Cultura

La mostra: Giancarlo Cocchia, La contesa fra il mistico e il tragico

  • Pubblicato: Giovedì, 13 Giugno 2019 10:05
  • Scritto da Cortex

Mostra promossa dal Circolo Culturale d’Arte Antonio Amato in collaborazione con Archivi e Eventi, con la partecipazione di Mario Bardi, a cura di Francesca Cagianelli.
Inaugurazione sabato 15 giugno 2019, ore 17.30. Visita guidata a cura di Francesca Cagianelli. Seguirà cocktail.
Si inaugura sabato 15 giugno 2019, ore 17.30 la mostra Giancarlo Cocchia. La contesa fra il mistico e il tragico, promossa dal “Circolo Culturale d’Arte Antonio Amato” (via Michon, 22 - Livorno), in collaborazione con “Archivi e Eventi. Associazione Culturale per la Documentazione e Promozione dell’Ottocento e del Novecento Livornese”, con la partecipazione di Mario Bardi, a cura di Francesca Cagianelli (fino al 29 giugno 2019, catalogo in Galleria).
Alle 18.00 è prevista una visita guidata a cura di Francesca Cagianelli, storica dell’arte, Presidente di Archivi e Eventi.
A impreziosire il percorso espositivo calibrato su un inedito nucleo di opere pittoriche e grafiche ascrivibili agli anni Settanta, ma al contempo concepito in autonomia da esso e con l’ambizione di costituire un capitolo bibliografico di assoluta rilevanza in termini di valorizzazione e storicizzazione della personalità di Giancarlo Cocchia (Livorno, 1924-1987), il catalogo, curato da Francesca Cagianelli, punta a ricollocare l’artista, finora quasi unicamente inquadrato dalla bibliografia critica corrente in relazione alle sue prestazioni sul terreno del sacro, nel capitolo articolato quanto dialettico della Livorno del dopoguerra.
Sulla scena cittadina, dominata dalla militanza istituzionale della Casa della Cultura, dal fenomeno di caratura internazionale del Centro “Il Grattacielo”, dalla dinamicissima Galleria Giraldi, ma soprattutto da una frenetica vis associazionistica all’origine di una fioritura irrefrenabile di aggregazioni artistiche, Cocchia sembra in un primo momento lasciarsi coinvolgere con l’aspettativa di una strategica coesione con alcuni esponenti delle avanguardie cittadine del secondo dopoguerra, sul fronte di una ecumenica libertà espressiva, per poi ritagliarsi un percorso di più esasperato intimismo nei termini monotematici di una irriducibile quanto surreale dinastia del sacro.
Si tratta di un processo destinato ad accompagnare nella produzione cocchiana un progressivo distacco dalla pervasiva matrice rouaultiana verso una personalissima iconografia teologica, sempre più ammiccante a un primitivismo saturo di implicazioni fiabesche.
Si susseguono dunque in catalogo testimonianze documentarie e bibliografiche prevalentemente inedite, frutto di quella pluriennale ricognizione della stampa locale e degli archivi d’artista messa a punto dalla curatrice nel corso dei pluriennali progetti promozionali e scientifici promossi da “Archivi e Eventi”, volti alla restituzione di un panorama vasto, quanto ancora sommerso, di protagonisti degli anni Cinquanta a Livorno, tra cui Mario Ferretti, Roberto Ercolini, Renzo Izzi, Umberto Benedetti, Angelo Sirio Pellegrini, Pierino Fornaciari, e, quindi, Giancarlo Cocchia.
Ne emerge un serrato dibattito, ancora ben lontano dalle significative pagine di una storia nazionale, intorno alla complessa stratigrafia stilistica connotante l’articolata compagine degli esponenti della cosiddetta “modernità” artistica cittadina, all’interno del quale sono state censite le voci più autorevoli dell’intellighenzia critica livornese e più genericamente toscana tra gli anni Cinquanta e Settanta, in particolare quelle di Maria Luisa Bavastro, Luciano Castelli, Dario Durbé, Guido Favati, Silvano Filippelli, Giorgio Fontanelli, Walter Martigli, Franco Russoli, Luigi Servolini, Enrico Sirello, Milziade Torelli.
Già curatrice, in qualità di Conservatrice della Pinacoteca Comunale Carlo Servolini, della mostra Giancarlo Cocchia 1924-1987. Un mistico verso le avanguardie negli anni del Premio Modigliani e del Grattacielo, promossa dal Comune di Collesalvetti nel 2014 (Collesalvetti, 2 settembre – 3 novembre 2014), Francesca Cagianelli concentra ora la sua indagine sulle diverse stagioni stilistiche di Cocchia, dall’adesione nel 1945 al Gruppo Artistico Moderno (GAM), alla partecipazione alla I Mostra Nazionale d’Arte Sacra Moderna del 1953-1954; dalla militanza nella compagine della “Bottegaccia” tra 1954 e 1957, al coinvolgimento nelle distinte tappe del Premio Modigliani, a partire dal 1955 all’interno del Comitato Esecutivo per le Onoranze, per finire con l’adesione in veste di espositore alla III, V e VIII edizione; e, ancora, dalla convergenza nel 1958 con gli affiliati del Centro Livornese Arte e Cultura Moderna (CLACM) fino alla fondazione del Gruppo “Arte Libera” nel 1961.
Tra i numerosi testimonials chiamati in causa domina Giorgio Fontanelli che nel febbraio 1962 si pronuncerà in merito alla dilagante filiazione dei diversi raggruppamenti artistici nella Livorno del secondo dopoguerra, proprio con riferimento alla formazione di “Arte Libera”: “In ossequio al suo nome, ARTE LIBERA ospita pittori di formazione e di tendenza dissimile, sì che sarebbe arduo cercare fra loro una piattaforma comune, anche per quella tendenza spesso orgogliosa del livornese di fare comunque la sua corsa da isolato. D’altra parte, da Chevrier a Berti a Cocchia a Marchegiani a Secchi, sono tutti troppo noti perché si debba qui a parlarne singolarmente”. Non esita dunque Fontanelli a riconoscere la validità strategica di alcuni asserti pronunciati dagli associati di “Arte Libera”, a partire da “quella loro dichiarata volontà di dialogo, di incontro, di ricerca”, fino al rifiuto di ogni dottrinarismo estetico.
Emblematica dunque risulta la militanza cocchiana tra le fila di “Arte Libera”, cui la curatrice intitola il suo saggio: Giancarlo Cocchia. Dal Gruppo Artistico Moderno allo schieramento “Arte Libera”: l’impegno per una Umanità Nuova, con l’obiettivo di ridisegnare in un chiaroscuro assolutamente dinamico quella coerenza linguistica dell’artista che a Milziade Torelli sembrò giusto riassumere nell’efficace formula della “contesa fra il mistico e il tragico”.

  

 

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie