Livorno in musica ieri e oggi: intervista alla cantante Teresa Rotondo

  • Pubblicato: Sabato, 14 Dicembre 2019 14:40
  • Scritto da Massimo Volpi

D: Teresa Rotondo, cantante da sempre...
R: Sì, canto da che ho memoria. Quando avevo 3 anni, mi ha raccontato mia mamma, che ha dovuto nascondere la cassetta di Whitney Houston perché non volevo sentire altro che quella quando salivo in macchina! Poi a 14 anni ho cominciato ad andare a lezione di canto per gioco, fino a quando non ho realizzato che era quello che volevo fare “da grande”.
D: Hai una voce calda e profonda che si adatta perfettamente ad ogni genere musicale... hai fatto studi particolari o è tutto merito di madre natura?
R: Certo devo dire che la natura è stata buona con me, come tutte le cose però vanno studiate, approfondite, educate e così ho fatto negli anni, quando la consapevolezza di quello che volevo fare con la musica è arrivata, ho iniziato a studiare e proprio quest'anno mi sono diplomata al Trinity Collage University of Bedfordshire in Inghilterra come performer. Quello che sono oggi lo devo anche ai maestri che ho incontrato nella mia vita, soprattutto quelli che mi hanno accompagnato in questo ultimo percorso.
D: Ultimamente sei la vocal di AMY Inconsapevole Diva, band che rinnova il ricordo di Amy Winehouse... come nasce questo gruppo e il tuo amore per Amy?
R: Il mio amore per Amy nasce dal momento che l'ho scoperta ed è stato un amore al primo ascolto! Era una fase importante della mia vita dove ho fatto tante scelte e lei è stata la mia colonna sonora, mi ha colpito in particolare la schiettezza e la sincerità di come Amy canta e racconta le sue canzoni, che sono vita vissuta: è un modo di essere che a me si avvicina molto. Il progetto, invece, nasce da un’idea mia e di Moreno Vivaldi, amico, artista livornese con cui ho collaborato in diverse occasioni, ma questo spettacolo è quello che ci ha unito di più umanamente e artisticamente. È partito tutto quasi per gioco e ci siamo ritrovati su grandi palchi, dal progetto acustico fino ad essere oggi in otto sul palco! È stata una evoluzione in corsa che abbiamo curato come un figlio. Si sono aggiunte quindi diverse figure professionali come Emanuele Gamba, il regista che ha curato tutto nel minimo dettaglio e poi Alessia Cespuglio, che ha scritto la parte recitata, (sì, perchè signori e signore con grande coraggio mi sono cimentata nel recitare un monologo!), Raffaele Commone, che si è occupato della grafica e Pietro Contorno, importante nel coordinare il tutto. Ma senza il resto della band tutto questo non sarebbe stato possibile e qui che ve li presento: Moreno Vivaldi alla batteria, Samuele Pirone al basso, Alex Bimbi alle tastiere che ha anche curato la parte musicale, Giovanni Giustiniano alla chitarra, Stefano Contesini alla tromba, Francesco Palazzolo al sax e Armando Polito ai cori. Insieme abbiamo fatto un bel lavoro di squadra anche grazie ai tecnici che ci hanno supportato (e sopportato) Lorenzo Sola, Nicholas Giovannoni, Simone Rotondo e Andrea Moretti. Questo progetto è un omaggio a Amy Winehouse e io l'ho inteso fin dall'inizio come tale, cioè fare le sue canzoni a modo nostro. Quindi non mi vedrete imitare in nessun modo l'artista perchè come lei c'è solo lei! È semplicemente un modo per ringraziarla per quello che ci ha lasciato artisticamente, davvero col cuore.
D: E prima di questo in quali gruppi hai militato e quali musicisti ti hanno accompagnato?
R: Ho avuto il piacere di collaborare con molti musicisti livornesi e non in diversi progetti. Attualmente ho attivo un duo chitarra e voce con Alessandro Sebastiani, chitarrista lucchese, dove proponiamo pezzi pop, soul e jazz in chiave acustica, anche un quintetto che segue lo stesso genere di musica arrangiata con tastiera basso batteria, chitarra sax e voce. In passato ho avuto il piacere di collaborare allo spettacolo natalizio di Giorgio Panariello che ci ha visto cantare insieme il suo pezzo di Natale, invece ultimamente sono stata corista di Nic Cester, cantante dei Jet, esperienza unica.
D: Da giovanissima hai avuto il grande privilegio di cantare al Cavern di Liverpool, tempio della musica dove hanno iniziato i Beatles, con i Semolina Pilchard... che ti è rimasto di quella esperienza?
R: Sì, avevo 19 anni all'epoca... ricordo di essermi divertita un sacco per la “Beatles week”, Liverpool diventa magica un'esperienza che rifarei. È stata la mia prima trasferta da musicista all'estero, musicista in erba un po’ incosciente! Oggi mi rendo conto meglio di quello che ho vissuto in quella occasione.
D: Teresa quali sono le tue cantanti di riferimento, quelle che ti affascinano e sempre ti hanno affascinato?
R: Bè, il mio primo amore è stata Whitney Houston da quando ero molto piccola e nello stesso periodo anche Celine Dion, Mariah Carey e Giorgia poi crescendo si sono aggiunti cantanti come Beyonce, Stivie Wonder, Etta James, Carmen McRae, Billie Holiday. E ovviamente Amy Winehouse.
D: Progetti futuri, qualche concerto magari in città, dove è possibile a breve ascoltarti?
R: La prossima data è a Milano il 24 gennaio al teatro dal Verme con il progetto "Amy Inconsapevole diva", e poi varie date in Toscana anche con il quintetto e col duo, per restare aggiornati e vi fa piacere potete seguire la mia pagina Facebook e Instagram.
D: Hai cantato a Livorno e in Italia, hai portato la tua voce anche all'estero, il tuo essere donna, in un mondo prettamente maschile, salvo meravigliose e stupende eccezioni, ti ha mai ostacolato o avvantaggiato?
R: No, sinceramente non mi ha mai ostacolato per fortuna, spero che nel 2020 certi concetti siano superati anche se è vero che a volte non è così. Sono stata anche all'estero come New York al festival della musica italiana, a Riga e in Ucraina e non è successo.
D: Ognuno di noi ha un rimpianto che non lo fa dormire la notte... musicalmente parlando, quale è il tuo più grosso rimpianto, la tua occasione che non hai sfruttato che avrebbe potuto cambiare la tua carriera?
R: Nessuno. Mi sono sempre comportata onestamente nei confronti di quelli che sono i miei principi nella musica ed ho sempre agito coerentemente a quello che pensavo.
D: Chi è oggi Teresa Rotondo?
R: Oggi Teresa è una musicista, una cantante, un'insegnante di canto. Anche se può sembrare banale sono quello che volevo essere tanto tempo fa: una cantante, vivere di musica. Ho lottato tanto per arrivarci, tanti sacrifici ma alla fine ci sono riuscita, questo grazie anche alle persone che ho incontrato e che mi stanno vicino. La strada è ancora tanta ma sono felice di percorrerla.

Amy inconsapevole Diva

  

 

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie