Cultura

Collesalvetti: “Paolo Paschetto: Ex libris, illustrazioni e capilettera dalla Donazione Tetro”

  • Pubblicato: Mercoledì, 13 Luglio 2022 15:58
  • Scritto da Cortex

IN OCCASIONE DI NOTTE CLARA 2022, Paolo Paschetto, Ex libris, illustrazioni e capilettera dalla Donazione Tetro, mostra dossier promossa dal Comune di Collesalvetti, ideata e curata da Francesca Cagianelli e Francesco Tetro in collaborazione con Biblioteca Comunale “Chiara Cataldi”.
Al via, lunedì 18 luglio 2022, ore 18.00 (fino alle 20.00), alla Pinacoteca Comunale Carlo Servolini l’inaugurazione della mostra-dossier “Paolo Paschetto: Ex libris, illustrazioni e capilettera dalla Donazione Tetro”, promossa dal Comune di Collesalvetti in occasione di Notte Clara 2022, ideata e curata da Francesca Cagianelli e Francesco Tetro in collaborazione con Biblioteca Comunale “Chiara Cataldi”, messa in campo in vista della valorizzazione del patrimonio artistico colligiano in direzione del reparto grafico e quindi in stretta osservanza con l’ormai pluriennale mission museale.

Con l’occasione sarà possibile visitare l’esposizione in anteprima assoluta di un piccolo corpus grafico di Paolo Paschetto (Torre Pellice, 12 febbraio 1885 – 9 marzo 1963), composto da ex libris, illustrazioni e capilettera selezionati dal corpus della donazione Tetro: Ex libris Marco De Rubris, “Ostinato desio di saper oltre Marcus De Rubris Genuensis” (1925), xilografia; “Gloria a Dio nei luoghi altissimi” (1928), xilografia; Capolettera (1928), clichè; Post mortem vivere ultra (1930), litografia; 1930; Cristo e l’agnello (1930), clichè, accompagnati da pannelli documentari e da una video-installazione dedicata alla complessa e internazionale carriera artistica di Paschetto, tra grafica, pubblicità, filatelia e arti decorative.

Con questa mostra la Pinacoteca Comunale Carlo Servolini intende intensificare l’impegno promozionale destinato all’indagine della grafica novecentesca, con particolare riferimento all’universo exlibristico e al fenomeno dell’editoria illustrata, in linea con le scelte di divulgazione culturale operate da Luigi Servolini nell’arco della sua poderosa carriera di critico d’arte, storico dell'artebibliotecariotraduttore e accademico, che nel suo “Dizionario illustrato degli incisori italiani moderni e contemporanei” menzionerà con particolare rilievo la specializzazione di Paschetto nella pratica xilografica, fino alla svolta del 1910, coincidente con la dedizione ai “temi religiosi, destinati principalmente ad ornare le pagine della rivista “Bilychnis” e più tardi il settimanale “Conscientia”. Serie di xilografie di Paschetto: “Il Credo apostolico” (otto grandi legni). “Il Salmo del buon Pastore” (otto legni). Il Padre Nostro (idem), “Costumi valdesi”.

Sedotto nel 1903 dall’Officina Viennese di Joseph Hoffmann e Kolo Moser, Paschetto si affermerà come collaboratore della rivista “Per l’Arte”, fondata a Torino nel 1909, con numerose tavole decorative realizzate fino al 1914, contraddistinte dalla raffinatezza grafica e dall’originale interpretazione degli stilemi del modernismo europeo, con particolare riferimento alle soluzioni estenuate di Aubrey Beardsley.

Divenuto collaboratore nel 1912 della rivista di studi religiosi “Bilychnis”, fondata dal fratello Lodovico, archeologo, Paschetto firmò numerose copertine delle Guide Regionali Italiane del Touring Club Italiano, lanciando una cifra stilistica basata sull’isolamento di topoi monumentali, in coincidenza con gli albori di un futuribile “turismo culturale”, basato sull’enfatizzazione del dettaglio archeologico, nell’ambito del quale Paschetto consoliderà il suo rapporto con l’ENIT (Ente Nazionale per le Industrie Turistiche) e la C.I.T. (Compagnia Italiana del Turismo).

L’apice della notorietà giungerà a Paschetto come autore dell’emblema della Repubblica Italiana, concepito nel 1947 come “sintesi civile tra simboli istituzionali e richiami ai valori popolari della libertà” (M.A. Fusco 2014, p. 33).

Paolo Antonio Paschetto grafico

Testo di Francesco Tetro

Per Paolo Antonio Paschetto la scelta dell’arte come professione nasce da una sicura vocazione, mentre la sua formazione intellettuale, integrata dall’educazione al disegno e alla musica, si manifesta con l’approccio al tema della comunicazione, contribuendo a definire particolari settori dell’estetica attraverso una grafica coerente e colta, data la comparsa nell’ambito del visivo di molteplici tipologie espressive: ecco il mondo degli erinnòfili, dei francobolli, della cartamoneta, ex libris, cartoline e pubblicità, mondo che rappresenta il punto forte di un’area espressiva che testimonierà, grazie agli aggiornamenti tecnici della stampa e della distribuzione dei messaggi, l’avvio di un esteso processo estetico di comunicazione.

L’artista entra in contatto con quel gruppo di sodali di Duilio Cambellotti che dal 1904 si raccoglie nel sodalizio dei “XXV della Campagna Romana”, dal 1908 intorno alla rivista «La Casa» e dal 1909 nella forma associata dello Studio Tecnico, in linea con il messaggio che «tutte le definizioni quali ‘arte inferiore’, ‘arte industriale’, ‘arte applicata’, possono essere valide solo in senso convenzionale».

Anche per Paschetto l’arte è una sola e l’imperativo di comunicare ed educare con l’arte caratterizzerà tutta la sua attività. Il precoce esordio ex librista, ad esempio, testimonia il guardare alle nuove istanze, a come la società utilizzi il mezzo grafico nei contesti di massima diffusione dei messaggi e nei canali con ancora accenti elitari, come nel caso della grafica dell’ex libris: dall’araldica alla cultura del motto, dall’illustrazione simbolica al linguaggio della pubblicità.

Paschetto, dedicandosi alle sintetiche allegorie, offre un contributo all’autonoma espressione di quell’arte che guarda al mondo preraffaellita, arrivata a lui da Giuseppe Cellini, grazie alla mediazione dello scrittore, storico dell’arte e filosofo Angelo Conti, cui si deve la posizione teorica del ritorno ai primitivi secondo l’accezione ruskiniana e la nascita di un atteggiamento etico-sociale che trova in Paschetto un fertile terreno per una rivalutazione del Medioevo e del primo Quattrocento italiano.

A Roma, a rafforzare il legame con la grafica inglese e la rivoluzione del mondo del libro, è anche la presenza dei mosaici di Edward Coley Burne-Jones, collocati dal 1896 nella Chiesa di St. Paul nella ‘nuova’ arteria urbana romana (via Nazionale), ma al Nostro arrivano anche i messaggi offerti da Aubrey Vincent Beardsley e da Walter Crane, influenzati anch’essi dai preraffaelliti, osservati nella produzione legata all’arte del libro, all’illustrazione e alla comunicazione attraverso il dominio delle cosiddette arti minori. Tale produzione è recepita per alcune sue formule linguistiche, come l’uso del bianco e nero, le zone omogenee con effetto da manifesto, il gusto per disegni minuziosi, l’attenzione al particolare, la concezione architettonica e la tendenza a risolvere bidimensionalmente l’immagine.

  

  

 

 

 


NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie