Cultura

Pinacoteca Servolini: “Dalla tradizione postmacchiaiola alla visuale iperrealistica”

  • Pubblicato: Mercoledì, 31 Agosto 2022 09:59
  • Scritto da Cortex

Gusto neodivisionista e ragioni simboliche nella pittura di Anchise Picchi, mostra promossa da COMUNE DI COLLESALVETTI a cura di Francesca Cagianelli con Lido Pacciardi.

IN OCCASIONE DI FIERA PAESANA DI COLLESALVETTI 2022, INAUGURAZIONE ORE 18.00 
APERTURA STRAORDINARIA FINO ALLE 21.00

Si inaugura martedì 6 settembre alla Pinacoteca Comunale Carlo Servolini, ore 18.00 (apertura straordinaria fino alle 21.00), la mostra “Dalla tradizione postmacchiaiola alla visuale iperrealistica. Gusto neodivisionista e ragioni simboliche nella pittura di Anchise Picchi”, promossa dal Comune di Collesalvetti in occasione della Fiera Paesana 2022, ideata e curata da Francesca Cagianelli con Lido Pacciardi.

A distanza di 21 anni dal primissimo atto di storicizzazione dell’artista colligiano, coincidente con l’antologica a Villa Carmignani del 2001, l’Amministrazione Comunale di Collesalvetti e la Pinacoteca Comunale Carlo Servolini scelgono di festeggiare la Fiera Paesana 2022 con una nuova monografica intitolata ad Anchise Picchi (Crespina 1 Aprile 1911 - Collesalvetti 13 Novembre 2007), concepita quale omaggio a quella cosiddetta seconda maniera individuata da Luigi Servolini come la stagione di massima eccellenza nell’ambito di un tragitto espressivo scandito da molteplici rivoli di ispirazione e di risoluzioni linguistiche.

In uno slalom tra orizzonti nazionali e costellazioni locali, la programmazione culturale della Pinacoteca Comunale Carlo Servolini prosegue anche in quest’occasione l’ormai pluriennale strategia di valorizzazione del panorama artistico tra Ottocento e Novecento, compatibile, sia per il riscontro nelle collezioni permanenti del Comune di Collesalvetti, sia per la consanguineità rispetto alle vicende della saga dei Servolini, con quelle personalità che, come Anchise Picchi, segnarono il distacco dalla stagione postmacchiaiola e conseguentemente l’avvento di coraggiose sperimentazioni stilistiche.

Patron in svariate occasioni di Anchise Picchi, Luigi Servolini ne celebrò con grande eco la produzione pittorica e plastica in occasione dell’Antologica di Pittura e Scultura del 1978 a Palazzo Strozzi di Firenze (8-30 aprile 1978), soffermandosi in particolare sull’originaria vocazione all’intaglio ligneo, caratterizzata da uno spiccato registro decorativo, rispetto al quale non può esimersi, in quanto xilografo, dall’apprezzarne la tecnica a “sgorbiate carezzanti le superfici che modellano figure e cose stagliate su fondo paesaggistico in un bassorilievo che talora rasenta il medio” (Luigi Servolini 1978).

Proprio in analogia con la sintesi decorativa conseguita da Picchi nell’arco della sua attività scultorea, Luigi Servolini scandisce con consapevolezza critica la transizione del colligiano, stavolta in ambito pittorico, dall’iniziale “gusto finemente impressionistico” alle fasi successive di una pregevole evoluzione stilistica, riassumibile a suo giudizio in tre periodi, il primo coincidente con “una pittura tradizionale realistica, postmacchiaiola”, relegata a “una tematica per intero provinciale”; il secondo, più diversificato sia sotto il profilo tecnico, che relativamente al ventaglio dei soggetti, decisamente più significativo, in quanto caratterizzato da “una maggiore forza chiaroscurale e cromatica, un’intensità tonale più cupa e di ampio respiro sempre secondo una visuale iperrealistica e con tendenza al simbolismo”.

Non esita dunque Servolini a promuovere con particolare enfasi questa seconda stagione, in omaggio alla capacità di Picchi di attingere a un serbatoio tematico di ormai dichiarata attinenza allegorica, definitivamente distanziato rispetto alla logica del provincialismo artistico e orientato verso traiettorie simboliste, sottolineate da una pennellata analitica che punta a rinsaldare l’evidenza plastica della composizione, anticipando movenze e ragioni del terzo e ultimo periodo, di registro definitivamente neodivisionista, o, per dirla ancora una volta con lo xilografo livornese, “postdivisionista”, tendente tuttavia, rispetto alla stagione precedente, a una pastosità cromatica funzionale a “certi effetti pulviscolari”.

Selezionate per il percorso espositivo della Pinacoteca Comunale Carlo Servolini 23 opere cruciali di Picchi funzionali a scandire il corso espressivo più specificatamente rivolto al superamento della logica postmacchiaiola: si citano in particolare l’enigmatico “Autoritratto" (1973-1974), tratteggiato in termini di sfida verso il clichè autocelebrativo, “senza accentuazioni caratteriali, come molti fanno, lampeggiando lo sguardo per rendersi più interessanti e meno… veri”; il suggestivo e monumentale "Nebbia sull’aia" (1975), caposaldo della trasfigurazione visionaria del paesaggio colligiano, verso indefiniti orizzonti, dove “sopravvive qualcosa che va ben al di là dell’idea e della forma, qualcosa che noi tutti portiamo, inconsapevoli, nella sconosciuta terra dell’anima: la Poesia” (Anchise Picchi); o, ancora il fiabesco "Maschere nel bosco" (1987), allegoria di dialoghi sospesi, dove nell’atmosfera nebulosa comunicano “non nel dettaglio descrittivo, ma nella poesia delle masse, delle luci e delle ombre”.

Contiguo all’entourage del Gruppo Labronico, nell’ambito del quale condividerà suggestioni e riflessioni soprattutto con Renato Natali, Picchi si orienterà successivamente verso certe soluzioni linguistiche in linea con la lezione di Pietro Annigoni, finchè, sempre più determinato alla formulazione di una grammatica espressiva di regime assolutamente autonomo, si concentrerà nella trascrizione di paesaggi e composizioni sull’onda di una mai sopita vocazione musicale, come sembra confermare il ciclo beethoveniano, di cui la "Sesta sinfonia" (1976), sigilla la vocazione soprannaturale dell’artista: “(…)  il vero artista è molto vicino all’asceta: molto sente e poco condivide. In questo la tensione mistica è volta a Dio, in quello ad un mondo ideale e metafisico che travalica i limiti di ogni metrica finita del mondo reale per attingere, con primitivo stupore, alle dimensioni sconosciute ed eterne dell’assoluto, del sogno, dell’infinito”.

  

  

 

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie