Livorno in musica ieri e oggi: intervista al cantante Filippo Sassano

  • Pubblicato: Sabato, 10 Agosto 2019 11:53
  • Scritto da Massimo Volpi

D: Filippo Sassano, cantante... come hai scoperto questa tua “vocazione”?
R: Ho sempre cantato sin da bambino, non perché volessi cantare, ma semplicemente perché per me era naturale farlo. Addirittura cantavo anche durante i pasti, con la bocca piena! Non vengo da una famiglia di artisti, cantanti o musicisti, quindi nessuno mi ha mai influenzato. Si può veramente dire che ci sono nato. Ho scoperto che il canto potesse diventare una vocazione solo dopo il mio primo provino per entrare nel coro delle Voci Bianche del Goldoni. Fino a quel momento non avevo mai cantato per qualcuno. Quando ho realizzato questa cosa non piaceva solo ame, ma anche agli altri, allora mi sono detto “bellissimo, voglio rifarlo!”
D: Fai parte del gruppo Five Live... cinque vocalist dalle voci particolari, che si integrano a vicenda in modo sorprendente... come nasce questo “ensemble”?
R: Nasce dalla passione di cinque ragazzi per il Musical. Infatti i nostri percorsi si sono incrociati all’interno del Teatro Goldoni dove abbiamo seguito per diversi anni un corso di formazione finalizzato a questo genere teatrale. Da lì abbiamo sviluppato un affiatamento non solo musicale ma anche personale che ci ha portato alla nascita di questo quintetto.
D: La vostra particolarità è quella di proporre musica a 360 gradi, generi di ogni tipo ma... qual è il tuo genere preferito?
R: Tutte le volte che mi viene posta questa domanda trovo sempre una certa difficoltà a rispondere. Non riesco proprio ad avere un genere preferito. Ci sono dei generi che ascolto più volentieri, come il soul, il funky, il rock, il jazz, ma se date un’occhiata alle mie playlist c’è un mescolio di generi da far girare la testa.
D: Nel 2011 partecipate con lo spettacolo “Niente da dire. A parte la guerra”, al Festival Melodrama presso Jelcz-Laskowice in Polonia e ricevono molti riconoscimenti e vari ingaggi. Dal 2011 al 2015 portate in scena diversi spettacoli presso il Teatro Goldoni, sotto la direzione artistica di Paola Martelli e Niki Mazziotta. Nell'estate del 2015 intraprendete una nuova esperienza con “Music-All”, uno spettacolo musicale che ha intrattenuto molti locali del litorale toscano. A novembre del 2015 collaborate con i “Roots United”, gruppo musicale vincitore della “Miglior Cover Premio Ciampi 2015”, con la canzone “Hai lasciato a casa il tuo sorriso”. A febbraio 2016 è la volta di Love Therapy, incontro di auto aiuto per innamorati anonimi, spettacolo ideato, diretto e interpretato interamente dai Five Live. Nel 2016 partecipate al concorso internazionale Tour Music Fest classificandovi secondi nella categoria gruppi vocali. Nel 2017 collaborate con il Teatro Goldoni di Livorno curando gli arrangiamenti musicali e vocali di due produzioni R-Existence e Iliade Opera rock, spettacoli che vi hanno visti impegnati anche come cantanti ed attori. Il musical R-Existence è stato replicato più volte: all'interno della manifestazione Effetto Venezia (Livorno) e per il teatro ragazzi presso la Goldonetta (Teatro Goldoni Livorno). Mica male come percorso… soddisfatto?
R: Soddisfatto certo, anche perché ognuna di queste esperienze è un tassello che va a comporre la persona che sono adesso. D’altronde un artista è fatto di questo, di emozioni, di percorsi, di bagagli, di esperienze e di vissuto. Se non hai nulla da raccontare, nulla da esprimere, nulla da far vedere come puoi far nascere qualcosa. I fiori non crescono in vasi senza terra.
D: Vi siete cimentati anche in varie forme teatrali, dei veri e propri attori possiamo dire... musica e teatro... binomio vincente...
R: Il teatro e la musica, così come la danza, sono discipline che vanno sempre a braccetto. Il musical infatti è una delle forme d’arte che più mi soddisfa e che per la quale ho una vera e propria passione. C’è un vecchio detto nel mondo del Musical che riassume perfettamente questo concetto: “If you can’t say it, you sing it, and if you can’t sing it, you dance it”.
D: Progetti futuri?
R: Sicuramente portare avanti il progetto Five Live con nuovi brani e concerti, ma mi piacerebbe dedicarmi anche ad una produzione teatrale. Vediamo un po’ cosa ci riserva il futuro, qualcosa da far bollire in pentola sicuramente ci sarà. Anche perché l’arte è una droga, è difficile smettere!
D: Filippo quali sono le tue fonti di ispirazione, i tuoi cantanti di riferimento?
R: Questa è come la domanda del genere preferito. Chi più ne ha più ne metta, potrei fare un elenco di pagine e pagine. Se vuoi fare il cantate devi avere più riferimenti possibili. Ascolti Ray Charles e trovi inspirazione per una cosa, poi senti Freddie Mercury e dici bella questa cosa che fa con la voce, ci voglio provare anch’io. Qui potrei fare un falsetto come faceva Prince o essere dolce come Elton Jhon quando canta Your Song. Insomma tutti posso inspiratati sta a te capire in che modo.
D: Livorno e gli spazi per la musica e le possibilità di esibizione: sono sufficienti o trovate difficoltà a proporre il vostro progetto? Cosa si potrebbe e dovrebbe fare di più?
R: Se questa domanda mi fosse stata fatta qualche anno fa sarei stato molto duro nei confronti della mia città, ma negli ultimi anni vedo un trend diverso, gli spazi stanno piano piano venendo fuori e Livorno sta rispondendo alla crescente voglia di cultura. Il percorso è ancora lungo e c’è tanto lavoro da fare soprattutto nell’istruire le persone. Livorno ha tutte le carte in regola per essere un punto di riferimento per l’arte e la cultura, ce lo ha dimostrato spesso, ma dobbiamo rimboccarci le maniche e ricordaci che l’arte non dura solo 5 giorni l’anno.
D: Tutti noi abbiamo un rimorso, un grosso rimpianto... musicalmente parlando... raccontaci il tuo...
R: Come si è capito non faccio solo musica, ma anche teatro e il mio rimpianto riguarda più che altro questo ambito. Per tanti anni ho lavorato insieme a Lindsay Kemp come attore ballerino. Sono stati degli anni bellissimi, soprattutto di grande formazione. Nella vita tante cose cambiano e purtroppo negli ultimi anni della sua vita ci siamo persi di vista. Mi sarebbe davvero piaciuto fare un ultimo spettacolo insieme.
D: Chi è oggi Filippo Sassano?
R: Richiedimelo tra 10 anni…

 

  

 

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie