Cultura

Il Comune di Collesalvetti non si ferma: l’hashtag per l’arte della Pinacoteca

  • Pubblicato: Martedì, 05 Maggio 2020 11:10
  • Scritto da Cortex

Da Charles Doudelet a Vittore Grubicy, dal Caffè Bardi a Bottega d’Arte, da Carlo a Luigi Servolini.
Numerose le iniziative culturali messe in campo con modalità on line dalla Pinacoteca Comunale Carlo Servolini, tutte consultabili sulla bacheca del relativo account facebook con l’hashtag #museichiusimuseiapertilaculturanonsiferma, e tutte promosse dal Comune di Collesalvetti, ideate e curate da Francesca Cagianelli in linea con la programmazione culturale di mostre, calendari, convegni, focus, laboratori.
Dominano due rubriche, diversamente importanti, #Stalattiti e #L’Archivio delle mostre della Pinacoteca Comunale Carlo Servolini, corredate quando di video, quando di photogallery.
La prima, trasmessa ogni giovedì a partire dalle ore 17.00, trae denominazione e ragioni scientifiche dalla temperie culturale indagata in occasione della mostra “L’incanto di Medusa: Charles Doudelet, il più geniale interprete di Maeterlinck tra il Belgio e la Toscana”, promossa dal Comune di Collesalvetti, ideata e curata da Francesca Cagianelli, in collaborazione con Fondazione Livorno. 
Battezzata in omaggio al progetto varato da Doudelet nei frangenti della realizzazione del ciclo litografico per la prima volta esposto alla Pinacoteca Comunale Carlo Servolini, tale rubrica è costituita da focus relativi al rapporto tra il maestro belga e la cultura figurativa italiana del primo Novecento.
Focus come Stalattiti quindi, in quanto caratterizzati dalla stessa efficacia delle concrezioni millenarie, di foggia suggestiva e impressionante, la cui struttura salda e primordiale aleggia i misteri delle bellezze artistiche: in onda già 5 puntate di tale rubrica: “Charles Doudelet secondo Giovanni Papini”; “Charles Doudelet e Gino Romiti: visioni di Sirene”; “Gabriele Gabrielli: un profilo critico a cura di Charles Doudelet”; “Vittore Grubicy e Charles Doudelet: gli alfieri del Belgio a Livorno”; “Il tempo dell’Eroica: Charles Doudelet e la rinascita della xilografia secondo Ettore Cozzani”. 

 


Prossimo appuntamento giovedì 7 maggio, ore 17.00: “San Francesco d’Assisi 1926: Arte o Devozione? La Mostra Francescana a Bottega d’Arte Livorno”.
La seconda rubrica culturale, anch’essa già in onda sulla pagina facebook della Pinacoteca, #L’Archivio delle mostre della Pinacoteca Comunale Carlo Servolini, è nata con l’obiettivo di diffondere sul web oltre alle varie mostre promosse e realizzate dal Comune di Collesalvetti, anche in tandem con Fondazione Livorno, anche quelle che, non essendo corredate dal relativo catalogo, restano ancora praticamente inedite, tra cui citiamo in particolare veri e propri capisaldi espositivi quali “Manlio Martinelli (1884-1974). “Un amico di Modigliani alla Scuola di Guglielmo Micheli” (7 settembre 2010 - 30 gennaio 2011); “Antonio Antony de Witt e i bozzetti inediti per la Richard-Ginori: rarità grafiche di un amico dei Servolini” (30 aprile-30 maggio 2011); “Satira e Bohème. Il riso, il dramma, la caricatura del primo Novecento tra arte e letteratura. Inediti dall’Archivio Mario Bardi e dall’Archivio Razzaguta” (23 maggio – 11 luglio 2013); e tante altre.
Già in onda, sempre sulla bacheca dell’account facebook della Pinacoteca, anche due focus on line periodici corredati di photogallery, #Perchè le Sirene? e #Alla scoperta di Charles Doudelet, concepiti anch’essi in occasione della mostra “L’incanto di Medusa: Charles Doudelet, il più geniale interprete di Maeterlinck tra il Belgio e la Toscana”, così come in vista del 160° dell’artista belga che avrà luogo nel 2021 e che coinciderà con il consolidarsi per la Pinacoteca del Brand Doudelet.
A partire dal 18 maggio saranno invece varate altre quattro rubriche on line, costituite da approfondimenti periodici e video, ideati e curati da Francesca Cagianelli, e concepite in stretta connessione con la mission e con la programmazione culturale attuati in questi anni dal Comune di Collesalvetti.
La prima, #Donne in Pinacoteca, ideata in occasione del 120° della xilografa livornese Irma Pavone Grotta, è finalizzata ad approfondire dettagli biografici e fortuna critica delle numerose donne-artiste che hanno trovato accoglienza nella sede museale colligiana, senza contare quella personalità fondamentale per il nostro territorio che è Carla Celesia di Vegliasco. Saranno ospitati in particolare in tale rubrica video a puntate dedicati alla vita e al diario di Mimì Quilici Buzzacchi, l’eccezionale xilografa amica di Luigi Servolini di cui sono state donati ben cinque capolavori grafici alla Pinacoteca colligiana.
Rubrica di punta anche #Cross-over, il cui titolo, provocatoriamente importato dall’immaginario contemporaneo, è stato fortemente voluto per veicolare quella strategia culturale messa in campo dalla Pinacoteca Servolini in merito a personalità e avvenimenti artistici che hanno contrassegnato la storia dell’arte sul nostro territorio nel corso del XX secolo, dalla Scuola di Micheli al Premio Modigliani, capitoli di lunghissima percorrenza, eppure attraversati in nome dei due Servolini.
Seguiranno infine #Dal Caffè Bardi a Bottega d’Arte: così parlò Servolini, concepita come gossip del 900 labronico scandito dalla lettura delle sestine ironiche della “Commedia Labronica delle Belle Arti“, firmata da Carlo Servolini; infine #Fermo-posta 1900”, rubrica-omaggio al magistero artistico di Vittore Grubicy de Dragon trasmesso per via epistolare agli adepti del Caffè Bardi: saranno quindi lettere selezionate e commentate da Francesca Cagianelli con l’obiettivo di accompagnare durante tutto il 2020 il Centenario del maestro divisionista lombardo. 
Tali rubriche si potranno consultare digitando i relativi hashtag, #Stalattiti #L’Archivio delle mostre della Pinacoteca Comunale Carlo Servolini #Perchè le Sirene? #Alla scoperta di Charles Doudelet #Donne in Pinacoteca #Cross-over #Dal Caffè Bardi a Bottega d’Arte #Fermo-posta 1900, ma anche, più rapidamente, l’hashtag generale #PINARTE, creato appositamente per l’attività in modalità on line della Pinacoteca.

 

  

  

 

  

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie