Sport

Calcio Serie B, il Livorno deve cominciare a macinare punti lontano dal Picchi

  • Pubblicato: Giovedì, 07 Novembre 2019 17:08
  • Scritto da Cortex

 

Il campionato di Serie B procede al ritmo di numerosi colpi di scena in ogni giornata. Se la lotta per le prime posizioni si fa sempre più incandescente, con Benevento, Perugia e Chievo che sembrano avere una marcia in più delle altre, nella parte destra della classifica non sono mancate sinora le emozioni, con alcune big che stentano ancora a decollare.
È il caso del Livorno. Dopo un inizio decisamente negativo per gli amaranto che hanno raccolto tre sconfitte nelle prime tre giornate della nuova stagione di Serie B, il campionato del Livorno ha subito una svolta con alcuni risultati positivi che hanno allontanato lo spettro della parte bassa della classifica. I tanti impegni ravvicinati nelle prossime settimane decideranno il futuro degli amaranto. Sarà importante cominciare a fare punti lontano dal prato amico visto che i ragazzi di Breda sinora hanno vinto solo al Picchi mentre in trasferta è arrivato soltanto un punto. Ecco perché, così come ha ribadito la società, il pubblico livornese dovrà fare la sua parte anche lontano dal Picchi, dove sarà sempre possibile seguire i match degli amaranto in televisione ma anche sul web dove decine di portali offriranno gli aggiornamenti in tempo reale di tutte le gare del campionato di B.

 

A un anno e mezzo dal ritorno in Cadetteria, i labronici puntano a ritornare nel massimo campionato di calcio italiano (nel 2013/2014 l’ultima stagione in Serie A del Livorno), in una città che vive di passione e sport da sempre.
Come detto, il ritorno in Serie B degli amaranto non è stato dei più felici. Già la scorsa stagione, l’inizio del campionato cadetto è coinciso con una serie di risultati negativi (solo due punti nelle prime otto giornate) che avevano costretto la dirigenza a sollevare dall’incarico l’allenatore Cristiano Lucarelli per chiamare in panchina a risollevare le sorti del gruppo Roberto Breda. Il nuovo allenatore riuscirà a portare a compimento la salvezza (grazie anche ai guai finanziari e alla conseguente retrocessione del Palermo), classificandosi al quattordicesimo posto (evitando di un solo punto lo scontro ai play-out contro la Salernitana).
Nonostante i notevoli investimenti sostenuti dalla famiglia Spinelli nel primo anno del ritorno in Serie B (tra cui gli ingaggi di Alessandro Diamanti, Libor Kozak e Dario Dainelli), il cammino del Livorno tra i cadetti si è rivelato quindi più tortuoso del previsto. Anche questa estate, la campagna acquisti dei labronici è stata improntata all’ingaggio di calciatori esperti, pur tuttavia non riuscendo a dare quella sterzata tanto attesa da tutti.

 

La nuova partenza in campionato è stata nefasta. Dopo le prime otto giornate, gli amaranto si sono ritrovati all’ultimo posto della classifica con soli quattro punti, avendo peraltro il secondo peggior score difensivo della Serie B dietro la neopromossa Juve Stabia e il terzo peggior rendimento offensivo. Con Roberto Breda ancora saldamente in panchina, il Livorno dovrà per forza di cose riuscire a dare la scossa al suo campionato, per evitare di finire nuovamente nel gorgo infernale della Serie C.
Anche la squadra ha ribadito la sua fiducia nei confronti del tecnico trevigiano a cui va dato atto di aver ridato equilibrio e forma ad un gruppo che sembrava sin troppo impacciato, nonostante la buona rappresentanza di calciatori esperti presenti in rosa. Preoccupa ancora la tenuta mentale dei calciatori amaranto. Le statistiche nude e crude dicono che il Livorno ha perso sette punti nell’ultimo quarto di partita, fattore che sinora è stato pagato a caro prezzo da capitan Andrea Luci e compagni. Ovviamente, quel che conta ad oggi è il risultato e i punti che serviranno di qui alla fine del campionato a far risalire la classifica di Serie B al Livorno. Il bel gioco potrà ancora attendere. E pazienza se continueranno i mugugni tra la tifoseria e gli addetti ai lavori: l’obiettivo di mister Breda è quello di riportare il club labronico nelle posizioni che gli spettano.

  

 

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie