Sport

Tutte le partite delle squadre del rugby livornese

  • Pubblicato: Martedì, 03 Dicembre 2019 19:04
  • Scritto da Fabio Giorgi

Maschile: Livorno Rugby e Lions (b), Femminile: Livorno rugby (Red Roses), under 16 Granducato, under 12 Lions, under 10 e under 6 Lions e Fulgida Etruschi.
SERIE B: IL LIVORNO RUGBY
RUGBY PARMA’31 – LIVORNO 13-29
RUGBY PARMA’31: Zanichelli (v. cap.); Slawitz M., Rosi, Pelagatti S. (cap., 10’ st Quagliotti), Pelizza; Castagnoli, Modoni (20’ st Guatelli); Barbieri (21’ st Villani), Slawitz G. (21’ st Cavazzini), Corazza; Zanacca (8’ st Cammi), Bondioli; De Rosa (21’ st Busetto), Zito, Pelagatti M. (5’ st Diacon). All.: Pascu e Gutierrez.
LIVORNO: Canepa (v. cap.); Zannoni (30’ st Ianda), Del Fiorentino, Pellegrini, Righetti; Gesi, Zannoni; Mernone (10’ st Berthomier), Merani (cap.), Leo; Castellani (32’ st Freschi), Gragnani Giacomo (25’ st Mattei); Busquets, Bufalini (30’ st Ciapparelli), Ravalle. A disp.: Campanile e Mazzocca. All.: Ceccherini.
ARBITRO: Marco Panin di Rovigo
MARCATORI: nel pt (13-10) 4’ cp Canepa, 6’ e 11’ cp Zanichelli, 14’ mt Ravalle tr Canepa, 33’ mt Pelizza tr Zanichelli; nel st 6’ mt Righetti tr Canepa, 20’ mt Canepa, 34’ mt Busquets tr Canepa.
NOTE: in classifica 0 punti per il Rugby Parma’31 (battuto con un margine superiore alle sette lunghezze; una meta realizzata) e 5 per il Livorno (che ha vinto e si è assicurato il bonus-attacco; quattro mete realizzate). Nessun cartellino estratto dall’arbitro.
PARMA. La trasferta spartiacque fornisce la risposta più attesa: il Livorno Rugby è fresco, pimpante, determinato e, soprattutto, è ancora in corsa per un posto al sole. Nel covo del Rugby Parma’31 – dove la capolista Florentia, nella prima giornata, aveva vinto, sul campo, con tantissima fatica, con una sola lunghezza di margine, senza assicurarsi il bonus-aggiuntivo –, i biancoverdi hanno giocato la loro partita più bella dall’inizio della stagione. Dopo un primo tempo in sostanziale equilibrio – chiuso in ritardo 13-10 – i labronici sono cresciuti a dismisura nella ripresa. La squadra di Ceccherini, in virtù delle quattro mete messe a segno, si è guadagnata, in terra ducale, anche il prezioso bonus-attacco. Il parziale di 0-19 firmato nella ripresa ha consentito di vincere in modo piuttosto largo (13-29 il finale). In graduatoria, il disavanzo dalla prima della classe resta immutato (11 le lunghezze il ritardo), ma le sensazioni per questa formazione maturata notevolmente rispetto al recente passato sono incoraggianti. Con la conferma dei giocatori-guida, con la concretezza degli elementi del pacchetto, con il dinamismo degli atleti del reparto arretrato e con il positivissimo innesto dei giovani provenienti dall’under 18, il futuro può riservare piacevoli sorprese. Sono ancora 15, in questa stagione, le gare da giocare da Merani e compagni, solo 14 quelle che verranno disputate dal Florentia; i gigliati, peraltro, ancora devono presentarsi (lo faranno tra qualche tempo, il 29 marzo 2020) al ‘Montano’. La vittoria esterna con il Parma’31 (la quarta in cinque uscite, ma solo la seconda nella quale si è potuto festeggiare l’intera posta in palio) apre scenari interessantissimi per il Livorno Rugby. La lotta per la prima piazza, l’unica che consegna la promozione in A, è ancora aperta. Sono i biancoverdi, al 4’, a sbloccare il punteggio, con un piazzato del valido estremo Canepa: 0-3. Gli emiliani rispondono presente e con due tiri dalla piazzola del proprio estremo Zanichelli rovesciano la situazione (6-3 all’11’). Anche a Parma, il Livorno Rugby evidenzia una prima linea di tutto rispetto. Non è solo un caso se a siglare la prima meta della gara sia il solidissimo ed esperto pilone ospite Ravalle (14’), a bersaglio di forza. Canepa trasforma: 6-13. Non è il sorpasso definitivo. I livornesi sprecano alcune nitide occasioni e al 33’ incassano la meta dell’ala avversaria Pelizza. Zanichelli trasforma: all’intervallo locali in vantaggio 13-10. Il Livorno Rugby, come un motore diesel, migliora le proprie prestazioni alla distanza. E alla distanza gli scatenati labronici presentano il conto. La meta del definitivo contro-sorpasso viene siglata in velocità, dopo una splendida azione tirata in più fasi, dal sempre positivo trequarti ala Righetti (6’). Ancora una volta Canepa trasforma: 13-17. I biancoverdi non hanno alcuna intenzione di accontentarsi e vanno a caccia dell’allungo, delle due nuove marcature che significano ‘bonus’. Canepa – per lui in tutto 14 punti – va a siglare, al giro di boa del secondo tempo, la meta (in agilità) del 13-22. Successo al sicuro, ma serve un ulteriore sforzo. Al 34’ è Busquets – il pilone catalano, in forte dubbio perché alle prese con un infortunio, è risultato tra i più attivi – a trovare di prepotenza la meta più preziosa, quella che consegna il punto aggiuntivo in classifica. Canepa trasforma, per il definitivo 13-29, un punteggio che fotografa, anche nelle dimensioni, la superiorità esibita dagli ospiti. Il Livorno Rugby, dopo la pausa della prossima domenica, chiuderà il suo 2019 agonistico con le gare casalinghe con Capitolina Roma cadetta (il 15 dicembre) e Jesi (sette giorni più tardi). Servirà ottenere anche in quelle due occasioni il massimo: si deve mettere pressione al Florentia, l’unica squadra del girone finora sempre vittoriosa. I risultati di questa 6° giornata di B, girone 2 (tra parentesi i punti validi per la classifica): Imola – Jesi 27-31 (2-5), Capitolina Roma cadetta – CUS Siena 30-3 (5-0); Lions Amaranto Livorno – Highlanders Formigine 33-0 (5-0), Florentia – Valorugby cadetta 38-21 (5-0), Parma’31 – Livorno 13-29 (0-5). Riposava il Modena. La nuova classifica: Florentia 29 p.; Modena* 19; Livorno* e Jesi 18; CUS Siena 15; Lions Amaranto 14, Capitolina cadetta* 12; Valorugby cadetta 11; Parma’31* 9; Imola* 3; Formigine* 0. *squadre che hanno già osservato il proprio turno di riposo e dunque figurano con una gara in meno.
SERIE B: I LIONS
LIONS AMARANTO LIVORNO – HIGHLANDERS FORMIGINE 33-0
LIONS AMARANTO LIVORNO: Magni N.; Barsali, Shehu, De Libero (8′ st Novi), Gregori (4′ st Banchieri); Rolla (24′ st Siviero), Magni M.; Bernini (17′ st Cortesi), Scardino (cap.), Tamberi; Pulaha (17′ st Vitali L.), Ciandri; Tichetti, Giusti (36′ pt Sarno), Fusco (4′ st Filippi). All.: Giampaolo Brancoli.
HIGHLANDERS FORMIGINE: Cantarelli (cap.); Sereni (22′ st Splendi), Cerza, Susa, Morano (5′ st Minì); Fontanesi, Marangoni; Ozzarini (5′ st Palladino), Poli, Corradini Zini (25′ st Ricciardi); Coppola (30′ st Califano N.), Ranuccini; Babbo, Molinaro (23′ st Vaccari), Califano M. (25′ st Visentino). All.: Jacopo Rubbi.
MARCATORI: nel pt (21-0) 2′ m. Fusco tr. Magni M., 15′ m. Barsali tr. Magni M., 22′ m. Giusti tr. Magni M.; nel st 2′ m. Barsali, 33′ m. Barsali tr. Magni M..
NOTE: giornata piovosa, espulsione temporanea per Morano (21′ pt). Calci: Magni N. 4/5 (trasformazioni); Fontanesi 0/1 (piazzati). In classifica 5 punti per i Lions (successo e bonus-attacco; 5 mete all’attivo) e 0 per il Formigine (battuto con un margine superiore alle sette lunghezze; nessuna meta realizzata).
STAGNO (Livorno). L’ultimo impegno interno di un 2019 fantastico, culminato con la promozione dello scorso 5 maggio, coincide con un successo largo, mai in discussione. Una vittoria – la terza in sei giornate – che consente di scalare posizioni in classifica e, soprattutto, di mettere in cassaforte, con largo anticipo, l’obiettivo salvezza. Rispettando il pronostico favorevole della vigilia, i Lions Amaranto Livorno si sono imposti in scioltezza, 33-0 (5 mete a 0), sul fanalino di coda Formigine. Un’affermazione colta in scioltezza, con il bonus-attacco già in ghiaccio al 2’ della ripresa. Sono ora ben 14 le lunghezze di margine dei labronici sulla zona retrocessione (scenderà in C1 solo l’ultima classificata). Ad essere realisti, non ci sono possibilità per lo stesso (non irresistibile) Formigine di rimontare in graduatoria il disavanzo dai Leoni. Gli amaranto dunque possono programmare serenamente le restanti 14 fatiche del torneo. I mezzi per consolidarsi in questa categoria non mancano. I risultati di questa 6° giornata di B, girone 2 (tra parentesi i punti validi per la classifica): Imola – Jesi 27-31 (2-5), Capitolina Roma cadetta – CUS Siena 30-3 (5-0); Lions Amaranto Livorno – Highlanders Formigine 33-0 (5-0), Florentia – Valorugby cadetta 38-21 (5-0), Parma’31 – Livorno 13-29 (0-5). Riposava il Modena. La nuova classifica: Florentia 29 p.; Modena* 19; Livorno* e Jesi 18; CUS Siena 15; Lions Amaranto 14, Capitolina cadetta* 12; Valorugby cadetta 11; Parma’31* 9; Imola* 3; Formigine* 0. *squadre che hanno già osservato il proprio turno di riposo e dunque figurano con una gara in meno. Sotto la pioggia, i Lions hanno iniziato la sfida del ‘Priami’ con il piglio giusto. Alla prima azione costruita, dopo una ficcante percussione di Tamberi, è l’attivo pilone Fusco (2’) a siglare, di forza, la prima meta del confronto. Il mediano Matteo Magni, dall’angolo sinistro, trasforma: 7-0. Lions concreti in difesa e lucidi in fase offensiva. L’ala Barsali, al 15’, inizia il suo show personale (per lui, in tutto, tre mete) e in velocità, schiaccia in mezzo ai pali. Matteo Magni trasforma: 14-0. Su classica azione della mischia successiva ad una touche in zona d’attacco, va a segno, al 22’, il valido tallonatore Giusti (costretto poco dopo a lasciare la sfida per infortunio). Matteo Magni trasforma ancora: 21-0. Il Formigine prova, senza successo, a siglare, con l’apertura Fontanesi, dalla piazzola, i primi punti del proprio confronto. All’intervallo, sul 21-0, la situazione, per i padroni di casa, è a dir poco invidiabile. In avvio di seconda frazione, giunge la meta-bonus dei locali messa a segno, sull’out sinistro, dallo scatenato Barsali: 26-0. A risultato acquisito, comincia il valzer delle sostituzioni. Il ritmo cala: i Lions non spingono più sull’acceleratore, mentre i modenesi, denotando tutti i propri limiti, non riescono ad accorciare le distanze. Al 33’ terza meta di Barsali, dopo un bell’attacco al largo. Ancora Matteo Magni – nel frattempo slittato all’apertura -, arrotonda con la trasformazione, per il definitivo 33-0. Dopo la pausa di domenica prossima, gli amaranto giocheranno il 15 dicembre al Moletolo di Parma, contro i locali degli Amatori Valorugby cadetti.
RED ROSES (LA SQUADRA FEMMINILE DEL LIVORNO RUGBY)
Un prestigioso ‘battesimo’, vissuto in uno dei templi della palla ovale nazionale. Allo stadio ‘Zaffanella’ di Viadana, la neonata rappresentativa femminile del Livorno Rugby (le ‘Red Roses’: dal simbolo delle tre rose, proprio della ‘storica’ società biancoverde) ha giocato, sotto la guida del tecnico Gino Galletti, quattro partite nel previsto concentramento interregionale. Due larghe vittorie e due sconfitte – giunte entrambe di misura – per le ragazze labroniche, o meglio per le ragazze toscane, visto che nella circostanza, in questo loro debutto, le biancoverdi erano affiancate da alcune atlete del Puma Bisenzio. Risposte incoraggianti per tutte le giocatrici utilizzate da Galletti. Al di là dell’ingente bottino di mete messe a segno (29 nell’arco delle quattro gare), il motivo per cui andare fieri di quanto combinato in terra mantovana è rappresentato dal buon livello di gioco espresso. Non mancano, ovviamente, margini di crescita e le possibilità – magari allargando il roster – di puntare a traguardi ancor più importanti. Ma fare qualcosa di più, alla prima uscita, era realmente difficile. Insomma, ‘buona la prima’ per le ‘Red Roses’, squadra che con la propria grinta fuori del comune è fortemente intenzionata a bruciare le tappe. Sportivamente parlando, non è esagerato definire l’evento di Viadana ‘storico’: per la prima volta in senso assoluto una rappresentativa femminile del Livorno Rugby è scesa in campo in un impegno ufficiale. Allo ‘Zaffanella’, in rapida successione, sconfitta 6-7 (ogni meta un punto) con il Carpi-Mantova, successo 11-3 sul CUS Milano, vittoria 8-1 con il Parabiago e sconfitta 4-5 con il Cernusco. Le atlete utilizzate a Viadana: Alice Antonazzo, Ania Rosini, Asya Arto, Viola Pandalone, Sophia Barlettelli, Andrea Sophia Morigoni, Lara Goretti e Alice Vignozzi.
UNDER 16 GRANDUCATO
Il Granducato under 16 ha iniziato in grande stile il mese di dicembre. Sul campo amico ‘Priami’ di Stagno, poche ore prima della gara vinta con il Formigine dalla prima squadra dei Lions Amaranto, i giallo-bianco-rossi hanno battuto, al termine di un match intenso ed equilibrato, 19-14 (3 mete a 2, 4 punti a 1 per la classifica) i pari età dei Mascalzoni del Canale. E’ stato un ‘derby tra franchigie’: il Granducato è il sodalizio che raccoglie in sinergia le forze di Lions Amaranto, Etruschi Livorno, Bellaria Pontedera e – limitatamente agli under 18 – CUS Pisa. Quella dei Mascalzoni del Canale, invece, è la realtà che unisce Piombino ed Elba. Formalmente era attiva, domenica, la rappresentativa ‘2’ del Granducato: la ‘1’ – che il 15 dicembre ospiterà il Florentia, nello spareggio per la quinta piazza regionale – ha osservato un turno di riposo. Gli allenatori giallo-bianco-rossi Bertolini, Civita, Crivellari e Barsocchi, hanno, nell’occasione, concesso un turno di riposo anche a quei validi giocatori del 2004, al secondo anno in categoria (Chelli, Ferra, Michelazzi, Morelli e Tedeschi) convocati alla seduta della rappresentativa regionale in programma giovedì 5 a Firenze: il tutto in vista del memorial ‘Besio e Massa’, in agenda domenica prossima a Recco. Contro i Mascalzoni, è stata data la precedenza ai giocatori del 2005, al primo anno in under 16. Le risposte in questa gara, valida per la quinta giornata del raggruppamento che mette in palio i piazzamenti tra il nono e il dodicesimo posto in ambito toscano, sono state incoraggianti. Al cospetto di una buona squadra (che in virtù del bonus-difesa conquistato al ‘Priami’ ha conservato il secondo posto nel girone, con una lunghezza sugli stessi ‘Granduchi’), i giallo-bianco-rossi hanno dapprima scavato un mini-solco (12-0, con le mete degli avanti Quercioli e Novaro, condite da una trasformazione dell’apertura Giorgi), poi hanno subìto il ritorno degli avversari, che hanno operato il sorpasso (12-14 all’intervallo) ed infine hanno rimesso il naso avanti (meta del definitivo controsorpasso del trequarti Rosato, trasformata da Giorgi). I Granduchi under 16, grazie alla propria ampia rosa – sia pur messa a dura prova dai numerosi infortuni – sta giocando, normalmente, due partite in contemporanea, con le due rappresentative. Si può abbinare quantità (di atleti) a qualità (di risultati). Lo schieramento vittorioso nel derby con i Mascalzoni del Canale: Mazzi; Iacopini, Rosato, Tiresia, Parlanti; Giorgi, Casalini; Baggiani, Pannocchia (cap.), Angemi; Bellofatto (10’ st Fappiano), Quercioli; Mainardi (1’ st Zingoni), Geri (1’ st Del Pero), Novaro. A disp.: Paoli, Pini e Zampini.
UNDER 12 LIONS
Ancora una volta i Lions Amaranto Livorno under 12, sotto la guida degli instancabili allenatori-educatori Alessandro Brondi e Valerio Ubaldi, si sono sdoppiati. Due le squadre protagoniste nel fine settimana. Sabato 30 novembre una delle due rappresentative dei leoncini ha disputato – e non certo come semplice comparsa… – il raggruppamento in programma sul terreno ‘Castellani’ di Cecina. Gli amaranto hanno vinto tutte le quattro gare disputate. A causa della defezione dell’ultima ora del Grosseto, solo tre le formazioni al via dell’evento: Lions appunto, Cecina e una mista Union Versilia/Fulgida Etruschi Livorno. Si è dato vita ad una sorta di ‘campionato’, con gare di andata e ritorno. Ogni partita è durata 15’. I Lions hanno vinto 6-2 e 3-2 (ogni meta un punto) con il Cecina a e 6-2 e 5-4 con l’Union Versilia/Fulgida Etruschi Livorno. Gli atleti ruotati al ‘Castellani’: Giacomo Ubaldi, Matteo Russo, Enzo Monti, Gabriele Pannocchia, Edoardo Braccini, Diego Baldaccini, Paolo De Angelis, Michele Mugnaini, Raul Rum, Manuel Marroni, Maurizio Biagi, Alessio Di Balsi. L’altra formazione degli under 12 Lions ha giocato domenica mattina sul terreno ‘Scacciati’ di Pisa. Non si è presentato il Pistoia: le quattro squadre al via (Lions appunto, CUS Pisa, Puma Bisenzio e Gispi Prato ‘3’) hanno effettuato un girone all’italiana, con partite lunghe, ciascuna, 10’. Per gli amaranto un pareggio (7-7 con i locali del CUS) e due sconfitte (4-5 con i Puma e 2-7 con il Gispi ‘3’). In campo, a Pisa, Rocco Pavesi, Luca Del Nista, Tommaso Bertolini, Aurora Donati, Lorenzo D’Attoma, Filippo Consani, Matteo Nuti, Nicola Montini, Leonardo Fabbri, Gabriele Casini, Giordano Taddei. Ancor più dell’ingente bottino di marcature messe a segno nell’arco dell’intenso fine settimana, il dato saliente dei due raggruppamenti è relativo alla crescita di ciascun giocatore amaranto utilizzato. La rosa – particolarmente ampia – sta compiendo passi da gigante. La stagione è iniziata sotto una buonissima stella. Nelle prossime settimane, altri raggruppamenti (o concentramenti che dir si voglia) organizzati dal Comitato Toscano della FIR e poi, a primavera, spazio a prestigiosi tornei interregionali.
UNDER 10 LIONS
Per una volta, l’under 10 dei Lions Amaranto Livorno ‘non si è sdoppiata’. A causa delle numerose defezioni, dettate da malanni di stagione, gli allenatori-educatori dei labronici Alessandro Landi e Massimo Russo hanno potuto presentare, in occasione del raggruppamento svoltosi nella mattinata di domenica primo dicembre sul campo ‘Castellani’ di Cecina, solo una squadra. Normalmente, grazie alla propria ampia rosa, gli amaranto giocano, in ogni appuntamento di campionato, con due formazioni. A Cecina, al via due rappresentative dei padroni di casa, due del Sesto, una dell’Elba e, appunto, una dei Lions. Come spesso accade in questo tipo di eventi, riservati al settore propaganda, si è dato vita ad un girone all’italiana: ciascuna formazione ha affrontato le altre cinque in mini-incontri. Partite accese, intense e di spessore per la categoria. Tutti quanti i piccoli-grandi giocatori protagonisti – ‘leoncini’ compresi, ovviamente – hanno messo in vetrina buoni numeri. L’annata, per gli amaranto è iniziata e sta proseguendo nel modo migliore. La stagione prosegue con altri raggruppamenti (o concentramenti che dir si voglia) organizzati dal Comitato Toscano della FIR e si concluderà con prestigiosi tornei nazionali, da giocare fuori regione. La crescita del gruppo è costante. Il tutto, grazie ai vari appuntamenti agonistici ufficiali ed alle sedute settimanali effettuate sempre con grande applicazione. Al ‘Castellani’ questi gli atleti Lions (nati negli anni 2010 e 2011) utilizzati: Fabio Cappanera, Noemi Marchi, Luca Brondi, Samuele De Simoni, Nathan Ferri, Ryan Romano, Gregorio Guidi, Samuele Michel, Elia De Giulli, Lorenzo Casella.
UNDER 10 FULGIDA ETRUSCHI
Una vittoria e tre sconfitte è il bilancio ‘tecnico’, ma il dato saliente, per la rappresentativa della Fulgida Etruschi Livorno under 10, nel raggruppamento effettuato sul campo ‘Acquedotto’ di Lucca è relativo alla crescita di tutto il gruppo. All’evento hanno partecipato, oltre ai padroni di casa ed ai verde-amaranto labronici, anche il Bellaria Pontedera, il Firenze’31 ed il Livorno Rugby. Indipendentemente dal ruolino di marcia (l’unica affermazione è stata colta con il Lucca), gli allenatori-educatori Stefano Biagi, Paolo Ferro e Maurizio Biasin sono soddisfatti delle risposte giunte. Sotto la pioggia, non è mancato l’impegno. Lo stesso impegno che questi atleti, classe 2010 e 2011 evidenziano nel corso delle sedute settimanali. Il nucleo della formazione è composto da sei giocatori (Valentino Ferro, Diego Bonfigli, Mattia Dell’Unto, Edoardo Biasin, Giordano Rosini e Mattia Morelli), ma si confida di poter allargare al più presto il roster. La società è al lavoro per creare le premesse per un’annata da protagonisti. Domenica prossima raggruppamento al ‘Venturelli’ di Piombino. Ci sono le premesse per un nuovo passo in avanti.
UNDER 6 LIONS
Meglio di così, dicembre non poteva iniziare. Il primo giorno dell’ultimo mese dell’anno solare ha regalato tanti sorrisi ai leoncini. La rappresentativa dei giovanissimi under 6 dei Lions Amaranto Livorno si è ritagliata un ruolo da protagonista nel raggruppamento ospitato allo stadio ‘Ferracci’ di Torre del Lago, il quartier generale dei Titani Viareggio. Ben dieci i bambini amaranto presenti sul terreno di gioco versiliese. Per i labronici è stata la quarta uscita stagionale. E’ stata, soprattutto, una vera e gioiosa festa dello sport. Il divertimento dei tanti giovanissimi atleti coinvolti nell’iniziativa ha simpaticamente contagiato i numerosi adulti presenti a bordo campo. I Lions hanno partecipato all’evento con due squadre. In totale, dieci i giocatori labronici ruotati nelle varie gare disputate. Un atleta del Massa – alla sua prima esperienza agonistica – si è aggiunto, nell’occasione, alle squadre amaranto. Soddisfatti delle risposte giunte anche in questa occasione si sono dichiarati gli instancabili allenatori-educatori dei livornesi Elisa Del Pero e Gianluca Gasparri. Ai loro ordini hanno giocato, a Torre del Lago, questi piccoli-grandi rugbisti: Dario Giordano, Mattia Turchi, Giordano Del Sarto, Giacomo Mannucci, Tommaso Pannese, Mattia Vitiello, Edoardo Signorini, Matteo Gambaccini, Gabriele Cannavò, Davide Bargellini e (del Massa) Diego Frascati.
UNDER 6 FULGIDA ETRUSCHI
Il mese di dicembre presenta sempre un’aria magica. E il mese di dicembre, per i giovanissimi atleti della Fulgida Etruschi Livorno under 6 è iniziato in grande stile. Allo stadio ‘Ferracci’ di Torre del Lago, quartier generale dei Titani Viareggio, nella mattinata di domenica, nel raggruppamento che ha radunato squadre della costa toscana (oltre a Spezia e a Lucca), i verde-amaranto labronici si sono messi in evidenza. E’ stata, quella vissuta in terra versiliese, una festa dello sport gioiosa. Di fatto si sono create formazioni miste: i piccoli-grandi giocatori della Fulgida hanno vissuto una nuova emozione inglobando nella loro squadra bambini-atleti delle altre società. Hanno giocato quattro tempi e si sono divertiti. Complimenti a tutti perché hanno saputo dimostrare il valore dell’amicizia e dell’accoglienza. Al via, oltre ai Titani padroni di casa e ad una rappresentativa della Fulgida (nell’occasione composta da tre elementi: Enea Cecconi, Daniel Lunardi e Mattia Bonfigli), anche Spezia, Lions Amaranto Livorno, Lucca e Versilia. Nonostante le numerose assenze, la Fulgida under 6, sotto la guida degli instancabili ed impagabili allenatori-educatori Silvia Nocelli e Paolo Ferro, ha mostrato buone qualità. Ben più dell’aspetto tecnico, ben più del numero delle mete messe a segno nell’arco delle varie partite giocate nel raggruppamento (o concentramento o ‘Festival’ che dir si voglia), l’aspetto saliente della domenica è relativo al sano divertimento evidenziato da tutti i numerosi protagonisti coinvolti. I dirigenti della Fulgida e gli stessi allenatori-educatori Silvia Nocelli e Paolo Ferro confidano di poter allargare la rosa e, con il rientro di atleti attualmente ai box per malanni di stagione, di poter crescere sotto ogni aspetto.

  

  

 

  

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

www.57100livorno.it: registrazione n° 3 del 03 dicembre 2015.  presso il Tribunale di Livorno - e.mailinfo57100livorno@gmail.com  

Direttore Responsabile: Fabio Buffolino      Note Legali  -  Informativa sulla Privacy  - Informativa sui Cookie