Livorno in musica ieri e oggi: intervista al tastierista Simone Di Maggio

  • Pubblicato: Sabato, 23 Gennaio 2021 11:37
  • Scritto da Massimo Volpi

D: Simone Di Maggio, tastierista, anche se un po’ riduttivo...
R: Potrebbe sembrare, ma non è così. Ho cominciato con le corde, poi PC ed annessi, controller MIDI… Se ti riferisci alla tastiera del computer, quella tanta anche ora.
D: A memoria mi sembra di ricordare che il tuo primo gruppo fossero gli Almayer...
R: Che memoria! È stata la mia prima band importante alla quale lego un periodo fantastico della mia vita: le prime registrazioni e la compilation 15 Italian Dishes – la curai io dando vita a Raving Records, insieme ad Alessandro Baris dei Comfort. Il picco degli Almayer fu il tour con i The Lapse di Chris Leo: una settimana incredibile e l’inizio di un’amicizia.
D: Poi nel 2003 il gran salto negli Appaloosa, band storica livornese... raccontaci.
R: La loro sala prove era accanto alla nostra e ci conoscevamo. A fine anni ’90 davanti al Mercato Centrale, sottoterra, c’erano i fondi delle migliori band del periodo. Io ero in fissa per la musica elettronica già da un po’ e avevo comprato il mio primo Mac portatile, cominciando a fare le mie prime cose: i ragazzi mi chiesero di fare qualche pezzo con loro e accettai. Cominciai a fare qualche concerto (la quinta o sesta data fu sul palco grande di Arezzo Wave prima dei Cypress Hill!) e cercai di partecipare sempre di più alla realizzazione dei brani, finché non entrai a far parte del gruppo in pianta stabile. Potrei dire che l’ufficialità arrivo con la pubblicazione di “Non posso stare senza di te” (Urtovox, 2005).
D: Nel 2005 intraprendeste anche un piccolo tour in Spagna, nei Paesi Baschi... una bella soddisfazione... luogo penso non scelto a caso.
R: Avevamo amici sia a Bilbao che a Madrid che ci proposero di suonare lì. Fu un’esperienza favolosa e la prima volta che abbiamo annusato una realtà diversa da quella nazionale. Il locale di Bilbao era un centro culturale e praticamente non chiudeva mai, dalla colazione alla discoteca. E mi innamorai di Madrid.
D: CD (Savana, The worst of Saturday night), tour in Germania, Francia, Svizzera oltre naturalmente all'Italia,
Livorno compreso... be’, non male...
R: Sì, una bella avventura. Abbiamo mangiato tanti chilometri e incontrato centinaia di persone, in occasioni importanti o al limite della decenza; abbiamo condiviso trionfi e sconfitte: ho imparato molto andando in giro con gli Appaloosa e in certi momenti ho provato un senso di libertà che mi fa ancora sentire un privilegiato… Non è mai stata una questione di fama, tantomeno di guadagno: era magia.
D: Nel 2014 lasci la band... che successe?
R: Era il momento di farlo. I ragazzi avevano bisogno di girare sempre di più per vivere di musica (fermarsi sarebbe stato un disastro), ma il mio lavoro non me lo permetteva: li avrei ostacolati. Così decisi di lasciare, ma volevo farlo con la coscienza a posto. Prima registrai ‘The Worst of Saturday Night’, disco del quale vado ancora fiero e che rappresenta un cambio radicale per gli Appaloosa. Poi feci una ventina di concerti di promozione al disco e infine passai la palla a Dyami, consegnando le mie parti musicali e pure il mio controller. I ragazzi si incazzarono un bel po’ all’inizio, ma poi capirono e sono riusciti a raggiungere altri traguardi. Per me furono due anni di stress psicologico pesantissimo che mi son sempre tenuto per me, ma credo di aver fatto la scelta migliore per tutti e ci vogliamo anche più bene di prima: gli Appaloosa sono una famiglia.
D: Una carriera solista fino al recente Dimaggiobaseballteam... tutto ok?
R: In realtà Dimaggiobaseballteam nasce nel 2003 come progetto solista di musica elettronica e songwriting, ma nel tempo è diventata la “firma” di tutta la mia produzione creativa, a prescindere dal formato utilizzato (audio, video, scritto, disegnato e quant’ altro capiti). Di certo non sono stato costante: gli Appaloosa, la vita da insegnante precario – finita, per fortuna – e quella privata bastavano e avanzavano a riempire le giornate. Però, in proporzione, ho avuto le mie soddisfazioni dilatate in quasi 20 anni e sicuramente è la versione che meglio mi racconta.

D: Recentemente ti sei esibito per streaming al Goldoni, passata la tempesta Covid quale progetto, altri concerti, altre esperienze in gruppo?
R: Diciamo che il Covid è stato l’input per capire quanto sia doveroso curare il proprio lato espressivo, un’ancora di salvezza irrinunciabile oramai. Così ho deciso che è arrivato il momento di uscire allo scoperto e pubblicare il mio materiale prima di diventare la leggenda di me stesso. l'8 Dicembre 2020 ho pubblicato “From 0 to 2”, un EP di tre brani strumentali che documentano e fissano questi anni passati a stretto contatto con i miei due figli: ci saranno almeno altre 2 uscite su questa linea nei mesi prossimi. Sto anche lavorando da un po’ a un disco di canzoni a cui tengo molto: al Goldoni ho suonato ‘Hunger’, ma c’è una versione electro pubblicata sulla Compilation WeLoveLivorno 2020: risale al 2015 ed è stata prodotta insieme a Simone Lalli (Autobam). Infine sto collaborando con l’associazione 8mm1/2 che restaura e digitalizza pellicole – siamo coinquilini in un coworking che si chiama Spazio, un’oasi creativa in città. Per ora mi fermo qui.
D: Simone, quali sono i tuoi mostri sacri, i musicisti che adoravi fin da bambino?
R: Se si parla di venerazione, indubbiamente i Fugazi: la loro energia non ha pari, così come il loro essere autentici, umili e profondamente umani. Conservo ancora gelosamente una cartolina di risposta scritta a macchina da Ian MacKaye in persona – l’ho anche intervistato 2 volte per GruMuLi, la fanzine che facevo a Livorno per documentare la scena cittadina di fine ’90. Per il resto, ci provo: The Smiths, Pavement, June of 44, Brian Eno, Robert Wyatt, Boards of Canada, Bob Dylan, Teebs, Dj Shadow, Arcade Fire… Ho passato più ore dentro a Wide Records che a lezione a Pisa.
D: Tutti noi ci "mangiamo ancora le mani" per non essere saliti su quel treno che aspettava solo noi... invece... dove andava il tuo?
R: Bologna o Siena, per studiare Scienze della Comunicazione, cominciare una vita da studente fuori sede e poi andare all’estero. Un’altra coincidenza persa andava a Londra con gli Appaloosa e un’altra ancora in uno studio di registrazione qualsiasi a fare un disco con Almayer - credo ancora che ce lo saremmo meritato. Faccio del mio meglio per non avere rimpianti… e come diceva il mio prof di filosofia, “con i SE e con i MA non si fa la storia”.
D: Chi è oggi Simone Di Maggio?
R: Un insegnante di Inglese e un genitore felice che, specialmente di questi tempi, crede sia doveroso perdersi nei sogni per opporsi alla pesantezza della realtà ed espandere la propria prospettiva. Di questo si occupa il coach di Dimaggiobaseballteam, tenendo a freno la schizofrenia.

  

  

 

 

  

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie