Livorno in musica ieri e oggi: Beppe Cardile e i Samurai

  • Pubblicato: Sabato, 09 Aprile 2016 07:21
  • Scritto da Massimo Volpi

D - La chitarra... la tua compagna... quando l'hai incontrata?
R - Ho incontrato la chitarra su una nave per Lipari. Avevo 10 anni e mi sono innamorato del suono. La suonava un ragazzo napoletano che adorava i Campanino, un gruppo di allora, e lui cantava benissimo. Poi un barbiere di Lipari mi ha fatto conoscere quella elettrica, una piastra di metallo sotto le corde di una chitarra classica: primitiva ma funzionale. Da allora non l'ho più lasciata.

 

Beppe Cardile e i Samurai

D - Tutto iniziò con I Samurai, gruppo importantissimo nel panorama musicale livornese e non solo... ma prima ci furono i 5 Diavoli...


R - I 5 Diavoli erano degli incoscienti, copiavamo tutti i grandi del rock di allora. E suonavamo discretamente. Il passo successivo furono i Samurai, cominciammo a fare arrangiamenti nostri e ottenemmo subito un grande successo locale. Poi ci chiamò Oliviero, il boss dei locali di allora, e ci fece suonare a Roma, al Capriccio e ai Ronchi, in Versilia. Da lì arrivammo a Cortina, al Sestrière e in una moltitudine di altri locali in posti molto belli. Ma che mazzo, ci facevamo...
D - Quali sono i tuoi ricordi del panorama musicale livornese di quegli anni? C'è qualche musicista livornese che ricordi particolarmente?
R - Il panorama livornese era scarso, a quei tempi, anche se c'erano molti tentativi: Maurizio Pracchia, i Jolly Pearls, Roberto Pacciardi con il suo Pat Boone e altri. Piero Giorgetti era con Carosone, strimpellava il basso ma cantava bene. Solo dopo arrivarono i più bravi e originali, Piero Ciampi fra tutti, che conobbi nel '65. Noi eravamo chiusi in casa di Giangi Debolini e provavamo dalla mattina alla sera, saltando spesso la scuola. Non uscivamo se non per tornare ognuno a casa propria. Giangi ospitava due musicisti americani di grande livello, George Joyner e Buster Smith, che ci insegnarono molto, soprattutto la perseveranza sugli strumenti. La loro frase era: If you don't study (o come cavolo si dice in inglese) you don't play...
D - E dopo l'esperienza Samurai la grande chance della partecipazione al Festival di Sanremo.
R - Mi staccai dai Samurai perché mi volle come solista Tony De Vita, che ci ascoltò al Boschetto di Varazze. Incisi con l'Italdisc e intanto lavoravo in un locale a Milano, dalle sette di sera alle otto di mattina, non stop, per tutti i nottambuli milanesi di allora. Conobbi tutti, in quel locale: Teocoli, Endrigo, Paoli, Tenco e tanti altri. Ma era faticosissimo. Mi ascoltarono i dirigenti della Durium e mi proposero un buon contratto. Da lì, Sanremo '65, con "L'amore è partito", una mia canzone che piacque molto al patron Gianni Ravera. Con altri colleghi fummo subito esclusi dalla finale (Lauzi, Zanicchi, Timi Yuro ecc.), ma ci restò l'esperienza. Poi un bel giorno mi chiamò la Patria e partii militare, scuola Allievi Ufficiali di Caserta: due anni di sottotenente a sorvegliare i confini friulani, non ti dico la pacchia... Un freddo cane. Ma Palmanova era deliziosa.
D - Poi esperienze con Valter Chiari, Iva Zanicchi, Tony Renis...
R - Nel '73 mi chiamò Walter Chiari, che conoscevo, mi fece formare un'orchestra di 9 elementi con 3 fiati e 3 belle e brave ragazze, e partimmo per una tournée teatrale che girò tutta l'Italia, da Torino a Palermo. Un'esperienza unica, Walter mi insegnò tutto quello che non sapevo, i tempi di scena, come stare sul palco, i generi musicali che piacevano e quelli che non piacevano al pubblico, e così via. Un grande maestro. E bravi Iva Zanicchi e Tony Renis, allora cantautore di successo, oggi grande impresario internazionale.
D - Ho saputo che scrivi anche romanzi polizieschi...
R - Scrivo romanzi di sapore paranormale e poliziesco. 10 gialli sono ambientati a Lipari e altri 10 ovunque, Milano, Firenze, Tunisia, ecc. Ogni estate vendo moltissimo ai turisti le imprese del mio Maresciallo Aragona, dei carabinieri di Lipari. Senza falsa modestia, apprezzano molto le descrizioni intriganti e il mio modo di scrivere. E poi mia moglie Maria, giornalista, se non dà l'assenso, un mio libro non va in stampa: deve leggerlo e revisionarlo lei. Quando mi da l'ok, allora procedo...
D - Oggi vivi tra la Sicilia e Milano... rimpianti?
R - Nessun rimpianto: a Milano, in Liguria e a Lipari ho inventato 20 locali di ogni genere per far divertire la gente con novità assolute. Il mio cabaret era sensazionale: Giobbe Covatta, Aldo Giovanni e Giacomo, Zuzzurro e Gaspare, Ceccherini, il mago Forest e Gianluca Guidi (figlio di Johnny Dorelli). Milano mi ha dato moltissimo, ma anch'io ho ricambiato alla grande. Lipari è un paradiso unico, vulcanico, pieno di gente strana, e viverci è il coronamento di un sogno. Dividermi fra queste città, una enorme e l'altra piccolissima, è davvero sensazionale. Il motto qui è: mollo tutto e vivo a Lipari, scritto perfino sulle t-shirt.
D - Suoni ancora o hai attaccato chitarra e voce al fatidico chiodo?
R - Compongo musiche di ogni genere, con i miei programmi che ho su 2 computer. Scrivo perfino musiche attualissime per discoteca, che sono in classifica in California e a Ibiza. Naturalmente sotto falso nome... La chitarra la suono poco, ma solo in privato. Non si può più, a una certa età: e io ho un'età certa. Quando mi chiedono quanti anni ho, rispondo che non ne ho quasi più...
D – Un’ultima domanda...vuoi salutare qualcuno attraverso il nostro giornale nella tua Livorno?
R - Sono stato a Livorno ai primi di marzo, per incontrare i cari vecchi Samurai e Duccio Arrighi, mio caro compagno d'infanzia. Perciò ho salutato tutti, e soprattutto la mia cara Livorno, che amo da morire. Non dimenticherò mai gli anni al Liceo Niccolini Guerrazzi, il 5 e 5 e le salite di Montenero e del Castellaccio, che facevo in bicicletta una volta al mese con la lingua di fuori.

 

  

  

 

  

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie