Cultura

Livorno dedica due giornate all’artista Alfredo Müller

  • Pubblicato: Venerdì, 18 Ottobre 2019 10:56
  • Scritto da Cortex

Il 22 ed il 23 ottobre prossimi saranno le “Giornate Alfredo Müller” promosse dall’ associazione degli “Amis d’Alfredo Muller” e dall’associazione “Livorno delle Nazioni” con il patrocinio del Comune di Livorno.
In occasione del centocinquantesimo anniversario della nascita del pittore e incisore Alfredo Müller, avvenuta nella casa di via Cecconi nel giugno del 1869, Livorno dedica infatti due giornate all’artista livornese per esplorarne la storia e l’arte.
“Una figura importante la cui identità testimonia la vocazione cosmopolita di Livorno - dichiara l’assessore alla cultura Simone Lenzi. “Guardando alla sua genealogia si scopre infatti come tutto il mondo fosse rappresentato in questa città”. Parecchi antenati di Alfredo Muller, stranieri di origine diversa sono divenuti autentici livornesi. E’ il caso di Amelia la trisavola venuta da Philadelphia, figlioccia di Beniamino Franklin, oppure il bisnonno moravo Agostino Kotzian a cui si deve la realizzazione della ferrovia Leopolda, e poi il nonno Carlo Schintz, presidente della Congragazione Olandese – Alemanna.
La figura di Alfredo Müller suscita quindi interessi molteplici: primo fra tutti l’arte ma anche la sua origine familiare.
Questo il programma delle due giornate che saranno suddivise in tre eventi pubblici che prevedono:
Martedì 22 Ottobre
- 11.30 in via Cecconi 17 – Inaugurazione della targa
- 18.00 Museo Fattori, Sala degli Specchi
Presentazione della pubblicazione “Alfredo Müller, una Storia livornese”
Questo libretto permetterà di scoprire come degli stranieri dalle origini così diverse (in particolare gli antenati di Alfredo Muller) sono divenuti degli autentici livornesi; per esempio Amelia, la trisavola venuta da Philadelphia, figlioccia di Beniamino Franklin, dalla vita molto avventurosa tra l’America, la Tunisia e Livorno, oppure il bisnonno moravo Agostino Kotzian, presidente della Camera di Commercio e cui si deve un gran contributo alla realizzazione della ferrovia Leopolda, o il nonno, dottor Carlo Schintz, presidente della Congregazione Olandese-Alemanna, e molti altri.
Mercoledì 23 Ottobre
- 18.00 Galleria 800/900 Art Studio, via Roma 63-67
Serata dedicata alle Arlecchinate di Alfredo Müller, con “Le Tribolazioni di Arlecchino all’inseguimento della rosa”. Sarà presentato il libro “ Variazioni mascherate” a cura di Lise Coustille, Alessandro Giunta ed Hélène Koehl. Introduce il prof. Giuliano Ercoli.
La Galleria 800/900 Art Studio esporrà per l’occasione una serie di riproduzioni fedeli di Arlecchinate di Alfredo Müller oltre ad altre opere dell’artista.
Alfredo Müller è un artista complesso. La sua vena artistica affonda le proprie radici sia nell’illustre tradizione toscana che nel rinnovamento dell’arte francese derivato dall’impressionismo e dal “Cezannismo”. Questa nuova aria artistica aveva irritato Fattori nel 1890 e sconcertato i pittori fiorentini nel 1914, in due periodi di forte nazionalismo, mentre, allo stesso tempo, questo stesso rinnovamento aveva condotto il critico d’arte Ugo Ojetti, redattore capo del Corriere della Sera, a raccomandare una tela di Muller per la giovane Galleria d’Arte Moderna di Firenze nel 1915: il quadro “Todi” fu proprio la prima acquisizione. L’artista Muller, che ha sempre conservato quel linguaggio “rapido ed affilato” da vero Toscano, diceva Ojetti nel 1922, è con Cappiello e Modigliani, una figura dalla quale non è possibile prescindere all’interno del patrimonio artistico livornese. Muller, che è un diretto discendente dalla società internazionale e cosmopolita di Livorno, componente essenziale della città fin dai suoi albori con la promulgazione delle Leggi Livornine del 1591-93 fino alla soppressione del Porto Franco nel 1868, era di cittadinanza svizzera, naturalizzato francese nel 1910 e, come i due artisti appena citati, era un autentico livornese ed un vero parigino.

  

 

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie