Livorno in musica ieri e oggi: intervista al chitarrista Giacomo Vespignani

  • Pubblicato: Sabato, 29 Settembre 2018 11:41
  • Scritto da Massimo Volpi

D: Giacomo Vespignani, chitarrista, da sempre immagino.
R: Più o meno ho iniziato a 16 anni con compagni di scuola che mi hanno coinvolto a un corso di chitarra ai Salesiani, ma già da bambino ero interessato alla musica in generale, un pò a tutti gli strumenti.
D: Sei un personaggio molto conosciuto in città nell'ambiente musicale, in pratica non c'è una jam dove non sei presente... buon segno, no?
R: Non esageriamo, le prime jam che ho frequentato erano a Pistoia negli anni 90 e solitamente erano gestite da veri professionisti, talvolta incontravi musicisti davvero bravi, ma il buon segno è che mi piace condividere le mie esperienze e imparare dagli altri; purtroppo gli studi classici a Livorno sono un po’ chiusi in fatto di espressività, per divertirti e crescere devi confrontarti con altri.
D: Fai parte da moltissimi anni della Mimmo Mollica Band dove fusione ed improvvisazione la fanno da padrona: qual è il segreto di tanta longevità?
R: Il segreto credo che sia la passione per il blues; ho trovato persone “giuste”, con Mimmo e Sabina Dal Canto in particolare, ma anche con Mario Ginesi e Nicola Venturini e tutti quelli che talvolta ne hanno preso parte come Pepe, Salani, Espinosa, Luti. Quando suoniamo siamo una sola cosa, ci sono stati dei momenti di ipnotismo totale, alla fine del concerto rimaneva una fatica che colmava vuoti e riempiva il cuore, dal 2006 ad oggi credo di non aver mai avuto contrasti o discussioni e ci divertiamo sempre.
D: Giacomo Vespignani e il blues, un amore senza limiti...
R: Dal 88 al 96 sono stato folgorato da artisti veramente straordinari come Luther Allison, BB King, Son Seals, Buddy Guy, Steve Ray e molti altri ai quali devo la mia crescita e passione ma anche Jimy Hendrix ha solcato un segno profondo nel mio uso della chitarra.
D: Progetti futuri, concerti magari in città?
R: Con Mimmo a breve ci sarà un cd live e ci impegneremo per i festival blues futuri, per il resto cerco sempre di limitare i live in posti dove il blues piace: a Livorno vi sono molti locali ma pochi conoscono e apprezzano il vero Blues. Sto in oltre collaborando con Donatella Pellegrini, amo molto il Blues cantato da una voce femminile, con lei ci siamo subito trovati ed entusiasmati a vicenda.
D: Conosci l'ambiente musicale cittadino benissimo, hai accompagnato moltissimi musicisti “indigeni” e non, come vedi la realtà musicale livornese, cosa manca per far sì che tutti questi talenti siano apprezzati maggiormente?
R: Manca collaborazione, dialogo e cultura principalmente; Livorno è una città che si accontenta ma adesso ci stiamo rendendo conto che il business dell’intrattenimento ci sopraffà e purtroppo molti musicisti di talento che suonano come unico lavoro si vedono costretti al meccanismo dei soldi ma ho fiducia “the blues never die”.
D: Quali sono le tue fonti di ispirazione, i tuoi mostri sacri da sempre?
R: Mah,ci sono delle mie icone nella storia della musica, un pò in tutti i generi, nel blues l’ispirazione più forte credo sia data da Muddy Waters, Robert Johnson, Freddy BB e Albert “King”.
D: C'è un detto che dice “Chi non ama il blues non ama la musica”; senza essere così drastico penso che un fondo di verità ci sia in questa affermazione. Chi ascolta la musica del diavolo ne rimane rapito e affascinato, penso per un musicista sia come un demone che si impossessa del tuo corpo...
R: Qui si potrebbe scrivere un libro, il Blues nasce dalla sofferenza, dalla voglia di esprimere emozioni, ma con il tempo ho capito che tutto è musica e qui l’Africa ne fa da padrona, il caso ha voluto che lo spostamento di africani come schiavi nel nuovo mondo generasse un’infinita quantità di generi mescolandosi con le tecniche e gli strumenti dell’uomo bianco. L’affermazione che il blues sia la musica del diavolo credo parta dalla leggenda di Robert Johnson, anche io sono andato al crocicchio in Mississippi ma per fortuna il diavolo non si è presentato.
D: Hai molta esperienza, molti concerti alle spalle... se ti volti indietro quale treno vedi ancora partire senza che tu sia salito sopra?
R: Non rinnego nulla di quello che ho fatto, un tempo volevo farne professione ed ho conosciuto anche bravi musicisti che mi avrebbero aiutato ma oggi sono contento di poter e voler suonare cosa e quando voglio, non ho mai aspirato al successo e per questo devo molto a Mimmo.
D: Chi è oggi Giacomo Vespignani?
R: Oggi sono uno che suona e che lavora con la passione della musica, amo la pace, la natura, le cose semplici e vorrei che il mondo fosse migliore; mi piacerebbe poter insegnare e sensibilizzare le nuove generazioni a quello che il Blues esprime, che ci lega, che ci rende unici: la magia del Blues riempie gli spazi vuoti dell’essere.

 

  

  

 

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie