Livorno in musica ieri e oggi: Rolando Cappanera

  • Pubblicato: Sabato, 24 Ottobre 2015 08:30
  • Scritto da Massimo Volpi

D - Il tuo strumento è la batteria: è lei che ha scelto te o viceversa?
R - Difficile dirlo, per me è stata una scelta istintiva, diciamo che ci siamo scelti.

 

D - Cappanera, musicalmente parlando, è un cognome importante. Questo tuo essere figlio d'arte ti ha condizionato?
R - All'inizio no. Crescere in una famiglia di musicisti ha sicuramente aiutato il mio percorso, vivere a stretto contatto con strumenti, negozi musicali, prove e concerti hanno fatto sì che la mia passione per la musica rimanesse sempre viva...

Nel periodo più recente invece, dopo la scomparsa del mio babbo e di Fabio, ho dovuto dimostrare molto, soprattutto perché quello fatto dai Cappanera senior aveva lasciato il segno. Spesso ho dovuto dare più di quello che avrei dovuto solo per guadagnarmi il rispetto per il cognome che portavo.

D - Quando ero piccolo io, purtroppo molti anni fa, i batteristi assemblavano i pezzi con i fustini del detersivo, magari usando la pelle che i loro padri usavano per asciugare l'auto. Oggi è un pò (per fortuna) diverso.
R - Quando ho iniziato io, avevo solo 4/5 anni quindi ancora eravamo agli inizi degli anni ottanta, anch'io mi arrangiavo con fustini del dixan, pentole ed un posacenere anni 80, quelli fatti a piedistallo... lo usavo come charleston. Oggi mi trovo ad insegnare a giovani batteristi che magari non hanno la possibilità di avere una batteria (anche se elettronica) e quindi li indottrino su come anche con poco si può suonare in casa. Ovvio che per fare il salto di qualità una batteria prima o poi è d'obbligo.

D - Suonare la batteria è faticoso, Un batterista durante un concerto perde molti liquidi. Ti prepari in maniera particolare o lasci che tutto accada?
R - Mi piace tenermi in allenamento soprattutto perchè tra i batteristi sono uno che picchia e si muove più del normale, quindi vado a correre anche tre volte a settimana e se ho tempo seguo dei corsi di ginnastica pugilistica. Non sono un fumatore, ho sempre avuto molto fiato e mi piace tenermi quindi in allenamento soprattutto adesso che sono vicino ai 40 e voglio continuare a suonare nello stesso modo nel quale facevo da ventenne. Ho sempre detto che se un giorno non riuscirò più a suonare con la forza e l'energia che ho ancora oggi, smetterò.
Ne ho visti tanti non essere più gli stessi e diventare la versione stanca di quelli che erano una volta... Ian Paice uno degli ultimi. Piuttosto è meglio trovare una nuova via per esprimersi anche con la batteria e magari non salirei sul palco per un concerto della Strana Officina.

D - La tua carriera si intreccia con quella di altri due grandi musicisti livornesi: Simone e Roberto Luti. Vi siete incontrati giovanissimi, direi bambini e non vi siete più lasciati.
R - Siamo come fratelli, abbiamo proprio lo stesso rapporto di tre fratelli veri. Siamo stati battezzati alla musica da Johnny Salani, Fabio e Roberto Cappanera nella sala prove della Strana Officina nel lontano 1989. Adesso sono passati 26 anni! Sembra ieri. Riusciamo a suonare con la stessa voglia di 26 anni fa, capendoci con uno sguardo e delle volte capendoci anche senza sguardi semplicemente in modo istintivo capiamo quando uno di noi tre sta per andare da qualche parte (durante un'improvvisazione in sala prove o su un palco).

D - Parliamo del vostro ultimo lavoro come TRES, ci anticipi qualcosa?
R - È un disco molto profondo. Questo è quello che mi viene da dire. Perchè in generale non ci sono brani diretti. C'è bisogno di dedicarsi all'ascolto senza fretta. Ascoltarlo come se fosse una colonna sonora di qualcosa che l'ascoltatore è intento a fare... magari in viaggio, in cucina, producendo arte, a correre sul mare. Se ti aspetti di metterti davanti allo stereo e capire tutto subito non è il disco che fa per te. I brani iniziano e poi non sai dove ti porteranno. Abbiamo registrato come si usava fare fino agli anni 90. In modo analogico... non solo con attrezzature analogiche, ma anche lavorando in modo analogico quindi più umano e sensazionale invece che schiavi della tecnologia. Abbiamo arrangiato molte canzoni in studio e quando eravamo soddisfatti le registravamo anche dopo 10 ore che eravamo dietro ai nostri strumenti. È tutto molto bello anche se sappiamo che la musica ormai non si vive più in questo modo. Se una canzone dopo 30 sec non ti ha detto niente si passa avanti. Non c'è più il tempo di aprire un giradischi pulire la puntina regolare l'equalizzatore, mettersi sul divano e godersi della buona musica. Solo chi ha provato queste sensazioni una volta, sa cosa vuol dire.

D - Quale è stata la più grande soddisfazione nel corso della tua carriera?
R - Ce ne sono state tante. Un giorno ero in aereo da solo di ritorno da Londra (credo), c'era un tramonto in lontananza e mi rivedevo bambino quando immaginavo di diventare un musicista e suonare su grandi palchi davanti a tanta gente. La soddisfazione è essere riuscito a far diventare quel sogno realtà, soprattutto esserci riuscito malgrado la perdita di una persona, il mio babbo, che avrebbe reso sicuramente tutto più semplice, tutto più a misura di adolescente, lasciandomi provare e sbagliare, ma sarebbe stato un supporto enorme visto che avremmo condiviso la stessa passione. Dopo mille difficoltà comunque ero su un aereo di ritorno da qualche concerto, o session in studio o videoclip. Con un nome che sono riuscito a portare in alto e con una storia da raccontare. Nella musica noi sai mai dove potrai andare, credi di aver raggiunto il massimo di quello che potevi con i mezzi e le possibilità che ti si sono presentate, ma poi arriva una telefonata o incontri qualcuno e da lì inizia qualcosa di nuovo. Quindi la più grande soddisfazione magari ancora dovrà arrivare.

D - Charlie Watts dei Rolling Stones ha detto che il culo che conosce meglio è quello di Mick Jagger perchè sono 50 anni che se lo trova davanti sul palco. Quale è il tuo culo?
R - Io consoco bene quello di mia moglie che tra l'altro è un gran bel vedere... ahah. Per il resto ho l'imbarazzo della scelta tra il Bud (Strana Officina) 110 kg di Heavy Metal, Bob (Tres) con quei pantaloni col cavallo basso, Andrea Appino con un fisico da ragazza e dei pantaloni elasticizzati... e poi tutti gli altri che hanno avuto il piacere di avermi alle loro spalle. Perchè è vero che il batterista è sempre dietro... ma il detto "ti copro le spalle" presuppone il fatto che una persona di cui hai fiducia e con la capacità di "coprirti" stia dietro e non davanti. Ha una visuale migliore su tutto ciò che accade e può intervenire su tutti quando vuole per riportare le cose al suo posto.

D - I batteristi che hanno influenzato il tuo stile e il tuo preferito in assoluto.
R - Vabbè il mio preferito è John Bonham... l'unico ed il solo! Il primo batterista Rock della storia, colui che ha infranto il muro dei rudimenti Jazz e della batteria Jazz influenced. Bonham è andato oltre dove non c'è tecnica, impostazione, impugnatura, rulli o altre minchiate a far da padrone, ma ci sei te, la batteria ed una canzone da arrangiare, tanto sudore e bacchette truciolate. Ho sempre preferito i batteristi che suonavano in band che mi piacevano, o di cui mi piaceva la musica. Bill Ward /Black Sabbath, Chad Smith/Red Hot Chili Peppers, Brad Wilk/Rage Against The Machine e poi... Randy Castillo e Tommy Aldrige/Ozzy Osbourne... non dimenticando Mitch Mitchell/J.Hendrix...

D - Se tu non fossi diventato un batterista che lavoro ti sarebbe piaciuto fare?
R -
Secondo me uno nella vita dovrebbe capire la cosa per cui è portato. La cosa che gli viene meglio in assoluto, per la quale è un "predestinato", per me è stata la batteria, se non ci fosse stata quella chi lo sà forse avrei potuto dare del filo da torcere a Valentino Rossi!
La mia mamma, mi ricorda sempre, che da piccolo dicevo che da grande avrei voluto fare il "casalingo", vista la mia passione per la cucina forse mi immaginavo Chef, la seconda che dicevo era fare l'archeologo ed ho pure provato iscrivendomi a Geologia, ma la musica mi aveva ormai catturato e tutto il resto era in secondo piano.
Quindi Chef/Ristoratore o Archeologo... forse la seconda.

  

  

 

  

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie