Livorno in musica ieri e oggi: intervista al cantautore Fabio Fantozzi

  • Pubblicato: Sabato, 18 Aprile 2020 11:09
  • Scritto da Massimo Volpi

D: Fabio Fantozzi, chitarrista cantautore, come e quando hai scoperto questa “vocazione”?
R: Nell’adolescenza con gli amici, quando si trascorrevano intere giornate di ozio al mare o in qualche parco pubblico, io ero quello che si portava dietro la chitarra e suonavo e la prestavo. Ero e lo sono forse meno, un pò timido. Difficilmente mi prestavo a soddisfare le richieste degli amici anche se poi cedevo magari al canto di gruppo: “Fammi quella canzone, fammi quell’altra…”. Preferivo sonorizzare a modo mio il momento ozioso. Poi quando mi trovavo da solo con la chitarra… è lì che nascevano le prime cose poi sviluppate, non prima di ascoltare però Neil Young, e di aver acquistato la mia prima armonica e porta armonica.
D: Sei conosciuto come Tozzifan, un modo simpatico per “storpiare” il tuo cognome, sei un onemanband, sul palco da solo...
R: Il nome mi venne suggerito durante le interviste di “Tutti sul Palco” organizzato dal The Cage Club di Livorno. Fa riferimento al personaggio fantozziano kamikaze inventato da Paolo Villaggio: lui come tutti i kamikaze precipitava sul bersaglio nemico conoscendo già il proprio amaro destino. Io come OneManBand faccio lo stesso cercando sempre di colpire il bersaglio, ossia per me il pubblico.
D: Mai fatto parte di una band?
R: Certo. Ho iniziato suonando il basso in una band con alla chitarra Luca Pezzini (ex Tasters), voce Luca Gambardella, batteria Daniele Paoletti prima (ora noto jazzista) e Andrea Ungheretti (ex No Radical Change) dopo. Facevamo l’intero repertorio dei Nirvana e anche pezzi di nostra composizione, naturalmente ispirati a quel sound. E sempre col basso ho fatto parte di altre formazioni per lo più di genere melodia-punk. Invece con la chitarra ho suonato con gli Humanoira, tuttora attivi: con Riccardo Vivaldi chitarra e voce, Davide Variale basso e sinth, Marco Palazzolo batteria.
D: Il tuo possiamo definirlo un cantautorato folk-rock, ottimi testi su una musica semplice e accattivante… soddisfatto di quello che sei riuscito a fare sinora?
R: Sono soddisfatto di quello che ho fatto finora… però ho ancora tanto da migliorare, tecnicamente e artisticamente. I brani da me composti sino ad ora sono frutto delle mie emozioni e legate al mio vissuto. Ogni volta che risuono qualcosa di mio mi piace anche ora, dopo parecchi anni che è stato scritto riesco sempre a ritrovarci la carica emotiva che mi ha spinto a realizzarlo.
D: Progetti futuri? Un cd? Magari qualche concerto dopo che questo maledetto virus ci renderà la nostra vita?
R: Sto lavorando a dei pezzi nuovi con i quali sto sperimentando parti elettroniche sempre mantenendo la forma onemanband. La mia ricerca attuale, infatti è volta a far convivere il mood del cantautore con le nuove sonorità sperimentali che animano la scena underground attuale. Superato questo momento di emergenza, che limita il live degli artisti, spero in un futuro a breve di poter tornare on the road con le mie nuove produzioni.
D: E del tuo impegno come roadie degli Appaloosa che mi dici?
R: Sono stato fortunato ad avere avuto questa opportunità di crescita. Mi sono formato musicalmente ed anche umanamente durante questo periodo, passato a stretto contatto con amici oltre che musicisti quali Marco Zaninello e Niccolò Mazzantini, e poi Diego Ponte, Enrico Pistoia, Simone Di Maggio, Dyami La Cha Young, Luciano Turella, Michele Ceccherini, Luca Leone. Ho visto un numero di band infinito suonare in ogni tipo di situazione, e situazioni improbabili diventare luoghi di concerto dove i musicisti non si risparmiavano mai dal trasmettere tutta l’energia possibile. Abbiamo condiviso le giornate e i luoghi, con chi per quel giorno era il promoter o soltanto un amico che avesse un po’ di tempo da perdere ed un domicilio da condividere per promuovere e sostenere la passione per la musica. Un’esperienza, imperdibile per chi vuol far musica secondo me, che mi ha forgiato e mi ha dato un bagaglio tecnico artistico inestimabile. C’è chi lo fa con la scuola, con l’ Erasmus io l’ ho fatto al seguito di una band dal profilo punk.
D: Hai girato tutta l'Europa, moltissimi palchi, eppure penso che una realtà musicale capillare come c'è a Livorno abbia ben pochi riscontri; come mai allora difficilmente si riesce ad andare oltre i confini dei Macelli e Piazza Roma? Che ne pensi in proposito?
R: Come prima cosa c’è bisogno del desiderio da parte di una band di superare i confini. A questa voglia magari scaturita a sua volta dalla voglia ancora più forte, di voler dire qualcosa che magari in casa propria non viene capita, segue l’atto di prendere ed andare, organizzarsi, magari non prima di essersi un minimo preparati in sala prova, di esser felici di aver registrato “in studio” qualche brano, di aver trovato qualche contatto “oltreconfine” dagli amici degli amici più grandi… e aver controllato i livelli dei liquidi del furgone. Ora a differenza di qualche anno fa quando non esisteva internet, è anche più facile.
D: Fabio quali sono i tuoi punti di riferimento, musicalmente parlando?
R: Sono stati tantissimi: Sonic Youth, Nirvana, Melvins, Neil Young… devo un po’ aggiornarmi.
D: Rimorsi e rimpianti accompagnano la vita di ognuno di noi, quale il tuo cruccio più grosso?
R: Ho sempre desiderato pubblicare un disco che rispondesse appieno al mio concetto di far musica, il tempo vola ma nonostante qualche precedente pubblicazione, non demordo e sto lavorando su nuove idee in questa direzione. Tour, ed etichette, quando c’è l’idea non tarderanno a venire.
D: Chi è oggi Fabio Fantozzi alias Tozzifan?
R: Ho un po’ di ritrosia a definirmi un cantautore, forse per il grande rispetto per chi lo fa e lo ha fatto in maniera efficace fino ad ora, unendo musica e poesia. Mi piace pensarmi come un “manipolatore” di emozioni attraverso la mia musica, nel tentativo da “piccolo” kamikaze di colpire e “affondare” il fruitore dei miei pezzi.

 

  

  

 

  

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie