Cronaca

Operazione “Mask”: preso gruppo di rapinatori

  • Pubblicato: Giovedì, 10 Dicembre 2020 12:08
  • Scritto da Cortex

Arrestate 3 persone, una indagata a piede libero. Due di loro rinchiusero in una stanza l’impiegato dell’ufficio postale per rapinarlo: devono rispondere anche di sequestro di persona.


Su ordine della Procura di Livorno, che ha diretto le indagini, i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Livorno e della Compagnia di Piombino (LI), coadiuvati dai militari della Compagnia di Volterra (PI), hanno dato esecuzione ad un’Ordinanza di applicazione di misure cautelari, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Livorno, nei confronti di 3 persone indagate per reati contro il patrimonio ed altro.
Si tratta di 3 italiani, di 22, 25 e 46 anni, tutti dimoranti nella zona del volterrano. Una quarta persona, un cittadino moldavo, 24enne, anch’egli residente a Volterra, è indagato in stato di libertà. A carico dell’indagato moldavo sono state rinvenute due repliche di fucili d'assalto tipo softair, sequestrate.
I primi due (il 22enne ed il 25enne) sono ritenuti responsabili de:
la rapina a mano armata perpetrata all’ufficio postale di Sassetta (LI) il 3 ottobre 2020. Per tale episodio devono rispondere anche dei reati di sequestro di persona e di violenza privata;
il furto ai danni della rivendita di tabacchi, consumato a Castagneto Carducci (LI) il 20 ottobre 2020;
il furto di quattro pneumatici a Cecina (LI), unitamente al 46enne.
Quest’ultimo, in concorso con il cittadino moldavo, è indagato per il reato di ricettazione.
l provvedimento cautelare è stato emesso a conclusione dell’indagine che ha preso le mosse dalla rapina perpetrata il 3 ottobre scorso ai danni dell’ufficio postale di Sassetta (LI). Nella circostanza due uomini con il volto travisato, di cui uno armato di pistola, minacciarono e rinchiusero l’unico impiegato presente in una stanza, lo perquisirono sottraendogli il cellulare e si impossessarono di oltre 6mila euro contanti, facendo perdere le loro tracce.

I Carabinieri della Compagnia di Piombino riuscirono immediatamente ad identificare i responsabili della rapina, i due giovani italiani di 22 e 25 anni, e con il Nucleo Investigativo di Livorno iniziarono nei loro confronti un’articolata indagine, denominata “Mask”.
Le investigazioni hanno consentito di acquisire inequivocabili elementi di responsabilità dei due in ordine alla rapina di Sassetta ma anche di accertare che la medesima coppia si è resa responsabile di altri reati contro il patrimonio, avvalendosi degli altri due indagati.
Gli stessi due giovani, autori della rapina dell’ufficio postale di Sassetta, infatti, il 30 ottobre scorso sono stati arrestati in flagranza dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Livorno e della Compagnia di Piombino nel tentativo di rapinare l’ufficio postale di Legoli, vicino Peccioli (PI).
In quell’occasione i Carabinieri escogitarono un piano per bloccare i due malviventi. Con le auto civetta i militari simularono un incidente stradale, bloccando il transito sulla strada che avrebbe portato i volterrani verso l’ufficio postale individuato. Alla vista del segnale stradale del triangolo, i due si fermarono. Senza avere il tempo di reagire, i malviventi venivano fatti scendere dall’auto ed immobilizzati. I due indossavano tute mimetiche e giacche rifrangenti. All’interno del veicolo i Carabinieri trovarono, inoltre, due passamontagna, guanti da lavoro, ma soprattutto una replica di un fucile d’assalto per softair ed un coltello serramanico.
Non solo. La notte del 20 ottobre 2020 gli stessi due giovani volterrani si sono resi responsabili del furto all’interno di una rivendita di tabacchi a Marina di Castagneto Carducci (LI). Dopo aver forzato la porta di ingresso, i due entravano nella tabaccheria e prelevavano numerose stecche di sigarette di diverse marche per un valore circa 10mila euro, oltre alla somma contante di 450 euro. Nel corso dell’indagine è emerso che gli stessi due malviventi si sono rivolti al 24enne ed al 46enne per rivendere i tabacchi rubati: 30 euro a stecca. Addirittura il 24enne avrebbe barattato con un cittadino maghrebino alcune stecche di sigarette con dello stupefacente.
Il successivo 25 ottobre i 3 italiani perpetravano il furto di quattro cerchi in lega completi dei relativi pneumatici rimossi da un’autovettura parcheggiata sulla pubblica via a Cecina per sostituire le gomme usurate dell’autovettura del 25enne.
Le indagini hanno evidenziato soprattutto la pericolosità degli arrestati. È emerso, infatti, come rileva testualmente il G.I.P. nell’Ordinanza, che i tre avevano in animo di <<farla pagare a qualcuno>> e, per questo, <<sarebbe stata necessaria la presenza di una pistola (“bisogna trovare una pistola”), e che avrebbero dovuto tagliare la testa al cane della persona di cui stavano parlando>>.
Il G.I.P. ha disposto la custodia cautelare:
in carcere per il 25nne;
agli arresti domiciliari con braccialetto elettronico per il 22enne;
agli arresti domiciliari per il 46enne.

  

  

 

 

  

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie