema di compensazioni di debiti tributari accollati da 10 soggetti tra Roma, Piedimonte Matese (CE) e Civitavecchia (RM) con, al centro, in qualità di accollante, la Srl cecinese la quale vantava un credito IVA per 3,2 milioni di euro giustificato però dall’utilizzo di 15 milioni di euro di fatture false ricevute nel 2017 per un simulato acquisto di un capannone in Carsoli (AQ). Il tutto con l’ausilio di tre consulenti fiscali in provincia di Roma che hanno apposto il necessario visto di conformità sulla dichiarazione annuale e procacciato i debitori dello Stato (le società accollate) i quali hanno saldato le loro pendenze erariali mediante le compensazioni con il fittizio credito IVA.
Un sistema lecito ma strumentale, nel caso di specie, a una grande evasione fiscale. Attraverso l’istituto dell’accollo infatti, il debitore (l’accollato) e un terzo (l’accollante, la Srl cecinese) stipulavano un contratto in base al quale quest’ultimo, che vantava crediti d’imposta (IVA) non spettanti, si accollava il debito d’imposta che il primo aveva nei confronti dell’erario a fronte della percezione di un “compenso” di importo inferiore all’ammontare del debito medesimo; il vantaggio per l’accollante consisteva nella possibilità di monetizzare in fretta il credito IVA (comunque non autentico) ottenendo somme mediamente pari al 50% del debito accollato; ad esempio, se il debito era di 10.000 euro, l’originario debitore (ossia l’accollato) corrispondeva 5.000 euro all’accollante (la Srl cecinese) la quale estingueva il debito erariale acquisito mediante compensazione con l’IVA a credito artificiosamente creatasi mediante la ricezione di false fatture, intascando i 5.000 euro; in pratica, entrambi ottenevano un vantaggio: l’accollato estingueva il proprio debito tributario di 10.000 euro mediante pagamento di una somma pari alla metà, mentre l’accollante incassava 5.000 euro grazie al credito IVA generato dalle fatture false ricevute (manovra, questa, che oggi non è più possibile attuare dopo gli interventi normativi che l’hanno vietata, proprio originati da indagini della specie). Singolare il fatto che in un caso l’originario debito poi accollato sia scaturito da un verbale da 641.000 euro redatto dalla stessa Guardia di Finanza, a Civitavecchia, trasferito alla società cecinese con un pagamento di soli 130.000 euro;
la seconda fase, nella quale è stato messo in luce un reticolo di “scatole vuote” e rapporti soggettivamente inesistenti su tutto il territorio nazionale, sempre finalizzato all’evasione (dell’IVA).
In particolare, la Srl cecinese - con a capo un prestanome ma di fatto occultamente gestita dal principale indagato, un 42enne genero dell’ex commerciante di articoli ortopedici, originario di San Vincenzo (LI) poi trasferitosi a Bergamo e solo formalmente residente in Romania - dal 2018 ha anche spostato la sede aziendale a Bari, cambiando denominazione e dichiarando di esercitare oltre che la compravendita di articoli ortopedici, pure quella del pellet - materiale slegato dai prodotti ortopedici - in assenza di idonee strutture commerciali: nessun capannone quindi, né magazzini, nessun mezzo di trasporto. Infatti, tutte le società della maxi frode IVA avevano solo mere caselle postali o uffici dove far girare le fatture per operazioni inesistenti.
Il GIP presso il Tribunale di Livorno ha già emesso, in relazione alla prima fase delle indagini, un decreto di sequestro preventivo, fino a concorrenza dell’importo di 6,3 milioni di euro la cui esecuzione ha consentito di sequestrare 3 terreni agricoli a Velletri (RM), 7 unità immobiliari tra negozi e capannoni industriali sempre a Velletri e a Paliano (FR) nonché disponibilità finanziarie. Tra gli immobili sequestrati ne figurano tre, del valore commerciale di 1,4 milioni, ricondotti a uno dei commercialisti indagati ancorché “schermati” da una società britannica, una LTD con sede a Londra.
600 mila euro, ossia una parte degli oltre 16 milioni di euro di IVA complessivamente evasa dai responsabili, sono stati “autoriciclati” mediante trasferimento in un portafoglio digitale o wallet, per l’acquisto di criptovalute, gestito da una seconda importante società inglese, sempre di Londra, molto nota nel settore; una tra le caratteristiche più insidiose di questo sistema è il c.d. “pseudonimato” che ne caratterizza le transazioni, dal momento che a ogni soggetto titolare di una posizione finanziaria viene garantita la più completa riservatezza, sia per quanto riguarda la propria individuazione soggettiva che per l’oggetto delle transazioni poste in essere.
Le ricerche ora puntano a individuare ulteriori beni, valori e wallet, eventualmente riconducibili agli indagati.
L’attività condotta dai finanzieri della Tenenza di Cecina ha permesso di scovare fatture per operazioni inesistenti, emesse o utilizzate, per oltre 93 milioni di euro, un’IVA evasa per oltre 16 milioni, 11 società “cartiere” e di denunciare all’Autorità giudiziaria 22 persone per dichiarazione fraudolenta, 3 per riciclaggio e 2 per autoriciclaggio del denaro illecitamente accumulato grazie alla stessa evasione fiscale, con la segnalazione a 63 Reparti del Corpo di 100 imprenditori e prestanome beneficiari della grave frode.
I 22 RESPONSABILI. ATTIVITÀ DICHIARATE, UBICAZIONE E CONDOTTE COMPIUTE.
Il principale indagato è l’amministratore di fatto della Srl cecinese, ora con sede legale a Bari. Originario di San Vincenzo (LI), con domicilio a Bergamo e residenza anagrafica in Romania, dovrà rispondere dei reati di frode fiscale, occultamento o distruzione di documenti contabili, indebita compensazione e autoriciclaggio.
Poi un viterbese, amministratore della Srl romana in liquidazione che ha fatturato il capannone di Carsoli (AQ), dovrà rispondere di emissione di false fatture.
Tra gli indagati anche un imprenditore vicentino e uno nettunese, amministratori nel tempo di una “società filtro” con sede a Vicenza, per emissione nonché utilizzo di false fatture.
Un lituano, rappresentante di due Srl, evasore totale, irreperibile, la cui ultima residenza era sempre in provincia di Vicenza, è indagato per omessa dichiarazione ed emissione di fatture false.
Deferito per frode fiscale, occultamento o distruzione di documenti contabili, indebita compensazione e autoriciclaggio anche un torinese, prestanome della Srl cecinese.
Un secondo piemontese, del cuneese, rappresentante di una società “cartiera” con sede a Milano, esercente la dichiarata attività di commercio all’ingrosso di computer e materiale informatico vario, è indagato per omessa dichiarazione, emissione di false fatture e occultamento e distruzione della contabilità.
Indagato anche un residente nell’agro pontino, legale rappresentante di un’altra società “cartiera” di Roma, evasore totale, dichiaratamente esercente il commercio all’ingrosso di legname, semilavorati in legno e legno artificiale, indagato per emissione di false fatture e omessa dichiarazione.
Tra gli indagati per frode fiscale è presente, inoltre, un cittadino di Battipaglia (SA), residente in provincia di Como, rappresentante di una “società filtro” di Milano, con sede in via Montenapoleone.
Quattro bergamaschi, di cui uno di Treviglio, uno di Zogno e uno di Pagazzano, pure risponderanno di frode fiscale per essersi avvicendati nell’amministrazione di due Srl, una “cartiera” e una “società filtro”, entrambe milanesi.
Un altro residente a Bergamo, ma originario di Milano e un pescarese sono stati altresì denunciati per frode fiscale poiché anche loro si sono avvicendati nella gestione delle due società di Milano.
Unicamente per riciclaggio è indagato invece un 63enne residente a Monte Porzio Catone, in provincia di Roma, originario di Frascati (RM).
Esclusivamente di indebita compensazione risponderà un consulente di Velletri (RM), residente a Roma.
Altri due consulenti romani, uno di Zagarolo e uno di Rocca Priora, pure risponderanno di indebita compensazione per aver procacciato i debitori dell’erario (accollati) alla Srl cecinese (accollante).
Una donna, di Monza, residente in provincia di Bergamo, è stata deferita per omessa dichiarazione ed emissione di false fatture in relazione alla gestione di un’ulteriore società “cartiera” con sede a Milano, esercente l’attività dichiarata di commercio all’ingrosso di prodotti petroliferi e lubrificanti per autotrazione e combustibili per riscaldamento.
Una seconda donna, toscana, residente a Bergamo, coniuge del principale indagato, è stata denunciata per riciclaggio di denaro illecitamente accumulato per effetto dell’evasione del marito.
Infine, una terza donna, di Terni, è la 22esima indagata, dipendente della Srl cecinese nonché madre del principale indagato; è stata denunciata, come la nuora, per riciclaggio.
I 100 imprenditori coinvolti nel giro di fatture per operazioni inesistenti e indebite compensazioni.
Impegneranno 60 diversi Reparti della Guardia di Finanza in tutta Italia i 90 imprenditori coinvolti nella maxi frode “carosello” scoperta dalla Tenenza delle fiamme gialle di Cecina. Le fatture per operazioni soggettivamente inesistenti, come quelle scoperte nel caso di specie, non consentono di detrarre dal quantum di IVA da versare allo Stato quella esposta nelle fatture false individuate.
Infine, i 10 soggetti (per un totale di 100) che hanno ceduto il proprio debito alla società cecinese saranno segnalati a ulteriori Reparti del Corpo (per un totale di 63) per il recupero delle pendenze tributarie indebitamente compensate in quanto lo Statuto dei diritti del contribuente, nei casi di specie, non prevede la liberazione dal debito del contribuente originario.
Di seguito, l’elenco dei Comandi del Corpo, interessati dalla Tenenza di Cecina:
2° Nucleo Operativo Metropolitano Torino; Compagnia Pinerolo; Gruppo Asti; Compagnia Sondrio; Tenenza di Tirano; Compagnia Legnano; Compagnia Gallarate; Compagnia Como; Compagnia Olgiate Comasco; Compagnia Menaggio; Gruppo Lecco; Compagnia Bergamo, Tenenza Costa Volpino; 2° Nucleo Operativo Metropolitano Milano; Compagnia Gorgonzola; Compagnia Treviglio; Tenenza di Edolo; Compagnia di Voghera; Compagnia Magenta; Compagnia Pavia; Compagnia Chiari; Tenenza Desenzano del Garda; Tenenza Castiglione delle Stiviere; Compagnia Bolzano; Nucleo Trento; Tenenza Tione di Trento; Compagnia Belluno; Tenenza Feltre; Compagnia Conegliano; Tenenza Castelfranco Veneto; Compagnia Treviso; Tenenza di Montebelluna; Tenenza Bardolino; Compagnia Vicenza; Compagnia Arzignano; Tenenza di Noventa Vicentina; Compagnia Verona; Compagnia Soave; Compagnia Padova; Compagnia Cittadella; Compagnia Mirano; 2° Nucleo Operativo Venezia; Gruppo Parma; Compagnia Cesena; Compagnia Siena; Compagnia Civitavecchia; 1° Nucleo Operativo Metropolitano Roma; 3° Nucleo operativo Metropolitano Roma; 5° Nucleo operativo Metropolitano Roma; Compagnia Frascati; Tenenza Sabaudia; Compagnia Terracina; Gruppo Cassino; Gruppo Pescara; Tenenza Ortona; Tenenza Popoli; Gruppo Isernia; Compagnia Campobasso; Compagnia Manfredonia; Nucleo Operativo Metropolitano Bari; Tenenza Maglie; Tenenza Iglesias; 2° Compagnia Cagliari.

 

  

  

 

  

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie