Livorno in musica ieri e oggi, intervista al batterista Leandro Partenza

  • Pubblicato: Sabato, 06 Ottobre 2018 11:46
  • Scritto da Massimo Volpi

D: Leandro Partenza, batterista... ti immagino già da piccolo innamorato del rullante per la gioia dei tuoi vicini...
R: Il mio primo regalo di Natale fu quello di mia zia di Firenze, una batteria giocattolo che mi durò circa un mesetto, per poi essere distrutta dai miei primi colpi, poi più che per la gioia dei vicini, per la gioia dei miei nonni, ho continuato su secchi e ferri per lavorare la lana, andati anche quelli distrutti nel giro di poco.
D: Ti ho conosciuto come one-man-band alias Led Green, suono potente, tanta elettronica...
R: Avevo voglia di fare qualcosa al di fuori di un contesto che mi vedeva come batterista e dunque parte integrante di un progetto, dunque visto che ho il ritmo nel sangue mi sono buttato di testa su questo progetto Electro Rock e devo dire che ha avuto le sue belle soddisfazioni e che vede all'attivo due cd “My Dreams” e l'ultimo che ho fatto “God Is An Alien”.
D: Prima hai militato in molti gruppi... Sharada, Titty Twister, The Buddha Pests, La Quarta Via... penso in ognuno hai lasciato una parte di te.
R: Quando suoni lasci sempre qualcosa di te come musicista, se poi incidi uno o più dischi allora il segno è ovviamente ancora più indelebile. Ad esclusione degli Sharada, ho lasciato il segno con moltre altre bands oltre che a Tittytwisters, The Buddha Pests e La Quarta Via.
D: Al tuo attivo una decina di lavori, alcuni video... una bella soddisfazione.
R: Sì, direi che ho un bel bagaglio d'esperienza di tutto rispetto, con lavori belli come quelli che ho fatto con La Quarta Via, con i Tittytwisters e anche con i The Buddha Pests. Tutte situazioni che mi hanno aiutato a crescere musicalmente anche perchè i generi musicali erano tutti di diverso tipo, dunque ho potuto appurare che ero in grado di suonare una buona parte di musica.
D: Poi nel 2010 saluti Livorno e ti trasferisci a Londra dove collezioni oltre 100 concerti in due anni... mica poco.
R: Una bella esperienza con i The Buddha Pests, dove ho affinato la mia tecnica Punk, cento concerti tra Londra dove era di istanza la band, Budapest città Natale del chitarrista e poi Italia dove sono riuscito ad organizzare un paio di date. Insomma mi sono davvero divertito.
D: Nello stesso momento apri una tua etichetta discografica la Ghost Label Records, (esistente anche in Italia con il nome di Lady Music Record). Perchè questa esigenza?
R: Perché quando hai la musica dentro, non puoi niente contro l'invecchiamento, e dunque o sei famoso e riesci a morire sul palco mentre suoni (come è successo a Lucio Dalla) oppure fai qualcosa per rimanere sempre e comunque nell'ambiente riuscendo anche a mettere a disposizione delle nuove generazioni la tua esperienza come musicista in generale ed ecco che ho voluto aprire un'etichetta discografica attiva dal 2002.
D: Il compito di una buona etichetta discografica è dare spazio a giovani emergenti inutile negarlo. C'è qualche gruppo che ha particolarmente colpito?
R: In genere scelgo gruppi che riescono a trasmettermi con la loro musica vibrazioni positive, non accetto mai bands perchè mi dispiace o per la semplice frase “meglio di niente”, dunque tutte le bands che ho avuto e che sono attualmente nel mio roster mi sono piaciute e mi hanno colpito, chi con un progetto chi con un altro.
D: Sei partito da una città di provincia come Livorno e sei arrivato nella città dei sogni per un musicista ma non solo... “Se sei stanco di Londra sei stanco della vita” diceva il poeta Samuel Johnson... vista anche la tua esperienza lavorativa penso tu sia d'accordo...
R: Sì, ho deciso di mollare tutto e andare a Londra dove la cultura musicale è di gran lunga migliore che in Italia, e dove mi sono tolto delle belle soddisfazioni, poi per motivi familiari sono dovuto rientrare, mi dispiace, ma non me ne pento. Io però non sono stanco della vita semplicemente guardo avanti e cerco di regalare ancora qualcosa alla musica.
D: Progetti futuri come musicista e come produttore?
R: Come musicista sono attualmente alla ricerca di una band, perchè sono comunque ancora giovane per appendere le bacchette al chiodo e come produttore, continuerò a promuovere bands indipendenti fino a quando il cervello me lo potrà permettere.
D: È da molti anni che sei nel mondo della musica, hai avuto molte esperienze e molte soddisfazioni in questo ambito ma... c'è un treno sul quale non sei salito e ancora oggi ti penti?
R: Non aver finito gli studi come batterista e di occasioni ne ho avute tante e magari con un po' più di costanza e di conoscenza dello strumento avrei calcato qualche palco in più e magari di prestigio.
D: Chi è oggi Leandro Partenza?
R: Quello di sempre, una persona umile che mette a disposizione il proprio sapere e la propria esperienza nel campo della musica a chi me lo chiede. Una persona un po' più invecchiata, padre di una bella bimba, e felicemente sposato. Continuerò a suonare finchè avrò forza nelle mani e nelle gambe e magari fare anche un terzo disco come solista, per il mio lavoro è IL MUSICISTA.

  

  

 

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie