Livorno in musica ieri e oggi: intervista al batterista Matteo Paganelli

  • Pubblicato: Sabato, 21 Novembre 2020 10:49
  • Scritto da Massimo Volpi

D: Matteo Paganelli, batterista... immagino che hai iniziato a suonare giovanissimo per la grande gioia dei tuoi vicini di pianerottolo...
R: Ciao Massimo, in realtà non ho iniziato così presto a suonare la batteria. Era già il periodo dell’università ed è stato un regalo della mia ragazza Silvia e dei miei amici. Molto probabilmente si erano stancati del fatto che suonassi i ritmi delle canzoni sulla loro schiena.
D: Attualmente fai parte di ben due gruppi: i Chromosomes e i New Real Disaster... raccontaci.
R: Coi New Real Disaster e coi Chromosomes sono anni che ci conosciamo e posso dire di essere entrato in questi gruppi da fan. Suono nei New Real Disaster dal 2012, ma li conoscevo personalmente da prima, andando spesso a Lucca e non solo a vederli suonare. Siamo grandi amici e può sembrare una banale retorica, nel punk rock è fondamentale esserlo. Coi NRD ho registrato un Ep nel 2015 e ora stiamo aspettando l’uscita del nostro nuovo album (il mio primo full length coi NRD) in vinile: chiusura di un cerchio per un grandissimo appassionato di 45 e 33 giri come me. Coi NRD siamo riusciti a suonare in contesti molto appaganti come il Tributo italiano a Joe Strummer a Bologna oppure al Revolution Rock di Magenta, ma credimi che ogni singola data mi ha insegnato moltissimo e continuerà a farlo. Coi Chromosomes invece ci suono dal 2014 e, se all’inizio mi faceva un po’ strano suonare in una band che ascoltavo da anni (chi è di Livorno o provincia e ascolta punk rock dai Chromosomes ci deve passare per forza di cose), piano piano le cose si sono normalizzate anche grazie alla bella amicizia (già preesistente a dire la verità) che si è instaurata con Massi e Luca (e Mimmo). Coi Chromox ho avuto la fortuna di superare per la prima volta i confini italiani e fare un po' di date all’estero con amici veri come i Teenage Gluesniffers e i Livermores, e di salire sul palco del Punk Rock Raduno di Bergamo, vero punto di arrivo per un punk rocker. Permettimi di dire che tutto questo non sarebbe mai accaduto se non avessi suonato nel mio primissimo gruppo, i Naked Bellies, che mi ha introdotto nel mondo della musica live e col quale mi sono, ci siamo, tolto grandi soddisfazioni come suonare alla Skaletta di La Spezia.

 

I Chromosomes

 

D: Il punk ha avuto un suo spazio ben definito sul finire degli anni '70, un suo modo di esprimersi e dialogare... pensi che sia attuale ancora oggi quel messaggio o ha avuto una sua naturale evoluzione?
R: Io sono un grandissimo appassionato di punk rock e di tutto ciò che gira intorno ad esso, mi piace guardare documentari e leggere libri, quasi con un approccio da studente e, avendo appunto letto molto sugli esordi del punk sia in UK sia in USA, posso dire che il messaggio è cambiato nella misura in cui è cambiato il contesto socio-politico in cui esso si installa. I Clash in Inghilterra e i Ramones in USA (ma potrei dire Sex Pistols, Damned, Talking Heads, Dead Boys ecc. ecc.) sono nati grazie a circostanze che difficilmente possono ripetersi ai giorni nostri, quantomeno non con lo stesso impatto e con la stessa forza. Anche il punk rock entra in quel calderone di generi musicali per i quali è fondamentale contestualizzare e, contestualizzando, possiamo dire che il modo di esprimersi e di dialogare nel punk dagli anni degli esordi a oggi ha subito un inevitabile e bel processo di evoluzione.
D: Tanto per rimanere in tema sei anche il curatore di una rivista web che si chiama Punkadeka Web Magazine...
R: Esatto, dal 2013 ho la fortuna di scrivere sulla più importante e longeva webzine a tema punk (senza dimenticare la compianta Troublezine). Entrai in contatto con Punkadeka durante un Rock in Idrho del 2006 e da lì ho cominciato a “frequentare” lo storico forum e a documentarmi su uscite, video, concerti ecc. Mi piace molto scrivere per un sito che tratta il mio mondo, sia perché riesco a rimanere sempre aggiornato su tutto ciò che gira intorno al punk rock, sia perché mi fa piacere che molte persone, grazie ai nostri articoli, ai nostri live report e alle nostre recensioni, riescano ad avvicinarsi e consolidare il loro rapporto col punk, un po’ come facevo io nei primi anni del 2000. Corsi e ricorsi storici.
D: Invece i tuoi mostri sacri, i batteristi che magari imitavi davanti allo specchio?
R: Uno dei miei grandi limiti è quello di essere talmente un amante del punk rock che ascolto solo ed esclusivamente questo genere (e derivati: ska, ska core, ska punk e hardcore), quindi ti nomino tre mostri sacri della mia formazione come batterista: Trè Cool dei Green Day, Topper Headon dei Clash e Tommy Ramone. Tre batteristi differenti tra di loro ma, a loro modo, determinanti per generazioni e generazioni di musicisti o semplici ascoltatori.
D: Progetti futuri con le due band, magari altri cd in uscita o quando tutta questa follia del virus sarà terminata qualche concerto magari in città?
R: Coi New Real Disaster, come detto in precedenza, stiamo aspettando l’uscita del nostro nuovo album, prevista presumibilmente per febbraio del 2021 e della quale si occuperà Striped Music di Pulce e di Andrea Caredda, leader di un’altra band molto importante per me, ovvero quei Manges coi quali ho avuto il piacere immenso di poter condividere serate sia sotto che sopra al palco come band di apertura: ti lascio intuire la soddisfazione e il piacere che provo per questa cosa. Registrato tra Roma e Lucca a cavallo tra giugno e ottobre, siamo molto soddisfatti e non vediamo l’ora di suonare i nuovi pezzi su un palco. Coi Chromosomes abbiamo in ballo la scrittura di nuovi pezzi, anzi in realtà li abbiamo un po' di nuovi pezzi che ci piacerebbe stampare in un 45 giri, appena questa maledetta pandemia ce lo consentirà. In linea generale, come penso tutti i ragazzi che suonano in una qualsiasi band, la voglia primaria è quella di tornare al fondo a fare le prove, sarà una bellissima liberazione quel giorno.
D: Livorno e la musica... città musicale per eccellenza con centinaia e centinaia di gruppi che hanno preso vita dagli anni 50 ad oggi... eppure... manca ancora qualcosa per emergere... colpa del nostro carattere oppure?
R: Io vengo dalla provincia, ma posso considerarmi un livornese di città acquisito e l’idea che mi sono fatto in tutti questi anni di frequentazioni labroniche è che Livorno, nel punk rock ma penso che il discorso possa essere ampliato a più generi musicali, ha un grandissimo potenziale. Se penso a Biffers, One Night Stand, 7Years e Urban Vietcong, cito band punk diverse tra di loro, ma tutte non valide, di più. Dipende cosa intendiamo per emergere: se il verbo emergere lo intendiamo come arrivare (al successo? Alla ribalta di tv e giornali?) allora tanto vale il non emergere e stare in quell’underground che a noi piace moltissimo. Poi è chiaro che fa piacere se un ragazzo di Napoli piuttosto che di Milano compra il tuo disco e si fa i chilometri per venirti a veder suonare, ma questo esula dall’emergere, questo significa che vivi bene la tua passione e che il tuo “lavoro” è ben fatto.
D: Una domanda che faccio a tutti i batteristi: Charlie Watts dei Rolling Stones ha detto che il suo culo di riferimento è quello di Mick Jagger perché da oltre 50 anni se lo vede dimenare davanti alla batteria sul palco... qual è il tuo culo di riferimento?
R: Purtroppo non ho avuto il piacere di vederli suonare, quindi non ho mai visto né il culo né tutto il resto di loro, ma Joe Strummer e Joey Ramone sono sicuramente i miei punti di riferimento se si parla di punk rock. Le loro canzoni mi hanno svegliato, mi hanno aiutato in momenti poco belli e tuttora continuano a farlo. E poi ci sono Billie Joe, Mike Ness, Mike McColgan, Greg Attonito, Milo Aukerman, Tim Armstrong... Troppi culi tra cui scegliere, quindi vado sul sicuro e dico i cantanti di Clash e Ramones.
D: Tutti noi ci mordiamo le dita per non essere saliti su quel treno che ci stava perfino aspettando... dove andava il tuo, musicalmente parlando?
R: Essendo l’unico treno che mi è passato davanti, quasi per caso, posso dirti senza vergogna o paura di risultare retorico che, grazie all’aiuto e alla pazienza di fidanzata, amici e famiglia, sono riuscito a salire su quello che è il solo convoglio che avrei sperato mi passasse davanti: quello del punk, con tutto ciò che gira intorno ad esso, sia in termini musicali che in termini di amicizia. Su quei vagoni ho conosciuto moltissime persone che ora definisco amici, alcune purtroppo non ci sono più, ma non passa giorno in cui non sia grato di essermi fatto trovare alla stazione nel momento giusto.
D: Chi è oggi Matteo Paganelli?
R: Matteo Paganelli oggi è una persona che ha una gran voglia di tornare a suonare con quelli che, grazie alla musica, sono diventati i suoi migliori amici.

 

I New Real Disaster

  

  

 

  

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie