Sport

Tutte le squadre livornesi di rugby impegnate nel fine settimana

  • Pubblicato: Lunedì, 07 Ottobre 2019 16:54
  • Scritto da Fabio Giorgi

LIVORNO RUGBY (1° SQUADRA). Ben più dell’ingente bottino di mete messo a segno (dieci in tutto), il dato saliente, per il Livorno Rugby, nel triangolare disputato sabato ad Arezzo, è relativo alla buona condizione generale. A due settimane dal via del nuovo campionato di B, girone 2 (nel turno d’apertura, il 20 ottobre, i biancoverdi ospiteranno la neo-promossa Imola), i conti, per la squadra di Michele Ceccherini, tornano. La tabella di avvicinamento alle partite con i punti in palio prosegue secondo le più rosee previsioni, senza intoppi. Rispetto alla sgambata di otto giorni prima, effettuata sul terreno del Bellaria Pontedera (C2), i labronici si sono mossi, ad Arezzo, con più disinvoltura. Nel triangolare, al cospetto di due formazioni di C1, il Livorno Rugby ha messo in mostra buoni numeri. Dinamiche ed efficaci le azioni proposte, a tutto campo. Contro i padroni di casa dell’Union Arezzo, i biancoverdi hanno vinto 34-0, contro l’US Firenze 24-0. Tre mete per lo scatenato trequarti ala Del Fiorentino, due per l’estremo Pellegrini, due per il terza centro Piras ed una ciascuno per gli avanti Mazzocca e Bottari e per il trequarti Ianda. Quattro le trasformazioni del mediano di apertura Canepa. L’esperto pilone rodigino Ravalli, al suo esordio assoluto con la maglia biancoverde, ha giocato per intero le due partite (ciascuna lunga 40 minuti) ed ha pienamente confermato le proprie qualità. L’innesto, in prima linea, dello stesso Ravalli e del pilone catalano Busquets possono far compiere all’intero pacchetto il sospirato salto di qualità. Il Livorno Rugby, giunto quarto nell’ultimo campionato di B, girone 2, non nasconde propositi bellicosi nel torneo alle porte. Alla fine della regular season, la prima salirà in A. Nonostante una concorrenza agguerrita, i labronici vogliono lottare per qualcosa di importante. Nella scorsa annata, solo il ‘gap’ con le prime linee di Romagna, Civitavecchia e Florentia ha impedito a Gragnani e compagni di lottare fino all’ultimo per il salto di categoria. E ora, con una prima linea solida ed organizzata, la squadra appare completa e valida in tutti i settori. Nella prima partita del triangolare di Arezzo, al cospetto dell’Union, i biancoverdi inizialmente si sono presentati con questo schieramento: Pellegrini; Bitossi, Del Fiorentino, Ianda, Zannoni; Canepa, Mastrorosa, Gragnani Giorgio, Piras, Gragnani Giacomo; Merani, Bottari; Busquets, Ciapparelli G., Ravalle. Ampio il minutaggio a disposizione degli atleti inizialmente in panchina. Si tratta di: Castellani, Pardini, Mazzocca, Leo, Berthemeir, Pieroni e Freschi.
LIONS AMARANTO (1° SQUADRA)
Che sia di buon auspicio... Contro l’Elba, nella scorsa stagione, in trasferta - sul campo ‘Scagliotti’ di Portoferraio; era il 9 dicembre - i Lions Livorno ottennero la vittoria a conti fatti decisiva per il primo posto nel proprio girone di C1. Circa dieci mesi dopo quell’impresa, ancora contro l’Elba e ancora fuori casa - sia pur in amichevole e sia pur sul terreno ‘Venturelli’ di Piombino -, la stessa squadra amaranto ha ottenuto un successo significativo. Contro gli isolani, che dopo la seconda piazza della stagione 2018/19 non fanno mistero di puntare, nel nuovo campionato, al salto di categoria, i ‘Leoni’, che pure si sono presentati incompleti e privi di giocatori potenzialmente titolari, si sono imposti 12-36 (2 mete a 6). Un galoppo utile per i Lions, giunto sette giorni dopo l’amichevole giocata sul campo amico ‘Priami’ di Stagno contro il Valorugby Emilia cadetto. Il ‘derby della costa’ si è rivelato un test prezioso per il tecnico Giampaolo Brancoli, a due settimane dal via del torneo di B (girone 2, quello del centro Italia). Prima dell’esordio del 20 ottobre (a Roma contro i temibili padroni di casa della Capitolina cadetta), non ci saranno nuove gare amichevoli: la preparazione proseguirà, in questi 13 giorni di lunga vigilia, ‘solo’ con le classiche sedute d’allenamento. A Piombino, i Lions si sono presentati, in avvio, con questo schieramento: Banchieri; Gregori, De Libero, Barsali, Sheu; Magni M., Magni N.; Vitali L., Giglioli, Tamberi; Ciandri, Sarno; Ciapparelli F., Bertini, Vitali G.. Nel corso della partita, sono entrati (ed hanno avuto a disposizione un ampio minutaggio) anche Scardino, Siviero, Tichetti, Capobianchi, Tonelli, Rela, Bonaccorsi, Novi, Di Mauro e Ganni. Gli amaranto cominciano il match con il piglio giusto. I Lions realizzano nella prima frazione due mete (a bersaglio al 2’ il centro Barsali e al 31’ l’estremo Banchieri), trasformate da Matteo Magni (nell’occasione apertura; come mediano di mischia ha operato suo fratello Nicola). L’Elba accorcia al 7’ della ripresa (7-12). Allungo amaranto con le mete del centro Barsali (10’) e del terza ala Leonardo Vitali (14’), condite da una trasformazione di Matteo Magni: 7-24. Seconda meta dell’Elba al 21’: 12-26. Negli ultimi 4 minuti si erge a protagonista il centro De Libero, che sigla, al 37’ e al 40’, le due mete del definitivo allungo. Buone le indicazioni in tutti i reparti. Mancavano Rolla, Bernini, Cortesi, Marmugi, Pulaha e Fusco: tutti e sei sono recuperabili per la partita del 20 ottobre. Sarebbe importante, per mille motivi, ottenere, all’ombra del Cupolone, contro la Capitolina cadetta, nella giornata di apertura di B, un buon risultato.
LIONS SECONDA SQUADRA - CHALLENGE
La squadra ‘B’ dei Lions Amaranto Livorno ha esordito, nell’assolata prima domenica del mese di ottobre, nel nuovo campionato ‘amatoriale’ Challenge. In tale rappresentativa militano gli atleti labronici che, per motivi vari (per impegni professionali e/o personali) non possono allenarsi con continuità e non trovano spazio nella formazione maggiore o che comunque, per ragioni tecnico-sportive e/o anagrafiche non potrebbero ambire alla serie B. Lodevole l’iniziativa del Comitato Toscano della FIR di organizzare questo tipo di campionato. L’impegno agonistico viene affrontato dalle formazioni del Challenge, con la giusta serietà e concentrazione, ma senza quella tensione tipica di gare ‘drammatiche, che decidono un’intera stagione’. La prima giornata del torneo si è svolta sul campo ‘Priami’ di Stagno, il quartier generale dei Lions e si è snodata in un mini girone all’italiana tra le tre formazioni presenti. I risultati: CUS Pisa – Grande Selva Garfagnana 8-0, Lions Livorno – CUS Pisa 0-14, Lions – Grande Selva 3-7. Nell’arco delle due partite disputate, i tecnici amaranto Marco Bargagna e Manrico Soriani hanno ruotato questi 19 giocatori: Vittorio La Russa, Mirko Scrima, Ruben Bassano, Emiliano Marchi, Menotti Pannese, Antonio Cannavò, Matteo Civita, Rubens Venturi, Francesco Filippeschi, Dario Testi, Nicola Filippelli, Adriano Sampaolo, Francesco Del Taglia, Davide Mantovani, Giacomo Umpetti, Francesco Caruso, Stefano Oro, Emanuele Prestinari, Valter Ardizzoni.
UNDER 18 LIVORNO
Una sconfitta che non cancella importanti ambizioni. Il Livorno Rugby under 18, nella giornata di apertura del campionato élite di categoria, girone del centro Italia, ha ceduto sul terreno dei pari età dei Medicei Firenze 17-6. Tre le mete dei gigliati (che dunque si sono assicurati 4 punti) e nessuna dei biancoverdi (che dunque non hanno raccolto punti in classifica). Le due squadre toscane hanno dato vita ad un derby di spessore, confermando in pieno le loro doti di primissimo piano. La sensazione è che le due formazioni possano puntare – entrambe – a risultati di tutto rispetto in questo torneo che vede al via le migliori compagini italiane under 18. Nelle altre partite del primo turno, vittorie con bonus per il Parma’31, in trasferta con il Romagna, e per Valorugby Emilia, Cavalieri Prato/Sesto e Modena, in casa rispettivamente contro Lyons Piacenza, Colorno e Perugia. La classifica dopo i primi 70’ di campionato: Parma’31, Valorugby, Cavalieri e Modena 5 p.; I Medicei Firenze 4; Livorno, Romagna, Lyons, Colorno e Perugia 0. A Firenze, gli ospiti cominciano la sfida con il piglio giusto. Livorno concentrato e concreto nei primi minuti: Simone Gesi – utilizzato estremo – e suo fratello Alessandro – schierato mediano di apertura – segnano un piazzato a testa e consentono di issarsi sullo 0-6. Nel finale di frazione, i biancorossi di casa accorciano con una meta non trasformata: 5-6. Cambia la musica nella ripresa. I fiorentini effettuano il sorpasso con una nuova meta non trasformata: 10-6 e poi allungano con una meta condita con il calcio aggiuntivo. Finisce 17-6: un punteggio meno vistoso avrebbe rispecchiato con più fedeltà l’andamento della gara: i biancoverdi avrebbero meritato il punticino che scatta in caso di passivo inferiore alle otto lunghezze. Formazione labronica (dal pilone all’estremo): Andreotti, Mattei, Ficarra; Tori, Lavorenti; Giusti, Angiolini, Baldi; Zannoni, Gesi A.; Meini, Piram, Capozzi, Simi; Gesi S. Entrati anche: Lampugnale, De Rossi, Campanile, Gragnani, Eliseo e Barsotti. A disp.: Tomaselli. Allenatori: Luca Isozio, Stefano Gesi, Simone Morganti ed Enrico Squarcini.
UNDER 18 GRANDUCATO
Un punteggio basso, ‘da altri tempi’, quando sistematicamente le difese riuscivano a soffocare le velleità offensive degli avversari e le marcature, nell’arco degli incontri, erano merce rara. Il derby della costa under 18 (un derby tra franchigie) giocato domenica sul campo ‘Priami’ di Stagno tra i padroni di casa del Granducato ed i Mascalzoni del Canale, è viaggiato sui binari di un grande equilibrio ed è stato caratterizzato da attacchi spuntati e difese spietate. Il pareggio – un risultato non frequente nello sport della palla ovale – avrebbe rispecchiato con fedeltà l’andamento della sfida. L’incontro, valido per la prima giornata della fase regionale del campionato regionale under 18 (girone di qualificazione 3), si è invece chiuso con il successo degli ospiti 7-8, con una meta per parte. In classifica 1 solo punto (frutto del passivo inferiore alle otto lunghezze) per i Granduchi (franchigia attiva grazie al lavoro sinergico tra Lions Amaranto Livorno, Etruschi Livorno, Bellaria Pontedera e CUS Pisa) e 4 punti per i Mascalzoni del Canale (franchigia nata grazie alla collaborazione tra Elba e Piombino). Domenica prossima i giallo-bianco-rossi allenati dal terzetto composto da Michele Pelletti, Davide Mantovani e Valerio Parducci renderanno visita ai Titani Viareggio. Il Granducato, complice un’eccessiva tensione, ha faticato, contro i Mascalzoni del Canale, a concretizzare le ghiotte occasioni costruite. Nel primo tempo sono gli ospiti a sbloccare la situazione con una meta non trasformata: 0-5 all’intervallo. Nella ripresa, giunge il sorpasso dei locali, a bersaglio con una meta di Lischi trasformata da Mazzoni: 7-5. Negli ultimi minuti, i Mascalzoni del Canale rimettono il naso avanti, con un piazzato che fissa il risultato sul 7-8. In rigoroso ordine alfabetico ecco i 22 elementi convocati nelle fila giallo-bianco-rosse per questo (sfortunato) esordio nel campionato di categoria: Barsacchi, Bicchierai, Cadau, Cannistrà, Cappelli, Castelli, Chiarugi, Freschi, La Rosa, Lentini, Lischi, Marchi, Mazzoni, Meini, Paolini, Pioli, Porciello, Rum, Strazzullo, Traino, Uccetta, Zaccagnini.
UNDER 16 GRANDUCATO
‘Ogni lungo viaggio inizia con un primo passo’. E’ opportuno scomodare un noto aforisma cinese per sottolineare l’importanza della prima ‘doppia’ uscita di campionato delle due squadre del Granducato under 16. Questa domenica, nel giro di poche ore, in casa, sul campo della polisportiva del Bellaria Pontedera, le due rappresentative della franchigia giallo-bianco-rossa hanno cominciato la loro avventura nel torneo regionale di categoria. L’intenzione degli allenatori Bertolini, Civita, Crivellari e Barsocchi è di far crescere e maturare in modo compatto l’ampissima rosa a loro disposizione. Il roster è composto da elementi nati nel 2004 e 2005 tesserati Lions Amaranto Livorno, Etruschi Livorno e Bellaria Pontedera, le tre società che partecipano – a livello ufficiale – al progetto della franchigia. Il Granducato ‘1’, nel girone di qualificazione 4, ha incrociato le armi (alle 11) con l’US Firenze ‘2’, mentre il Granducato ‘2’, nel girone di qualificazione 5, ha affrontato (alle 13) l’US Firenze ‘1’. Secondo copione, le due squadre ‘1’ hanno vinto i rispettivi incontri in modo largo. Il Granducato ‘1’ si è imposto 118-0, il Firenze ‘1’ 101-0. Ovviamente, nella seconda fase del torneo – al via a novembre – le ‘seconde squadre’ non potranno partecipare alla final eight per il titolo toscano ed eventualmente guadagnare l’accesso alla fase interregionale. In attesa delle sfide decisive della seconda parte del torneo, le società toscane che hanno allestito due formazioni under 16 (Ghibellini, Cavalieri e, appunto, Granducato e US Firenze) non possono non festeggiare con soddisfazione il numero record di giocatori in rosa. Ben 34, per il Granducato, i giocatori utilizzati domenica nell’arco di poche ore. Un numero davvero imponente, anche considerati gli indisponibili per infortunio e squalifiche. ‘Il lungo viaggio’, da Pontedera, è iniziato nel modo migliore per i Granduchi. Ed ecco il lungo elenco degli atleti giallo-bianco-rossi protagonisti in questa giornata di apertura del torneo under 16: Bernini, Iacopini (una meta), Mazzi (quattro mete), Casalini (quattro mete), Tedeschi (tre mete), Giorgi (quattordici trasformazioni), Biagi (una meta), Porciello, Pannocchia (una meta), Ferra, Polese, Morelli, Zingoni (due mete), Del Pero, Novaro, Quercioli (una meta), Zampini (una meta), Benetti, Ferchichi, Carniel, Baggiani, Rosato, Tiresia, Parlanti, Tani, Fappiano, Angemi, Ouhdif, Bellofatto, Del Secco, Geri, Mainardi, Paoli, Pini. Nel girone 4, turno di riposo per il Florentia, mentre nel girone 5 successo per 101-0 dell’Amatori Rosignano sulla franchigia de Le Manticore. Domenica prossima riposo per il Granducato ‘1’ e trasferta a Colle val d’Elsa contro Le Manticore, per il Granducato 2. Le classifiche. Girone 4: Granducato ‘1’ 5 p.; Florentia* e US Firenze31 ‘2’ 0. *Florentia 1 partita in meno. Girone 5: US Firenze31 ‘1’ e Am. Rosignano 5 p.; Granducato ‘2’ e Le Manticore 0.
UNDER 16 LIVORNO
Ben 13 le mete e ben 85 i punti siglati dallo scatenato Livorno Rugby under 16 nel turno di apertura del campionato regionale di categoria. Partita a senso unico quella disputata in questa assolata prima domenica del mese di ottobre sul terreno Santa Costanza di San Vincenzo. I ragazzi di Ljubi e Borgiotti, nel derby della costa, contro i padroni di casa del Rufus (che non hanno segnato alcun punto), hanno messo in mostra qualità di spessore per la categoria. Dopo aver sbloccato la situazione nei primi secondi del confronto, i biancoverdi, tra il 2’ e il 10’, hanno palesato troppa frenesia. Poi però, siglata la seconda meta, il Livorno Rugby si è scatenato. Al di là dell’ingente bottino di marcature, per i biancoverdi un esordio ufficiale convincente. Ospiti concentrati, efficaci in attacco e attenti in difesa. In tutto, nel campionato regionale under 16, sono 16 le squadre al via. Il Livorno Rugby è inserito nel girone di qualificazione 1, composto, in tutto, da tre compagini. Nella prossima domenica riposo per i biancoverdi: ci sarà CUS Pisa-Rufus. Il 20 ottobre al ‘Maneo’, Livorno-CUS Pisa. Le prime classificate dei cinque gironi e le tre migliori seconde si qualificheranno alla final-eight - al via a novembre - che, a sua volta sancirà le due formazioni che entreranno direttamente nel tabellone interregionale. ‘Barrage’ per la terza. Insomma nella prima parte della stagione tutte le squadre - anche quelle come il Livorno Rugby, ‘tradizionalmente’ impegnate nel campionato èlite - disputano la fase regionale. E’ evidente che in questi gironi iniziali, le differenze di valore sono enormi: non a caso, in tutti i cinque raggruppamenti, in questo primo turno, si sono registrate gare squilibrate, con vittorie record da parte delle compagini più attrezzate. I biancoverdi hanno mezzi di spessore e possono, legittimamente, ambire alle prime piazze del campionato toscano. Il lavoro è impostato a medio termine: si vuole raggiungere il top della forma in occasione delle gare della seconda fase stagionale. A San Vincenzo, ampio spazio per tutti i 22 elementi a referto: ben presto sono entrati anche i 7 giocatori inizialmente in panchina. I giocatori utilizzati sul campo del Rufus: Santuari; Brancoli (Sangiorgi), Casini (Tavella), Nanni (cap.), Mannucci; Isozio (Giunta), Rossi (Coradeschi); Lenzi Giorgio (Raffo), Freschi, Casolaro; Bradac, Carbonella; Grifoni, Giammattei (Gambini), Gizzarelli (Giordano).
UNDER 14 LIVORNO
Profeti in patria. I ragazzi delle due formazioni del Livorno Rugby under 14 si sono ritagliati un ruolo da grandi protagonisti nei propri impegni casalinghi. Nel pomeriggio di sabato, sul sintetico amico del ‘Maneo’ di via Settembrini, nel quadro della terza ed ultima giornata della fase preliminare del campionato di categoria, le due rappresentative biancoverdi hanno messo in mostra doti di primo piano. La rosa a disposizione degli allenatori Saltapari, Guidi, Campochiari e Tavella è ampia e di qualità. Questi atleti, nati negli anni 2006 e 2007, possono togliersi non poche soddisfazioni nell’arco della stagione appena iniziata e, soprattutto, nel corso della loro carriera futura. Sabato, sul ‘Maneo’, si è svolto dapprima un triangolare: oltre al Livorno ‘2’ al via il CUS Pisa ed il Bellaria Pontedera. Si è disputato un classico girone all’italiana. Il Livorno ‘2’ ha superato 22-0 il CUS Pisa, con due mete di Mannucci ed una ciascuno di De Rossi e Bargagna, quest’ultima trasformata da Borgiotti. Nella seconda gara, sconfitta 7-12 con il Bellaria. Punti labronici (meta e trasformazione, peraltro siglata da posizione non facile) di Borgiotti. Successivamente, si sono confrontate il Livorno ‘1’ ed il Cecina. Affermazione biancoverde netta, perentoria e indiscutibile. Al di là del punteggio (60-0, con due mete di Marianelli, due di Cioni, una ciascuno di Michelucci, Bianchi, Autorino, Casini e Celi, quest’ultimo autore anche di 7 trasformazioni), sono da evidenziare i miglioramenti sul piano sportivo che la squadra sta compiendo in modo costante. Tutti gli elementi del roster stanno crescendo a vista d’occhio. Livorno ‘2’: Giusti, De Rossi, Tavani Giulio, Giannetti Sameriglia, Mannucci, Cannone, D’Ammando, Bargagna, Germelli, Maltinti, Borgiotti, Tavani Massimo, Fulceri. Livorno ‘1’: Tosi, Autorino, Norfini, Cioni, Quercioli, Marianelli, Michelucci, Celi, Bianchi, Lottini, Canziani, Casini, Perucci.
UNDER 14 LIONS
Anche in questa terza ed ultima giornata della fase preliminare del campionato regionale di categoria, l’under 14 dei Lions Amaranto Livorno ‘si è sdoppiata’. L’ampia rosa a propria disposizione ha permesso all’allenatore Daniele Conflitto di utilizzare due squadre in due triangolari distinti. Nel pomeriggio di sabato una rappresentativa è stata protagonista al ‘San Donnino’ di Campi Bisenzio, mentre l’altra rappresentativa, nella tarda mattinata di domenica – subito dopo la vittoriosa amichevole della prima squadra contro l’Elba – si è ritagliata un ruolo da protagonista al ‘Venturelli’ di Piombino. Una vittoria ed una sconfitta sia per la formazione di scena sabato, sia per la compagine impegnata domenica. A Campi Bisenzio (successo 65-0 sui padroni di casa dei Puma e sconfitta 0-61 con il Florentia) sono stati utilizzati (in rigoroso ordine alfabetico) Bianucci, Bigongiari, Campani, Cozzolino, Fabozzi, Falleni, Giudici, Longhi, Munafò (4 mete), Perciavalle (2 mete), Sgherri, Spagnoli D. (1 meta), Spagnoli O. (5 trasformazioni), Tognetti (3 mete) e Ungarini (1 meta). A Piombino, invece (affermazione 41-24 sull’Elba e sconfitta 29-0 contro i padroni di casa, nella circostanza rinforzati – non poco – da alcuni elementi in prestito dall’Elba), hanno giocato Bacci (1 meta e 3 trasformazioni), Bani, Contini, Del Mazza, Falchi, Giusti (1 meta), Iavazzo, Meini (3 mete), Melani, Nuterini, Paoli (1 meta), Pellegrini (1 meta), Torrini, Valentini e Vernoia. Evidente la crescita di tutti gli elementi (classe 2006 e 2007) in rosa. Le partite della fase preliminare sono servite per oliare i meccanismi in vista della fase centrale del campionato, al via questo sabato. L’esordio è previsto tra le mura amiche del ‘Priami’.
UNDER 12 LIVORNO
Poker di successi per il Livorno Rugby under 12 nel raggruppamento (o concentramento che dir si voglia) effettuato questa domenica, sotto un caldo sole estivo, sul campo 'Corsaro' di Uzzano. Al via dell'evento, oltre alla squadra biancoverde ed ai padroni di casa del Valdinievole, anche i Puma Bisenzio. Le tre compagini hanno dato vita ad un girone unico, con gare di andata e ritorno. Per i labronici, guidati dagli allenatori Gabriele Biagiotti e Michele Quartararo, solo (convincenti) successi. Biancoverdi in gran forma, capaci di siglare un buon numero di mete nell'arco delle quattro gare disputate e di mettere in mostra un gioco frizzante ed efficace. Si è tratto, per il Livorno Rugby under 12, del secondo appuntamento ufficiale della stagione. Un'annata che si preannuncia per questi promettenti atleti, nati negli anni 2008 e 2009, particolarmente ricca di soddisfazioni. Questi i validi giocatori biancoverdi grandi protagonisti a Uzzano: Giovanni Campora, Giano Bianchi, Matteo Orlandi, Mattia Bartolini, Romeo Celi, Diego Padella, Michael Baggiani, Alberto Saltapari, Massimo Pablo Ricciardi, Federico De Villa, Diego Celati e Daniele Tosi.  
UNDER 12 LIONS
Sul campo amico ‘Priami’ di Stagno, le due squadre under 12 dei Lions Amaranto Livorno si sono esaltate. I giovanissimi atleti – classe 2008 e 2009 – sotto la guida degli allenatori Alessandro Brondi e Valerio Ubaldi, hanno palesato nel raggruppamento (o concentramento che dir si voglia) andato in scena in questo primo sabato del mese di ottobre, qualità importanti per la categoria. L’ampia rosa a disposizione ha permesso ancora una volta di partecipare con due rappresentative. Al via, oltre alle due formazioni padroni di casa, anche due compagini dei Titani Viareggio ed una formazione del Rosignano. Le cinque squadre hanno dato vita ad un girone all’italiana: tutte quante si sono affrontate in mini incontri accesi e vivaci. Tre vittorie ed una sconfitta il ruolino di marcia per ciascuna delle due compagini amaranto. Al di là del numero di mete messe a segno nell’arco delle (belle) gare disputate, il dato saliente del sabato è relativo alla crescita di tutti i numerosi elementi del roster. Una crescita tecnica e non solo tecnica. Leoncini sempre lucidi e concentrati, abili anche in fase difensiva. Di qualità i placcaggi piazzati. I giocatori ruotati nell’arco delle otto (globalmente) gare disputate: Matteo Nuti, Michele Mugnaini, Enzo Monti, Rocco Pavesi, Raul Rum, Matteo Russo, Giordano Taddei, Giacomo Ubaldi, Gabriele Pannocchia, Tommaso Bertolini, Maurizio Biagi, Achille Botti, Andrea Buscarino, Gabriele Casini, Filippo Consani, Lorenzo D’Attoma, Paolo De Angelis, Luca Del Nista, Alessio Di Blasi, Aurora Donati, Leonardo Fabbri, Manuel Alberto Maroni, Diego Baldaccini.
UNDER 6 LIVORNO
Primo ‘Festival’ (o raggruppamento o concentramento che dir si voglia) della stagione per i più giovani dell’ampissima famiglia del Livorno Rugby. La squadra biancoverde under 6 ha ospitato, nella mattinata di domenica, un bellissimo evento sul campo sintetico ‘Maneo’ di via Settembrini. Il sole splendente ha fatto da perfetta cornice alla mattinata, ricca di partite e di allegria. Alla riuscitissima kermesse, hanno partecipato, oltre ai padroni di casa del Livorno Rugby, anche Amatori Cecina, Titani Viareggio, Elba, Etruria Piombino e Spezia. Tanto impegno e tanto sano divertimento per tutti i piccoli 45 protagonisti del Festival. I bambini, con il loro inimitabile entusiasmo, hanno disputato simpatiche mini-gare. Una domenica intensa e memorabile per tali atleti (e per i loro numerosi accompagnatori), contenti di aver passato una mattinata di gioco, condividendo poi il classico ‘terzo tempo’ insieme ai propri compagni ed agli amici di tutte le altre società, agli educatori coinvolti ed a tutti i familiari al seguito. La stagione è iniziata sotto i migliori auspici. Gli allenatori-educatori dei biancoverdi Arianna Bernini, Paolo Campora, Ilaria Cirillo e Federica Muzzi non nascondono la loro soddisfazione, per quanto espresso nell’arco delle varie gare giocate e, soprattutto, per quanto emerso a bordo campo. I giocatori labronici protagonisti sul campo amico: Marco Alessio, Giulio Cesare Campora, Giorgio D’Ammando, Alessandro Iardella, Zeno Ljubi, Dorian Piroli e Giovanni Scognamiglio.

  

 

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie