Sport

Rugby: i livornesi in campo, ecco le partite della settimana

  • Pubblicato: Martedì, 12 Marzo 2019 19:11
  • Scritto da Fabio Giorgi

LIVORNO RUGBY (B)
LIVORNO RUGBY – RENO BOLOGNA 34-17
LIVORNO RUGBY: Canepa; Righetti, Pellegrini, Ianda, Cristiglio (12' st Scapaticci); Gesi, Zannoni; Basha (10' st Bitossi), Gragnani Giorgio (cap.), Bottari; Gragnani Giacomo (1' st Piras), Scrocco; Bufalini, Sforzi, Ciapparelli. A disp.: Pardini, Chirici, Rattalino, Menicucci. All.: Zaccagna.
RENO BOLOGNA: Gargan; Savini, Ruggeri, Savoia, D'Anastasio (35' st Calia); Kharytonyk, Furetti; Vagheggini (25' st Cremonesi), Carisi, Domenichini (31' st Zanasi); Dall'Omo (21' st Baldoni), Babbini; Plicchi (1' st Vito), Corsini, Murgulet (31' st Petrillo). A disp.: Petrillo, Govoni. All.: Ogier.
ARBITRO: Acciari di Perugia.
MARCATORI: nel pt (8-5) 11' cp Gesi, 22' m. Vagheggini, 40' m. Bottari; nel st 15' m. Piras tr. Gesi, 19' m. Ruggeri, 24' m. e tr. Gesi, 36' m. Bufalini tr. Gesi, 39' m. Bufalini, 42' m. Zanesi tr. Kharytonyk
NOTE: espulsioni temporanee per Bufalini (16' pt) e per Scapaticci (17' st). In classifica 5 punti per il Livorno (che ha vinto e si è assicurato il bonus-attacco; cinque mete all'attivo) e 0 per il Reno (che ha perso con un margine superiore alle sette lunghezze; tre mete all'attivo).
LIVORNO. Le grandi squadre - si suol dire - sono quelle che vincono, anche senza convincere. Le grandi squadre sono quelle che, anche in giornata storta e anche quando commettono evitabili errori, sono abili nell'andare alla cassa per riscuotere l'intera posta in palio. Il Livorno Rugby, senza incantare, ha ottenuto la sua settima vittoria casalinga consecutiva. Possiamo considerare allora una grande squadra, questa giovane compagine formata in prevalenza da giovani e giovavissimi? Contro il Reno Bologna - penultimo in graduatoria e seriamente a rischio retrocessione - i biancoverdi hanno ottenuto affermazione e bonus. Altri 5 punti che consentono di consolidare la quarta piazza. In questo 15° turno (4° di ritorno) della serie B, girone 2, vittorie e bonus-attacco anche per le prime tre in graduatoria. Questo il quadro completo di questa giornata (tra parentesi i punti validi per la classifica): Civitavecchia – Vasari Arezzo 116-0 (5-0), Reno Bologna – Livorno 34-17 (5-0), Parma'31 – Modena 21-19 (4-1), Romagna – Amatori Parma 47-7 (5-0), Florentia – Rieti 27-5 (5-0), Jesi – CUS Siena 20-7 (4-0). La classifica: Florentia 67 p.; Romagna e Civitavecchia* 65; Livorno 52; Parma'31** 43; Modena 41; Amatori Parma 33; Jesi 30; CUS Siena** 20; Rieti* 15; Reno Bologna 10; Vasari Arezzo*** -7. *Civitavecchia e Rieti scontano 4 punti di penalizzazione; **Parma'31 e CUS Siena 1 partita in meno; ***Vasari sconta 8 punti di penalizzazione. La prima verrà promossa in A, le ultime due saranno retrocesse in C1. I biancoverdi, forse inconsciamente, hanno sottovalutato l'impegno con i felsinei. Soprattutto nel primo tempo, i labronici sono parsi ben poco concreti. Sono i locali ad aprire le marcature (3-0 all'11', con un piazzato dell'apertura Gesi). Espulsione temporanea al 16' per il pilone dei labronici Bufalini. Gli emiliani, in superiorità numerica, trovano, con il terza linea Vagheggini, la meta del sorpasso: 3-5 al 22'. Livorno, anche quando rientra Bufalini, fa fatica. Solo al 40', con il flanker Bottari (di forza, su classica azione di mischia), i biancoverdi rimettono (peraltro in modo definitivo) il muso avanti: 8-5 all'intervallo. In avvio di ripresa, escono per infortunio l'ala Cristiglio ed il terza centro Basha. Al 15', sempre su iniziativa del pacchetto, seconda meta dei livornesi: a bersaglio il terza linea Piras. Gesi trasforma: 15-5. La vittoria non è ancora in cassaforte: espulsione temporanea per il neo-entrato Scapaticci (17') e meta del Reno (firmata al 19' dal centro Ruggeri). Al giro di boa del secondo tempo, sul 15-10, la situazione è sempre in bilico. Ci pensa allora il solito Gesi (24') a realizzare la meta del pesantissimo allungo. La marcatura in velocità del diciassettenne numero dieci (bravo a 'rompere un placcaggio', dopo un attacco corale tirato su più fasi) consente di mettere al sicuro il successo. Lo stesso Gesi trasforma: 22-10. Poi, al 36', giunge la meta-bonus, siglata di prepotenza, su azione del pacchetto, da Bufalini. Gesi trasforma: 29-10. Al 39' ancora Bufalini schiaccia oltre la fatal linea, per il massimo divario interno: 34-10. A fil di sirena, terza meta della generosa (ma non certo trascendentale) squadra bolognese. Marcatura del terza linea Zanesi. L'apertura Kharytonyk trasforma per il definitivo 34-17. Per Livorno un successo più prezioso che brillante.
LIONS AMARANTO (C1)
LIONS AMARANTO LIVORNO – SPORTING ETRURIA PIOMBINO 28-0 (partita interrotta al termine del primo tempo: Piombino rimasto in 14, per l'infortunio del mediano di apertura Pisano; squadra senza elementi in panchina).
LIONS AMARANTO LIVORNO: Campisi; Gregori, De Libero, Di Mauro, Novi; Rolla, Magni Matteo; Scardino (cap.), Giglioli, Del Moro; Ciandri, Pulaha; Ciapparelli, Giusti, Tichetti. In panchina: Vitali, Sarno, Tamberi, Siviero, Magni Nicola, Rela, Vitali. All.: Giampaolo Brancoli.
SPORTING ETRURIA PIOMBINO: Sanità; Kolaj, Lavista Alberto, Mannucci, Buti; Pisani, Batini; Catta, Puliti, Daddi; Lavista Alessandro, Landi; Dominici, Cilembrini (cap.), Pallotta. All.: Massimo Bezzini.
ARBITRO: Alessandro Torazza di Genova.
MARCATORI: nel pt (28-0) 11' m. Scardino tr. Rolla, 16' m. tecnica mischia Lions, 31' m. Giusti tr. Rolla, 38' m. Di Mauro tr. Rolla.
NOTE: espulsioni temporanee per Dominici (11' pt) e Puliti (18' pt). In classifica 5 punti per i Lions e 0 per il Piombino. Poichè i Lions conducevano con un margine superiore al 20-0 (il punteggio canonico per una vittoria a tavolino) verrà omologato il risultato di 28-0 (4 mete a 0) registratosi al momento dell'interruzione.
STAGNO. Il 'derby della costa' dura solo un tempo e si tinge di amaranto. La scatenata capolista Lions Livorno coglie in casa, sul campo 'Priami' di Stagno', contro lo Sporting Etruria Piombino, la decima vittoria in altrettante partite di campionato, ottiene (per l'ottava volta dall'inizio del torneo) anche il bonus-attacco ed avvicina ancor più la certezza dell'accesso alla poule promozione. Per difendere la prima piazza (e dunque passare agli spareggi per il salto in B, in programma contro l'Olbia il 28 aprile e il 5 maggio) basterà, nel prossimo turno, il 24 aprile, al 'Castellani' contro i locali dell'Amatori Cecina, anche solo un punto. In tal caso, si chiuderanno, matematicamente, i conti prima dell'ultima fatica della regular season, in agenda il 7 aprile a Stagno (quando ospite di Scardino e compagni sarà l'Elba, secondo, ma con all'attivo una partita in più rispetto ai Leoni). Questi gli altri risultati della 12° (e terz'ultima) giornata di serie C1, girone F, poule 1 (tra parentesi i punti validi in classifica): CUS Pisa – Elba 32-39 (2-5); US Firenze – Cavalieri Prato/Sesto cadetti 17-10 (4-1). La nuova classifica (Elba e CUS Pisa, che devono ancora osservare il loro turno di riposo, figurano con una partita in più): Lions Amaranto Livorno 48 p.; Elba 43; Cecina e Cavalieri cadetti 23; Piombino e CUS Pisa 17; US Firenze 15. I Lions hanno pienamente confermato le proprie importanti doti. In gran forma tutti i settori e tutti i reparti. Dopo i primissimi minuti di studio, i locali prendono saldamente in mano le redini del gioco. Nei raggruppamenti ordinati, la spinta degli amaranto è poderosa. In una mischia a cinque, i falli ripetuti della difesa ospite inducono l'arbitro a estrarre il cartellino giallo per il pilone piombinese Dominici (11'). In superiorità numerica, gli avanti amaranto hanno gioco facile: nella quarta mischia a cinque consecutiva, meta di forza, dopo un carretto dei compagni di reparto, del terza centro e capitano dei Leoni, Scardino. L'apertura Rolla trasforma: 7-0 al 18'. Al 16' mischia a cinque sotto i pali dello Sporting Etruria. Ancora spinta irresistibile dei locali e ancora fallo dello Sporting, costretto a ricorrere alle maniere spicce per arginare l'avanzata nemica. Inevitabile la meta tecnica e il cartellino giallo anche per il terza linea Puliti: 14-0. Piombino, che si è presentato sul terreno della capolista largamente rimaneggiato, lotta con generosità, ma non riesce a ridurre il margine. Al 31', ecco la terza meta degli amaranto. A bersaglio, di forza, il valido tallonatore Giusti. Rolla trasforma: 21-0 e situazione ben delineata. Al 38' giunge la meta-bonus: a segno l'attivo trequarti centro Di Mauro, abile a strappare di prepotenza il pallone agli avversari e ad involarsi sull'out sinistro. Rolla ancora una volta centra i pali sul calcio di trasformazione: 28-0. Negli ultimi istanti del primo tempo, infortunio alla caviglia per l'apertura dei piombinesi Filippo Pisani. L'atleta stringe i denti, ma, durante l'intervallo, deve alzare bandiera bianca. L'allenatore ospite Bezzini, potendo contare su soli 15 giocatori a referto, non può sostituirlo. Regolamento alla mano, l'arbitro Torazza deve sospendere l'incontro: non si può restare in campo in 14 (l'inferiorità numerica è 'tollerata' solo in caso di cartellini). La sfida finisce così prima dell'inizio della ripresa, sul 28-0. I Lions avrebbero preferito giocare regolarmente gli interi 80 minuti, ma non possono non celebrare altri 5 punti in classifica. Non c'è la controprova, ma tutto lascia supporre che, se la partita fosse proseguita, il margine conclusivo sarebbe stato più ampio. In ogni caso, la marcia dei ragazzi di Giampaolo Brancoli continua senza macchie: è lecito sognare qualcosa di importante.
FULGIDA ETRUSCHI (C2)
La Fulgida Etruschi Livorno paga a caro prezzo le proprie gravi assenze e sul campo della Bellaria Pontedera incassa una sconfitta piuttosto severa. Nella città della Piaggio, la squadra verde-amaranto ha perso 33-5 (5 mete a 1). In classifica 5 punti per la Bellaria, nessuno per gli ospiti. Questa la situazione in graduatoria dopo le prime 3 giornate della poule consolazione della C2 toscana (tra parentesi le partite giocate): Bellaria (3) 14 p.; Gambassi (2) 9; Sieci (3) 6; Fulgida Etruschi Livorno (2) e Colligiana (2) 0. La prima della poule consolazione si aggiudicherà la Coppa Toscana. Per la Fulgida, nella circostanza era ben difficile, viste le defezioni - e visto il valore della giovane e frizzante compagine pontederese, andata in crescendo nel corso della stagione, e non a caso finora sempre vittoriosa in questa fase del campionato -, ripetere il successo ottenuto sullo stesso campo nella seconda giornata della prima parte del campionato. Locali in vantaggio 14-0 (2 mete trasformate) all'intervallo. Nella ripresa la Bellaria allunga: già al giro di boa della ripresa bonus-attacco in cassaforte. La Fulgida, dal 60', resta in 14 per l'espulsione (placcaggio alto) del tallonatore Borella. I padroni di casa, al 70', si spingono sul massimo vantaggio (33-0). Nel finale, i labronici trovano la meta della bandiera. Marcatura siglata dal trequarti centro Franzoni, tra i più attivi nelle fila ospiti. Domenica prossima nuova pausa nel campionato (stop imposto dall'ultimo impegno dell'Italrugby nel 'Sei Nazioni'). Poi nelle ultime due domeniche di marzo, la Fulgida giocherà due gare consecutive tra le mura amiche del 'Tamberi'. Il 24, contro il Sieci, ed il 31, contro la Colligiana, è d'obbligo cercare buoni risultati. I 15 giorni di riposo possono servire per recuperare giocatori preziosi, assenti, per motivi vari, a Pontedera. Questo lo schieramento utilizzato dal tecnico Campani sul campo della Bellaria: Amadori; Colombi Alessio, Incrocci, Franzoni, Gaye (30' st Colombi Anthony); Sanacore, Capobianchi; Ruffino, De Robertis, Bonaretti; Macchi, Bartoli (26' st Barba); Trinca (21' st Brozzi), Borella, Ghiozzi.
UNDER 18 LIVORNO (ELITE)
Dieci e lode agli under 18 del Livorno Rugby, che centrano, nel durissimo campionato elite di categoria (raggruppamento del centro Italia) il successo numero dieci. La squadra biancoverde guidata da Gesi, Isozio e Campochiari, nel 16° turno (7° del girone di ritorno) si sono imposti 33-26 sul Parma'31. La gara si è disputata domenica sul sintetico del campo ardenzino 'Maneo'. 5 le mete per i padroni di casa, 4 per gli ospiti. In classifica, dunque, 5 punti (il massimo della posta) per i labronici, 2 (doppio bonus) per i ducali. I biancoverdi consolidano la loro ottima quarta piazza. Questa la situazione a 2 giornate dalla fine: I Medicei Firenze* 72 p.; Amatori Parma* 62; Cavalieri Prato/Sesto* 57; Livorno 51; Modena 35; Romagna e Perugia 31; Valorugby* 24; Parma'31* 18; Florentia* 15. *I Medicei, Amatori Parma, Cavalieri, Valorugby, Parma'31 e Florentia una partita in meno. Al 'Maneo' è andata in scena una sfida piacevole, ricca di segnature, con gli attacchi ispirati e difese talvolta distratte. I livornesi si sono presentati con: Trumpy; Pieroni, Capozzi, Cristiglio, Barsotti; Tomaselli, Zannoni; Andreotti, Freschi, Mattei; Ianniciello, Rotondo; Vellutini, Campanile, Nanni. Entrati anche Ficarra, Mannucci, Pini, D'Angelo e Bagnoli. Sono i parmensi ad aprire le marcature (0-5). I labronici affidano la risposta all'attivo centro Cristiglio, che sigla la prima meta della propria squadra. L'apertura Tomaselli (il top scorer: per lui, complessivamente, 18 punti) trasforma (7-5). Lo stesso numero dieci sigla la meta dell'allungo: 12-5. Terza meta dei padroni di casa firmata dal pilone Nanni. Tomaselli trasforma: 19-5. I parmensi accorciano: 19-12. La seconda meta personale di Cristiglio vale il bonus-attacco. Tomaselli trasforma ancora: 26-12. Altri sette punti di Tomaselli (nuova meta e successiva trasformazione) per il massimo divario interno: 33-12. Nel finale, a risultato acquisito, i livornesi accusano un calo. Ne approfittano gli avversari per siglare le due mete (entrambe trasformate), che consentono di chiudere in ritardo solo di 7 lunghezze (33-26 il risultato) e di strappare il doppio bonus. Il 'dieci e lode', per il Livorno Rugby under 18, non viene comunque intaccato...
UNDER 16 LIVORNO (ELITE)
Altro giro, altro brillante successo, con tanto di bonus aggiuntivo. Anche nella 13° giornata del campionato elite di categoria, girone del centro Italia, il Livorno Rugby under 16 ha dato un saggio delle proprie qualità. I labronici, secondi in graduatoria, hanno battuto i Ghibellini (la squadra sinergica nata grazie alla collaborazione tra le realtà di Siena ed Arezzo) 43-8 (7 mete a 1; 5 a 0 in classifica). Per i livornesi è l'undicesima vittoria stagionale. Questa squadra, composta da atleti nati nel 2003 e 2004, può contare su mezzi notevoli. Il lavoro impostato (e non certo da ieri...) dalla società livornese e teso a produrre giocatori di spessore sta portando frutti concreti. Gli stessi ottimi risultati ottenuti dalla prima squadra, formata da elementi nati e cresciuti nel florido vivaio biancoverde, dimostrano come la cura del settore giovanile sia indispensabile per il presente e per il futuro. I tecnici Ceccherini e Barsacchi, nella sfida giocata sul campo amico 'Maneo', contro i Ghibellini, hanno utilizzato inizialmente (elenco che parte dal pilone e prosegue verso l'estremo) questo schieramento: De Rossi, Nannoni, Schillaci; Gragnani, Nicastro; Tori (v. cap.), Lampugnale, Lavorenti (cap.); Simi, Isozio; Rossi, Nanni, Piram, Cantini; Santuari. Entrati anche: Quaglia, Bradac, Borgi, Casini, Orsini, Bianchi e Vallati. Gara sempre in mano ai padroni di casa. Già al 2' labronici in vantaggio con la meta del centro Piram: 5-0. Al 4' meta dell'ala Cantini, trasformata dall'apertura Isozio: 12-0. Al 13' a bersaglio il pilone Schillaci (che poi deve abbandonare l'incontro per infortunio). Isozio trasforma: 19-0. La meta-bonus porta la firma del neo-entrato Vallati: al 25', sul 24-0, la situazione è delineata e l'intera posta in palio virtualmente in cassaforte. Nella ripresa, i Ghibellini accorciano le distanze con un piazzato (24-3 al 3'). Il terza linea e capitano dei labronici Lavorenti (4') sigla la meta del nuovo allungo. Isozio trasforma: 31-3. I Ghibellini realizzano, al 14', la meta della bandiera (31-8). Nella seconda parte della ripresa, altre due mete dei locali: a segno il tallonatore Nannoni (20') e l'estremo Simi (24'). Isozio arronda con una trasformazione, per il 43-8 conclusivo. La classifica: Parma'31 64 p.; Livorno 54; Cavalieri Prato/Sesto 49; Modena* 35; Colorno e Ghibellini* 29; Lyons 27; Molon Labè 13; US Firenze 11; Amatori Rosignano. *Modena e Ghibellini figurano con una partita in meno. Nel girone elite militano le migliori squadre italiane della categoria.
UNDER 16 GRANDUCATO (REGIONALE)
Terza vittoria in altrettante partite della seconda fase del campionato regionale di categoria, girone 2, per il Granducato Livorno under 16 '1'. In tale raggruppamento (e nel girone '1', nel quale è impegnato il Granducato '2') militano le otto migliori formazioni del campionato toscano, quelle che hanno ottenuto le prime quattro piazze in ciascuno dei due gironi iniziali. Le prime classificate di ciascuno dei due gironi di questa seconda fase parteciperanno poi alla fase interregionale del centro Italia, insieme a due squadre provenienti dall'Emilia Romagna, ad una delle Marche e ad una dell'Umbria. Ai campionati regionali partecipano tutte le formazioni non iscritte al campionato elite. E' ampissima la rosa del Granducato under 16, composto da elementi nati nel 2003 e 2004. Ad inizio stagione, anzichè provare la scalata (tramite i previsti 'barrage') al campionato elite, si è preferito iscrivere due squadre distinte al campionato regionale. Un modo per far crescere realmente tutti gli atleti del roster, guidato dai tecnici Bertolini, Civita, Crivellari e Gaetaniello. Come noto, quella dei 'Granduchi' è la franchigia nata nel 2015 e attiva grazie al lavoro sinergico tra Lions Amaranto Livorno ed Etruschi Livorno. Un progetto aperto anche a realtà non labroniche: significativo l'apporto, proprio nelle rappresentative under 16, di elementi del Bellaria Pontedera. Questa domenica, nel quadro della terza ed ultima giornata del girone di andata dei due raggruppamenti (seconda fase), il Granducato '1' si è imposto 5-48 (1 meta a 8; 0 punti a 5 in classifica) sul terreno del Sieci (nel comune di Pontassieve), mentre il Granducato '2' ha perso 43-7 (7 mete a 1; 5 punti a 0 in classifica) sul terreno 'San Donnino' di Campi Bisenzio, contro i locali del Florentia. La situazione in graduatoria al giro di boa dei due tornei. Girone 1: Florentia 15 p.; Lucca 10; Granducato '2' 1; Ghibellini '2' 0. Girone 2: Granducato '1' 13 p.; Mascalzoni del Canale 11; Cavalieri Prato/Sesto '2' 5; Sieci 1. Ovviamente l'obiettivo dei livornesi, in questa seconda fase della stagione, è quella di chiudere uno dei due gironi al primo posto. Eventualmente, poi, nella fase interregionale, potranno giocare tutti i giocatori della rosa (anche quelli attualmente schierati nel Granducato '2'). Contro il Sieci, questi gli atleti schierati nel Granducato '1': Lentini, Tedeschi, Lunardi, Lo Coco, Meini, Castelli, Ferra, Biagi, Marchi, Chelli, Michelazzi, Uccetta, Capobianchi, Paolini, Madrigali, Cadau, Pacini. Sul campo del Florentia, l'incontro si è chiuso anzitempo, perchè gli ospiti sono rimasti in 14 (giocatore infortunato e nessun elemento in panchina). I giallo-bianco-rossi di scena al 'San Donnino': Sagliano, Polese, Novaro M., Novaro A., Del Pero, Ouhdif, Dalla Valle, Pannocchia, Mazzi, Morelli, Carniel, Brondi G., Bernieri, Sbrana, Vodicer.
UNDER 14 LIVORNO
Doppio derby della provincia. Nella prima giornata della terza fase del campionato regionale di categoria, le due rappresentative del Livorno Rugby under 14 hanno disputato, in contemporanea, sabato pomeriggio, due gare in trasferta (rispettivamente sul campo 'Santa Costanza' di San Vincenzo e sul 'Castellani' di Cecina). Le due formazioni biancoverdi si sono trovate di fronte due compagini che hanno giocato, nella fase centrale della stagione, la fascia '1'. Come noto, la rosa a disposizione dei tecnici Ljubi, Gragnani e Tavella è talmente ampia da consentire, in ogni turno, di presentare due formazioni. Nello specifico, però, date le numerose (e più che giustificate) assenze, 'solo' 28 (in tutto) i giocatori utilizzabili. Il Livorno Rugby '1' (che a giudicare dai risultati merita il titolo di miglior squadra toscana della categoria) si è imposto 0-53 (0 mete a 9) contro il Rufus San Vincenzo. Hanno giocato inizialmente (l'elenco parte dal pilone sinistro e prosegue 'verso' l'estremo; in under 14 si gioca in 13, senza flankers): Guzzo, Giordano, Giammattei; Carbonella, Raffo; Lenzi (cap.); Michelucci, Giunta; Gambini G., Buda, Mannucci, Migli; Brancoli. Entrati anche: Fava e Cioni. Gara in equilibrio nei primi 10 minuti. Poi gli ospiti cominciano a carburare, si esaltano con i loro fitti passaggi, danno un saggio delle proprie indubbie qualità e spiccano il volo. Una buona prova quella fornita dai biancoverdi, che finora, nelle varie partite di campionato, hanno sempre vinto. Nonostante il largo punteggio conclusivo, la squadra sanvincenzina ha lottato fino all'ultimo, impegnando, a livello fisico, i più blasonati antagonisti. Il Livorno '1' è composto in prevalenza da atleti nati nel 2005, al secondo anno tra gli under 14. E' viceversa formata in prevalenza da elementi del 2006, al primo anno in categoria, la squadra del Livorno '2', che, nella parte centrale dell'annata ha disputato la fascia '2'. Contro il Cecina (fascia '1'), i giovanissimi biancoverdi – in campo con soli 13 giocatori – hanno perso 52-5 (8 mete a 1). Il Livorno '2' di scena al 'Castellani': Ferrini, Cannone, Gizzarelli (cap); Giachetti, Perucci; Autorino; Coradeschi, Celi; Barsotti, Bianchi, Bianchini, Casini; Lubrani. I biancoverdi, contro una squadra nettamente più dotata in termini fisici, hanno incontrato difficoltà nel primo tempo. Nella ripresa, sostanziale equilibrio (2 mete per i cecinesi, 1 per gli ospiti). Per il Livorno '2', buone le doti tecniche messe in mostra in diversi frangenti, ma è da perfezionare l'atteggiamento e l'approccio. La gara, giocata contro una squadra più attrezzata, è utilissima per maturare significative esperienze.
UNDER 14 LIONS
Quello giocato domenica mattina a Salviano era il 'derby tra felini' e i Leoni hanno avuto la meglio sui Puma. Nella prima giornata della terza fase del campionato regionale di categoria, i Lions Amaranto Livorno under 14 (formazione di fascia 2) hanno battuto in modo netto i Puma Bisenzio (squadra di fascia 3). Il punteggio conclusivo di 78-0 (12 mete a 0) testimonia l'andamento di una sfida a senso unico, nella quale i padroni di casa hanno confermato le proprie qualità. Un test utile per oliare i meccanismi in vista di impegni più duri. Bonus-attacco in cassaforte già nella parte centrale del primo tempo (chiuso poi sul 38-0). Cinque mete per capitan Bernini (passato nella ripresa dal ruolo di centro a quello di mediano di mischia), tre mete per l'avanti Fappiano ('slittato' nel corso del match dalla seconda alla terza linea), due mete e cinque trasformazioni per il mediano di apertura Giorgi, una meta ed una trasformazione per il trequarti Omar Spagnoli, una meta per il jolly del reparto avanzato Porciello, una trasformazione per il trequarti Pellegrini ed una trasformazione per il mediano-trequarti Bacci. La squadra è cresciuta in modo esponenziale nel corso dell'annata. Prezioso il lavoro 'trainante' dei (pochi) elementi del 2005 ed evidenti i miglioramenti dei (numerosi) atleti del 2006, al primo anno nella categoria. Soddisfatti del livello di gioco raggiunto appaiono i tecnici Mantovani e Conflitto. Contro i Puma, utilizzati inizialmente questi 13 elementi (nel campionato under 14 si gioca senza flankers; l'elenco parte dall'estremo e prosegue verso il pilone sinistro): Contini; Spagnoli O., Pellegrini, Bernini, Zampini; Giorgi, Bacci; Porciello; Quercioli, Fappiano; Vernoia, Fabozzi, Spagnoli D.. Entrati anche: Paoli e Tintori.
UNDER 14 ETRUSCHI
Gli under 14 degli Etruschi Livorno non sono riusciti a travestirsi da.. corsari sul campo 'Corsaro'. Sul terreno di Uzzano (il 'Fabrizio Corsaro' appunto), contro i pari età locali del Valdinievole, nella partita giocata questo sabato e valida per la prima giornata della terza fase del campionato regionale di categoria, la formazione verde-amaranto ha ceduto 12-5. Due mete per i locali (una trasformata) ed una per gli ospiti (a bersaglio Campani). Sfida intensa ed equilibrata, nella quale, come testimonia il punteggio basso, le difese sono riuscite a soffocare le iniziative offensive avversarie. Nel campionato under 14 non viene stilata una vera classifica generale. In ogni caso, ogni singola gara viene omologata, con l'assegnazione del classico punteggio propria del sistema australe. E dunque, a Uzzano, in virtù del passivo inferiore alle otto lunghezze, i labronici si sono assicurati, con il cosiddetto 'bonus-difesa', un punto (quattro punti, invece, per gli antagonisti). Al di là dei numeri, i due allenatori degli Etruschi Francesco Consani e Daniele Campani non nascondono la propria soddisfazione per i progressi effettuati dai loro ragazzi (atleti nati negli anni 2005 e 2006) nell'arco dell'annata. Non senza sforzi organizzativi, la società degli Etruschi è riuscita, nella scorsa estate, ad allestire, dopo alcune stagioni di 'transizione', una propria rappresentativa in questa categoria (l'under 14) particolarmente delicata. Si tratta del naturale anello di congiunzione tra il settore propaganda ed il rugby dei più grandi. Non mancano possibilità di ritagliarsi ruoli importanti nei vari tornei primaverili interregionali, in programma nelle prossime settimane. Particolarmente atteso il '3° Trofeo Cacciucco', l'evento, aperto a varie categorie giovanili, in programma mercoledì primo maggio. Si tratta del torneo organizzato ed ospitato dagli Etruschi Livorno. Nelle prime due edizioni il 'Cacciucco' ha riscosso un grande successo. E siccome non c'è due senza tre... A Uzzano i verde-amaranto si sono presentati con questi 15 atleti: Parziale, D'Apice, Del Secco, Valentini, Giusti, Consani, Zingoni, Campani, Merlo, Tognetti, Sangiorgi, La Terza, Longo, Mainardi, Ceccarini.
UNDER 8 LIONS
Quello ospitato nella mattinata di domenica 10 marzo sul terreno 'Tamberi', quartier generale degli Etruschi, è stato un raggruppamento under 8 'in salsa labronica'. All'evento hanno partecipato tre rappresentative dei Lions Amaranto (una delle tre squadre ha usufruito del prestito di alcuni bambini tesserati delle altre società), due del Livorno Rugby ed una degli Etruschi. Come spesso accade in questo tipo di eventi, si è dato vita ad un simpatico girone all'italiana: le sei formazioni si sono affrontate tutte quante l'un l'altra, in gare lunghe, ciascuna, 8 minuti. Per i Lions '1' un successo, due pareggi e due sconfitte, per i Lions '2' tre pareggi e due sconfitte e per i Lions '3' (la compagine 'mista') due pareggi e tre sconfitte. E' evidente: molto più dei freddi numeri e ben più del dato delle mete messe a segno e di quelle incassate, per tutti quanti l'aspetto saliente, in questa memorabile domenica mattina 'in salsa labronica', è stata relativa al sano divertimento ed alla grande passione per la palla ovale evidenziata da questi impagabili atleti (nati negli anni 2011 e 2012). Il clima di festa ha coinvolto realmente tutti, anche i numerosi adulti presenti a bordo campo. Piccoli rugbisti crescono sani. Gli allenatori-educatori dei leoncini Salvatore Fusco, Marco Dalla Valle, Vincenzo Liguori e Vittorio Abbiuso non nascondono la loro soddisfazione per il livello di gioco raggiunto. Gli atleti amaranto protagonisti al 'Tamberi': Vittorio Ciaravolo, Mattia Ceselli, Alessandro Della Santa, Gioele Carnelosso, Alessandro Botti, Tommaso Bianucci, Valerio Donati, Michele Zampini, Filippo Aldovardi, Andrea Balleri, Francesco Prestinari, Dario Padovani, Nicola Marchesini, Alberto Scardino, Elia Spagnoli, Giorgio Gagliani, Diego Banchetti.
UNDER 8 ETRUSCHI
Bilancio decisamente positivo – e non tanto per il ruolino di 4 vittorie e 1 sconfitta – per gli Etruschi Livorno under 8, nel raggruppamento ospitato domenica mattina sul campo amico 'Tamberi' di via Russo. L'evento ha visto protagoniste solo squadre cittadine: al via, oltre alla rappresentativa verde-amaranto padrona di casa, due squadre del Livorno Rugby, due dei Lions Amaranto ed una 'mista'. Come spesso succede in questo tipo di eventi, riservati a compagini propaganda, si è dato vita ad un girone all'italiana: tutti contro tutti in simpatici confronti lunghi, ciascuno, 8 minuti. In tutto 22 le mete messe a segno dagli Etruschini (9 quelle incassate). Ma la soddisfazione, per gli impagabili allenatori-educatori Fulvio Incrocci, Paolo Ferro e Davide La Rosa, non nasce tanto dalle marcature realizzate o dai freddi numeri. La soddisfazione è relativa all'entusiasmo e alla crescita costante dei 'loro' piccoli-grandi atleti. Il sorriso di questi giocatori vale ben più di mille vittorie e di mille mete. Quella vissuta in questa memorabile domenica mattina è stata una vera e gioiosa 'festa dello sport e dell'amicizia'. Questi i sette atleti verde-amaranto, classe 2011 e 2012, 'profeti in patria', capaci di esaltarsi, a suon di mete, sul rettangolo amico 'Tamberi' di via Russo: Adam Antonini, Elia De Giulli, Matteo Feliciani, Nathan Ferri, Diego Gennari, Tommaso Incrocci e Ryan Romano.
UNDER 8 LIVORNO
E' stato, quello andato in scena domenica mattina sul campo 'Tamberi' di via Russo, un concentramento under 8 'tutto labronico'. Al via due squadre del Livorno Rugby, due dei Lions Amaranto, una degli Etruschi ed una 'mista'. Di alto livello le giocate proposte da tutti i (numerosi) atleti del Livorno Rugby. Estremamente soddisfatti delle risposte giunte appaiono gli allenatori-educatori Andrea Scapaticci e Alessia Fraschetti. Tutti gli elementi dell'ampia rosa stanno crescendo a vista d'occhio. I biancoverdi, al 'Tamberi', si sono presentati con ben 18 atleti. Si tratta di: Giorgio Campora, Ginevra Natale, Guido Chiesa, Giorgio Benetti, Ryan Rosini, Athos Bonucci, Simone Fra, Adele Del Moro, Tito Franceschi, Mattia Battagello, Pietro De Leonibus, Filippo Tani, Tommaso Del Vivo, Ettore Carrara, Federico Napoli, Pietro Marini, Valerio Giorgi, Manuel Mazzotta. Un raggruppamento di qualità, nel quale si sono registrate gare di alto livello, per la categoria. Come spesso succede in questo tipo di eventi, riservati a compagini propaganda, si è dato vita ad un girone all'italiana: tutti contro tutti in simpatici confronti lunghi, ciascuno, 8 minuti. E' stata una vera e gioiosa 'festa dello sport e dell'amicizia'. Sul piano tecnico, buonissime le prove fornite dai biancoverdi. Ma la soddisfazione maggiore, per gli allenatori-educatori e per i tanti adulti presenti a bordo campo è relativa allo spirito e all'impagabile entusiasmo con cui questi atleti (nati negli anni 2011 e 2012) affrontano i loro impegni 'agonistici'. Sono atleti giovanissimi, ma hanno già compreso i valori propri dello sport della palla ovale.
LIVORNO UNDER 6
Quattro le squadre under 6 al via del riuscitissimo raggruppamento disputato nella mattinata di domenica 10 marzo sul campo 'Santa Costanza' di San Vincenzo. Presenti all'evento solo compagini della provincia: oltre ai padroni di casa del Rufus, protagoniste le formazioni baby del Livorno Rugby, degli Etruschi Livorno e dell'Elba. Le squadre hanno dato simpaticamente vita ad un girone all'italiana. Ciascuna compagine ha affrontato le altre tre in gare di 13 minuti l'una. Sei, dunque, in tutto, le partite giocate. Grande grinta in ogni momento dei sei confronti e belle mete messe a segno, dopo brillanti attacchi, tirati in bello stile, a coronamento di meravigliosi passaggi. Ovviamente il dato più importante di questa memorabile domenica mattina è relativo all'entusiasmo di tutti i 'piccoli-grandi' atleti in campo. Fantastici i sorrisi di questi bambini-rugbisti. Il divertimento ha coinvolto tutti quanti (anche i numerosi adulti assiepati a bordo campo) in una collettiva grande festa dello sport. Il tutto lontano dalle tensioni tipiche di partite 'da ultima spiaggia'. Un quadrangolare all'insegna dell'amicizia e della sana passione per la palla ovale. Al raggruppamento di San Vincenzo, sotto la guida degli instancabili allenatori-educatori Daniele Aspromonti e Ilaria Cirillo, si sono ritagliati un ruolo da protagonisti questi nove giocatori del Livorno Rugby: Giulio Cesare Campora, Filippo Fiorentini, Cristiano Aspromonti, Lorenzo Pezzin, Giorgio Serretti, Vittorio Lemmi, Elia Mencari, Alessio Marco, Lorenzo Esposito.
ETRUSCHI UNDER 6
Brillanti le prove fornite dagli Etruschi Livorno under 6 nel raggruppamento della costa svoltosi domenica mattina sul campo 'Santa Costanza' di San Vincenzo. Al via dell'evento solo squadre della provincia. Oltre ai verde-amaranto ed oltre ai padroni di casa del Rufus, protagoniste dell'evento le formazioni del Livorno Rugby e dell'Elba. Divertimento e sorrisi non sono mancati nell'arco della kermesse. Le quattro compagini al via hanno dato vita ad un simpatico girone all'italiana: ciascuna squadra ha affrontato le altre tre, in gare lunghe 13 minuti. L'entusiasmo dei bambini-rugbisti ha coinvolto anche gli adulti assiepati a bordo campo. Una splendida e gioiosa festa dello sport. Briose le giocate degli atleti. Grande la loro determinazione in ogni fase delle partite. Il conteggio delle mete messe a segno ha un valore secondario. Tuttavia male non fa, per gli Etruschini, l'aver vinto tutte e tre le gare giocate. Evidentemente la società di via Russo sta continuando a lavorare con profitto con il proprio florido vivaio. Questi, sotto la guida degli impagabili allenatori-educatori Silvia Nocelli, Valerio Bartoli e Davide Strazzullo, gli scatenati atleti verde-amaranto di scena a San Vincenzo: Samuele Marinari, Edoardo Bani, Alessandro Bonsignori, Violante Ferro, Saverio Bollaro.
UNDER 6 LIONS
Ancora un 'Festival' ricco di successo, di allegria e di sorrisi per gli under 6 dei Lions Amaranto Livorno. Stavolta il raggruppamento (o 'Festival' che dir si voglia) per i piccoli-grandi atleti guidati dalle instancabili educatrici-allenatrici Elisa Del Pero e Laura Zucchi, ha avuto luogo sul campo della Polisportiva della Bellaria Pontedera. Nella città della Piaggio, gli amaranto hanno ben presto ingranato le marce alte, viaggiando a tutto gas. Ben due le rappresentative dei Lions al via del riuscitissimo evento. Due squadre anche della società padrona di casa e una formazione ciascuna per Scandicci, Lucca e Sesto Fiorentino. Una mattinata splendida, vissuta, da tutti i presenti, con il giusto slancio e con un grande entusiasmo. Un clima che ha simpaticamente contagiato anche i numerosi adulti assiepati a bordo campo. Una domenica di sport autentico e di vera amicizia. Le sette squadre al via si sono 'sfidate' in gare piacevoli e di spessore. Nessuno ha tenuto il conteggio delle mete registrate nelle singole partite. Ben più importante e significativo, rispetto al numero delle marcature realizzate, è stato il clima. Splendidi i sorrisi dei bambini-rugbisti, quando varcano la fatal linea avversaria, o quando fermano, con un puntuale placcaggio, l'antagonista. Questo l'elenco dei 16 (!) 'leoncini' under 6 di scena a Pontedera: Pietro Benedetti, Mirco Rossi, Gregorio Lonzi, Matteo Bertolini, Diego Di Bartolomei, Marcel Gentili, Giordano Del Sarto, Dario Giordano, Tommaso Palermo, Giovanni Bertuzzi, Ruben Ceraolo Matei, Zeno Cellai, Achille Scardino, Marco Vallerini, Tommaso Pannese e Giacomo Mannucci.

  

 

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie