Cultura

Presentato il programma Scuola-Città 2015/2016

  • Pubblicato: Lunedì, 12 Ottobre 2015 15:22
  • Scritto da Cortex

Tante proposte didattiche per arricchire l’offerta formativa delle scuole livornesi.

 

Torna puntuale, con l'inizio del nuovo anno scolastico, Scuola-Città, il pacchetto di proposte progettuali didattico-formative promosse dall’Amministrazione Comunale per arricchire e qualificare l’offerta formativa delle scuole livornesi.
Il programma Scuola e Città 2015/2016 è stato presentato lunedì 12 ottobre a palazzo comunale, nel corso di una conferenza stampa a cui hanno partecipato la vicesindaca Stella Sorgente, la responsabile Sistema Integrato servizi primi infanzia Lilia Bottigli, e le coordinatrici didattiche del CRED (Centro Risorse Educative e Didattiche) e del CIAF (Centro Infanzia Adolescenza e Famiglie del Comune di Livorno) Lia Bracci e Letizia Vai.
Quest'anno l'ampia programmazione di progetti educativo-didattici curata da CRED e da CIAF finalizzata a sostenere l’offerta formativa delle scuole dei diversi ordini e gradi, così come la funzione educativa delle famiglie, vede notevoli aggiornamenti.
Presentato sotto forma di “catalogo” (rinnovato nella veste grafica e aggiornato nelle offerte) il nuovo programma si divide in due parti.
La prima, “Qualificazione e innovazione dell'offerta educativo didattica”, raccoglie i progetti a cura di CRED/CIAF (Settore Educazione e Sport del Comune di Livorno) realizzati direttamente dallo staff tecnico degli stessi con la collaborazione di associazioni ed enti pubblici e privati, le cui proposte progettuali sono state selezionate tramite procedura ad evidenza pubblica; la seconda, "Livorno Città di... contesti di vita collettiva ed esperienze di apprendimento", è curata invece da molti uffici comunali, sempre col coordinamento di CRED e CIAF, e raccoglie percorsi conoscitivi della città di valenza formativa e culturale: "Livorno, città d'arte e di musei", "Livorno, città da leggere", "Livorno, città di mare" , "Livorno, città di mercati", "Livorno, città di musiche", "Livorno, città di scienze" ,"Livorno, città di storia", "Livorno, città di solidarietà" , "Livorno, città di teatri" , "Livorno, città di tutti", "Livorno, città sostenibile e sicura", "Livorno, smartcity".
Entrambe le sezioni propongono a scuole cittadine di ogni ordine e grado, progetti didattici innovativi e percorsi culturali e professionali inediti in molteplici aree, a sostegno dell’offerta formativa e della funzione educativa delle famiglie.
Fra i nuovi progetti dell'edizione 2015-2016 di Scuola e Città sono da segnalare:
- "Gioco scaccia gioco – contro le Ludopatie", a cura di ASD Livorno Scacchi, che vede il campione mondiale di dama inglese Michele Borghetti affiancare Andrea Raiano, ex campione di scacchi, in un percorso didattico che, attraverso il gioco "sano" di scacchi e dama, punta a contrastare il fenomeno della dipendenza dai vari tipi di gioco d'azzardo;
- "Crescendo-Creando-Scoprendo", realizzato in collaborazione con la FIOFA (Federazione Italiana Organizzazione Festival d'Autore), che pone l'attenzione sull'educazione e la didattica del linguaggio musicale per alunni di scuole d'Infanzia, primaria e secondaria;
- "Un Robot in classe", progetto pensato per l'educazione e la didattica della robotica grazie alla collaborazione di Great Robotics, società collegata alla Scuola Superiore S.Anna di Pisa, e Kayser Italia
- "Le parole son di tutti", un viaggio alla scoperta di poeti del Novecento (e non solo) utile alla crescita degli studenti di scuola secondaria di 1° e 2° grado, in collaborazione con l'Orto degli Ananassi;
- "Una scuola in circo", progetto ludico-educativo per attivare in bambini e ragazzi processi di confidenza con se stessi e con l'altro/gli altri, la concentrazione, l'equilibrio, la partecipazione, in collaborazione con Società Coop. Koalaludo;
- "Taskent: dalla ricerca al narrato", alla scoperta della storia e dei luoghi di Livorno attraverso gli occhi di un romanzo ambientato negli anni '30, dello scrittore Enrico Campanella;
- "Artcounseling" e "Gaia" percorsi di formazione e laboratoriali-espressivi per il benessere e l'educazione alla consapevolezza globale e alla salute psicosomatica, a cura di Valeria Paoli/Simone Bassoli ARS NOVA.
Per l'educazione e la didattica del linguaggio teatrale, si segnalano inoltre i progetti "La scuola a teatro" e "Il teatro con la scuola" (comprensivi della rassegna di teatro per ragazzi, di laboratori e di formazione docenti), che si avvalgono anche della rinnovata collaborazione con la Fondazione Teatro Goldoni.
Per la parte relativa a “Educazione e didattica del linguaggio audiovisivo e cinematografico”, è previsto invece il progetto "Lanterne magiche: lo sguardo narrante" che vede la consolidata collaborazione tra gli assessorati all'Istruzione e alla Cultura del Comune di Livorno nella realizzazione di una rassegna cinematografica (presso "4 Mori" e "Il Grattacielo") e di incontri propedeutici alla lettura del film per studenti e docenti, oltre a laboratori sui mestieri del cinema e a una nuova proposta di stage formativo scuola/lavoro per studenti, in collaborazione con Kinoglaz.

Per finire, per quanto riguarda la parte Educazione e didattica dell'arte, è presente il progetto "Parterre: parco artistico en plein air" atto a promuovere e a far conoscere il progetto collettivo di riqualificazione dell'area del Parterre di Livorno, attraverso il contributo di 30 artisti che qui installeranno una loro opera, in collaborazione con la Cooperativa Itinera.
All'interno della seconda sezione del catalogo, si segnala in particolare, tra i numerosi progetti presenti, "Fuori quadro: dal museo al teatro", a cavallo fra le due tematiche "Livorno, città d'arte e di musei" e "Livorno, città di teatri", progetto rivolto a bambini del Nido d'infanzia e a studenti delle scuole superiori, che si articolerà con una visita guidata e animata al Museo Fattori (con la collaborazione della Compagnia degli Onesti) e una messa in scena dell'opera all'interno della 18^ edizione della Rassegna "Dicembre, la scuola fa teatro".
Grande attenzione viene inoltre riservate alle numerose tematiche legate a una società in continua evoluzione, attraverso i progetti di "Livorno, città di tutti": "Azioni di empowerment educativo e sociale", seminari e laboratori rivolti a studenti, genitori e insegnanti in collaborazione con l'Associazione Ippogrifo, sul tema della pedagogia familiare e "Capire e prevenire le discriminazioni", iniziative rivolte alle scuole secondarie di 2° grado realizzate in collaborazione con Arcigay.
Al tema dell'integrazione e dell'inclusione è dedicata anche la tre giorni di convegno "Tutti uguali, tutti diversi" in programma al Museo di Storia Naturale in via Roma il 13, 20 e 27 ottobre, dalle ore 16.30 alle ore 19, che vede operare in sinergia scuola, associazioni e istituzioni, con percorsi e progetti atti a promuovere una piena inclusione scolastica e sociale di tutti gli studenti che hanno bisogni educativi speciali.
Grande soddisfazione per il programma “Scuola e Città” è stata espressa da Stella Sorgente. "Una buona scuola – ha detto la vicesindaca - è quella in cui l’offerta formativa si radica, si integra e si sviluppa nel territorio, con le risorse e le opportunità che questo è in grado di offrire. La città – ha continuato – è infatti una sorta di grande aula a cielo aperto, di cui gli studenti imparano progressivamente a conoscere i luoghi dei lavori, delle culture, delle socialità e del governo e, insieme a essi, le persone che li rendono tali: in questo modo imparano a vivere da protagonisti e con consapevolezza il proprio tempo”.
“Con il programma “Scuola e Città 2015/16”, l'Amministrazione comunale rinnova dunque il suo impegno al fianco delle istituzioni scolastiche e delle famiglie - ha concluso la vicesindaca – con percorsi in grado di sostenere gli studenti di ogni età a vivere la città da cittadini consapevoli, rispettosi e attivi”.

Fonte: Uff. Stampa Comune di Livorno

  

  

 

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie