Cultura

Mostra a Collesalvetti: “L’incisione al tempo della Belle Epoque, Lionello Balestrieri verso Montmartre

  • Pubblicato: Giovedì, 02 Luglio 2020 18:11
  • Scritto da Cortex

Con l’occasione sarà presentato un Percorso immersivo in realtà virtuale dal titolo “Lionello Balestrieri Italien de Paris”, dedicato alle incisioni dell’artista di proprietà della Fondazione Pisa e conservate presso Palazzo Blu mostra promossa da Comune di Collesalvetti.
Ideata e curata da Francesca Cagianelli
inaugurazione, giovedì 9 luglio 2020, ore 17.00
PINACOTECA COMUNALE CARLO SERVOLINI, via Umberto I, n. 63 – Collesalvetti
fino al 27 agosto 2020, tutti i giovedì, ore 15.30-18.30
info:0586/980256/980255
pinacoteca@comune.collesalvetti.li.it/www.comune.collesalvetti.li.it
Pinacoteca Comunale Carlo Servolini facebook
L’Amministrazione Comunale di Collesalvetti è lieta di annunciare la riapertura della Pinacoteca Comunale Carlo Servolini e l’inaugurazione della mostra “L’incisione al tempo della Belle Epoque. Lionello Balestrieri verso Montmartre”, promossa dal Comune di Collesalvetti, ideata e curata da Francesca Cagianelli (fino al 27 agosto 2020, tutti i giovedì, ore 15.30-18.30; info: 0586/980256/980255/pinacoteca@comune.collesalvetti.li.it/www.comune.collesalvetti.li.it; su prenotazione: francesca.cagianelli@gmail.com), prevista giovedì 9 luglio, ore 17.00.
L’evento sarà accompagnato dalla realizzazione di un Percorso immersivo in realtà virtuale dal titolo “Lionello Balestrieri Italien de Paris”, realizzato in occasione della mostra, dedicato alle incisioni dell’artista di proprietà della Fondazione Pisa e conservate presso Palazzo Blu.
La collaborazione instaurata in quest’occasione con Fondazione Pisa consentirà dunque al pubblico di approfondire la conoscenza della produzione grafica di Lionello Balestrieri non solo attraverso la mostra colligiana, ma anche grazie alla visione di un percorso espositivo virtuale dedicato al corpus delle opere dell’artista mai viste finora.
A distanza di 20 anni dall’ultima mostra curata da Alessandro Marabottini, questo doveroso omaggio a Lionello Balestrieri (Cetona, 1872-1958) è stato fortemente voluto per ribadire la mission della Pinacoteca Comunale Carlo Servolini, intimamente congiunta, per il tramite di Carlo e Luigi Servolini, alle sorti della grafica italiana e internazionale.
Fu tra l’altro proprio Luigi Servolini a censire nel suo Dizionario illustrato degli incisori italiani moderni e contemporanei (Milano 1955, ad vocem) circa 105 lastre ad acquaforte e acquatinta, stilandone un giudizio di indubbio apprezzamento: “Maneggia il bulino come i pennelli, conosce la tecnica dei processi grafici di riproduzione come i segreti del colore, tratta l’acquaforte, il pastello e il bianco e nero, come le tele ad olio”.
Consacrate da Vittorio Pica nel 1905 sulle pagine di “Emporium”, le incisioni a colori di Lionello Balestrieri, sembrano soddisfare i dettami della moda internazionale: dal Beethoven a Montmartre, dal Bacio a Notre Dame, tutti i temi più amati al tempo della Belle Epoque, vibranti di romanticismo, bohème e furor wagneriano, rifulgono grazie agli elegantissimi effetti cromatici e luminosi ottenuti dalla sapiente tecnica incisoria di Balestrieri.
Scene galanti e adunanze mondane, languidamente ambientate sullo sfondo delle incantate notti montmartroise, spasimi ineffabili drammaticamente proiettati nei foschi allestimenti mitologici del Der Ring des Nibelungen, raggiungono sempre e comunque quel diapason romantico che indusse la critica a definire Balestrieri “pittore romantico, decisamente, fatalmente, immutabilmente romantico…”.
E, a tale proposito, non bisogna dimenticare che in quello stesso 1905 che segna l’approdo di Balestrieri alla tetralogia wagneriana, il violinista-dandy Giuseppe Vannicola, amico, complice, inquilino e perfino modello dell’artista nel caso del dipinto Attendendo la gloria, esposto al Salon di Parigi del 1897, e quindi del celeberrimo Beethoven, presentato all’Esposizione Universale di Parigi del 1900, pubblicava il volume De profundis clamavi ad te, esaltazione mistica del wagnerismo.
Mentre Chéret e Toulouse-Lautrec consegnavano la geografia della mondanità parigina, tra il Moulin Rouge e Les Folies-Bergères, tra Chat noir e Lapin Agile, alla magia della litografia a colori e dell’affiche, e negli stessi frangenti in cui le raccolte di stampe quali “Les Maitres de l’Affiche” e le litografie de “L’Estampe Moderne” inondavano Parigi di capolavori grafici nel segno del preraffaellismo, dell’Art Nouveau, del postimpressionismo e dei Nabis, Balestrieri scelse la via dell’acquaforte a la poupée.
Sarà Piero Scarpa, in occasione della mostra personale dell’artista promossa dal Gruppo Romano Incisori Artisti nel 1924, a descrivere tale metodo con riferimento al procedimento della distribuzione degli inchiostri colorati sulla superficie della lastra medianti diverse opzioni, dal tampone al polpastrello del dito, procedimento assai discusso a causa dell’emulazione della tecnica del pastello e dell’acquarello.
Fu comunque la personale alla Galleria Pesaro di Milano nel 1925 a consacrare la migliore produzione pittorica e incisoria di balestrieri, laddove Margherita Sarfatti ne colse la capacità di “rifare in tre o quattro anni rapidamente, ma senza bruciare neppure una tappa, il cammino percorso dalla pittura in un trentennio, impressionismo, luminismo, futurismo e pittura di stati d’animo”.
In abbinamento alla mostra dedicata a Lionello Balestrieri saranno allestiti nel Corridoio principale della Pinacoteca colligiana mostre-dossier, curate da Francesca Cagianelli, dedicate al tema della grafica italiana del Novecento, il primo dei quali si intitola “Disegni e Stampe provenienti dai depositi della Pinacoteca Comunale Carlo Servolini”.
Nel corso della mostra sarà inoltre visibile sull’account della pagina facebook della Pinacoteca Comunale Carlo Servolini e della Fondazione Palazzo Blu, il video dal titolo Lionello Balestrieri, Italien de Paris, realizzato in occasione della mostra e dedicato alle incisioni dell’artista di proprietà della Fondazione Pisa e conservate presso Palazzo Blu.
Sarà infine possibile approfondire la stagione dell’incisione e dell’illustrazione tra XIX e XX secolo, ascoltando le tre puntate straordinarie previste nell’ambito della rubrica “Stalattiti”, in onda sull’account della pagina facebook della Pinacoteca Comunale Carlo Servolini: “L’editoria della Belle Epoque tra simbolismo, giapponismo e Art Nouveau” di Dario Matteoni; “Serafino Macchiati secondo Vittorio Pica: l’evocatore della modernità”, di Francesca Cagianelli; “Romeo Costetti, monotipista nel mondo”, di Francesca Cagianelli.
Ingresso libero
Accesso per fasce orarie (15.30-16.00; 16.00-16.30; 16.30-17.00; 17.00-17.30; 17.30-18.00; 18.00-18.30) e su prenotazione: francesca.cagianelli@gmail.com
Visite per piccoli gruppi su prenotazione: francesca.cagianelli@gmail.com

  

  

 

  

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie