Cultura

Le opere di Daniele Caluri e Alberto Pagliaro in Mostra

  • Pubblicato: Sabato, 28 Novembre 2015 06:35
  • Scritto da Cortex

Prosegue per due fine settimana (28-29 novembre e 5-6 dicembre dalle 16 alle 19 con ingresso gratuito) la Mostra di Daniele Caluri e Alberto Pagliaro, due celebri firme nel mondo del fumetto internazionale di cui è possibile ammirare tavole originali e in alcuni casi mai presentate sino ad oggi.

 

Balzato in queste settimane agli onori della cronaca nazionale per la sua proposta di trasformare il basamento in rovina dell’incompiuto Mausoleo a Costanzo Ciano nel disneyano deposito di Paperon de’ Paperoni, Daniele Caluri (1971) ha iniziato a pubblicare a 14 anni per il mensile satirico “Il Vernacoliere”, per il quale, a partire dagli anni Novanta, crea le serie umoristiche di Fava di Lesso, Luana la Bebisìtter, Nedo, che lo pongono all’attenzione del grande pubblico.

Nel 2003, sempre per “Il Vernacoliere” e insieme allo sceneggiatore Emiliano Pagani, comincia a pubblicare Don Zauker esorcista, la serie che ha raggiunto la maggior notorietà, e che in Italia diventa presto un caso editoriale, in séguito pubblicato anche in Francia, Belgio, Spagna e Canada. La serie Don Zauker ha raccolto numerosi premi, tra i quali due Premi Micheluzzi come Miglior Serie Umoristica (2007 e 2009) e il Premio Repubblica XL al Miglior Fumetto dell’Anno 2011.
Dal 2003 Caluri comincia la sua collaborazione anche con la casa editrice Sergio Bonelli Editore come disegnatore di Martin Mystère e Dylan Dog. Nel 2007 per il mercato franco-belga, ha pubblicato per Adonis/Glénat e su sceneggiatura di Frédéric Brémaud, l’adattamento a fumetti del Michel Strogoff di Jules Verne. Nel 2008 è selezionato insieme ad altri noti fumettisti per illustrare l’Art.3 del volume La Costituzione illustrata. Nel 2011, per la Panini Comics, crea insieme a Emiliano Pagani la miniserie umoristica Nirvana, distribuita nelle edicole di tutta Italia e tuttora in corso di pubblicazione.
La sua carriera è costellata di riconoscimenti, come il Premio Gran Guinigi come Miglior Disegnatore (Lucca Comics & Games 2006), il Premio Fumo di China come Miglior Autore Completo per il Fumetto Umoristico (Lucca Comics & Games 2006), il Premio Micheluzzi come Miglior Disegnatore Umoristico (Napoli Comicon 2007), il Premio Satira di Forte dei Marmi (2011).
Alberto Pagliaro (1972) dalla metà degli anni Novanta pubblica storie illustrate per il mercato italiano e soprattutto per quello franco-belga. In Italia i suoi lavori sono usciti nelle riviste specializzate Selen, Kaos, Shock Magazine, Baribal, Next Exit, Black, Blue, Maxim. Nel 1998 è il vincitore del Kaos Art Contest che aveva tra i giurati tre dei più famosi illustratori al mondo: Phil Hale, Brom e Rick Berry. Nel 2000 inizia la sua collaborazione con le più importanti case editrici internazionali: Castermanedition, Delcourt Edition, Dupuis, Disney, Coconino press, Kstr, Dargaud. Dal 2005 è docente di fumetto presso la Scuola Internazionale di Comics di Firenze. Innumerevoli le sue collaborazioni con magazine, quotidiani, riviste, con enti pubblici e privati per i quali ha realizzato illustrazioni, storyboard, character design, videoclip. Ricordiamo, tra tutti, il videoclip “Dispetto” per i Virginiana Miller (2007), prodotto da Fandango film, trasmesso su MTV, All MUSIC e finalista al MEI, come miglior videoclip italiano.
Per la francese Casterman Editions, dal 2006 al 2010 Pagliaro illustra la fortunata serie di indagini poliziesche per ragazzi Les Enquetes de Chloé, e nel 2008 il fumetto Les Âmes sèches.
Nel 2008 è selezionato per illustrare l’Art.11 del volume La Costituzione illustrata. Dal 2008 al 2011 realizza la sceneggiatura e le illustrazioni della serie a fumetti Una storia partigiana per il mensile satirico “Il Vernacoliere”. I racconti monotavola, tragici e ironici al contempo, sono raccolti e pubblicati nel 2012 nel volume I figli della schifosa. Una storia partigiana. L’interesse di Pagliaro per la memoria di capitoli scottanti della storia italiana lo porta a illustrare per Dargaud Editions la serie scritta da Philippe Thirault La mano (2010-2011), la cui trama racconta la vita di cinque ragazzi attraverso gli “anni di piombo" fino ad arrivare ai giorni nostri.
Dal 2012 Pagliaro collabora con il Teatro Comunale di Modena “Luciano Pavarotti” per il quale ha realizzato l’adattamento a fumetti delle opere di Giuseppe Verdi Traviata, Otello e Aida. Tra i lavori in uscita, la versione a fumetti di Alice nel Paese delle Meraviglie per la Oxford University Press.
Caluri e Pagliaro da alcuni anni sono docenti dei Corsi di Fumetto a Villa Trossi, dove si sono formate decine di allievi, alcuni dei quali vincitori delle prestigiose borse di studio per frequentare i corsi della Scuola Internazionale di Comics a Firenze. La mostra a Villa Trossi è la prima occasione espositiva che riunisce i due artisti, ciascuno presente con una quarantina di tavole. La mostra sarà visitabile tutti i sabati e le domeniche dalle 16 alle 19 fino al 6 dicembre.

INFO. Fondazione culturale d’arte Trossi-Uberti

Via Ravizza, 76 (Segreteria: via Pastrengo, 21) - Ardenza - tel. 0586 492184 – 392 7010553, info@fondazionetrossiuberti.org, www.fondazionetrossiuberti.org.

  

  

 

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie